In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 18/11/2018

Jennifer Owens (Irlanda, 1982 - ) - Discussion Developed (2008)

 

Invito al “Game”

di Peppino Perrotta

 

Da tempo mi servo di questo blog per esternare quanto mi passa per la testa; lo faccio perché ci sono affezionato, se non altro perché è gestito da un amico con il quale, ormai nella nostra preistoria, ho condiviso passioni lavorative e non, ed è culturalmente supportato da un altro personaggio al quale mi lega una amicizia che è diventata fratellanza .

Mi sento quindi di casa e nella condizione di portare avanti un’istanza.

Parto da due considerazioni; la prima è che l’ampio parterre degli “autori” annovera personaggi con prestigioso passato e notevole spessore culturale. La seconda è che gli scritti che vengono pubblicati generano solo qualche commento e non provocano veri e propri dibattiti ed approfondimenti che spesso gli argomenti trattati meriterebbero.

Non so quanti siano i lettori né quale sia nella media il loro profilo culturale, ma al di là di loro il dibattito dovrebbe scaturire dal confronto fra gli autori stessi che, come si è detto, sono tanti e qualificati.

Ho pensato che un proficuo confronto si potrebbe generare puntando i riflettori non tanto sulle esternazioni di qualcuno di noi, ma individuando un problema complesso e di comune interesse e contemporaneamente un testo di riferimento la cui autorevolezza fosse riconosciuta da chi è interessato ad approfondire l’argomento.

Tutta questa complicata premessa per dire che in questi giorni ho finito di leggere (e di rileggere perché la materia è tosta) l’ultimo libro di Baricco “The game” che affronta e sviscera la complessa tematica della rivoluzione tecnologica culturale e sociale che stiamo vivendo. Un libro a mio avviso straordinario per originalità e profondità che mi sento di suggerire a chi, fra quelli che avvertono il peso di questo tema, non lo avesse già letto. Mettere a confronto l’esegesi che ciascuno dei componenti di un ipotetico panel potrebbe fare del testo potrebbe essere un bel motivo di confronto.

Chi è interessato batta un colpo ed un saluto a tutti.

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:04/11/2018 12:40:22
Ultimo aggiornamento:07/11/2018 10:05:05
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
nel futuro, web magazine di informazione e cultura nel futuro, archivio
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology