In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 22/10/2017
maccari-cesare-cicerone-senato.JPG
Cesare Maccari (1840-1919)– Affresco con Cicerone davanti al Senato romano
 

 

Messaggio al senato

di Peppino Perrotta

 

Vorrei mandare un messaggio al senato, cioè ai vecchi ultra….enni che frequentano il blog, scrittori o commentatori che siano.

Prendo spunto dalla polemica che, ai margini del seguitissimo articolo di Gianni di Quattro sul declino dell’Olivetti, è nata tra lui e Davide Torrielli. Gianni ha ragione nel sostenere che l’analisi del passato, che i vecchi possono fare meglio dei giovani, può aiutar loro ad affrontare meglio il futuro, e ci sta anche che questo passato emerga dalla esternazione di semplici ricordi personali. Non dimentichiamo però, e naturalmente parlo anche per me, che “nel futuro” è il marchio della ditta.

Quale apporto possiamo dare noi ultra….enni alla comprensione del mondo a venire oltre a quello indicato da Gianni?

L’esperienza personale mi dice che è meglio lasciare ai più giovani di immaginare l’evoluzione tecnologica; facciamo già fatica a raccapezzarci nei cambiamenti in atto alla data. Diverso invece è per l’evoluzione politico/sociale. Qui però dobbiamo stare attenti a non cadere in una trappola, quella di limitarci a una descrizione del come e del perché le cose vadano ed andranno sempre peggio, consolandoci con il fatto che non saremo noi a dover vivere questo brutto futuro. Possiamo anche aver ragione, ma le geremiadi (e il nostro blog ne ha ospitate tante) non aiutano chi invece ci si troverà dentro a capire meglio, per quanto sia possibile, quel che potrà accadere.

La visione politica del futuro è avvolta in una nebbia creata dall’attività di cortissimo respiro di chi ci guida, e alimentata dall’informazione che la segue. L’esperienza di noi ultra…enni è un’arma che abbiamo in più rispetto ai giovani per tentare di bucare questa nebbia. Possiamo essere noi a promuovere un dibattito sull’evoluzione politico/sociale italiana e europea, basata non su malumori, speranze o intuizioni, ma, per quanto possibile, su analisi ragionate dei dati di fatto.

Colleghi ultra…enni ce la sentiamo?

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:30/07/2017 18:16:24
Ultimo aggiornamento:30/07/2017 18:28:28
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
nel futuro, web magazine di informazione e cultura nel futuro, archivio
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology