In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 17/02/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Denis Wyllie (Contemporanea - London) - Wild wind blown tree - Woods painting

 

S'è Avvutat 'O Viento

di Peppino Perrotta

 

Ormai lo abbiamo capito. Renzi fa finta di niente, ha deciso di aggrapparsi alla struttura di potere da lui generata e pensa di sorprendere gli avversari con la rapidità di azione e la faccia di tolla.

Mentre lui, a dispetto dell’immagine di Cincinnato che pensa di trasmettere agli italiani, è più attivo che mai, nell’olimpo di quelli che comandano (cioè di quelli che muovendo grandi masse di denaro fanno la vera politica a livello transnazionale) lo hanno smarcato. Pensavano di aver trovato qualcuno che imbrigliasse quei pasticcioni degli italiani in un sistema più facile da addomesticare, ma hanno dovuto registrare il suo fallimento.

Quindi, mentre lui si arrampica su sé stesso nel tentativo di rimanere in piedi, loro stanno già pensando ad un’altra soluzione.

Questo è quel che penso e che fino a ieri era supportato soltanto dal mio cervello, che purtroppo talvolta, anzi spesso, si sbaglia. Stamattina ho avuto però una conferma non da poco.

Vi ricordate quando, non molto tempo fa, De Benedetti sostituì il direttore di Repubblica, Ezio Mauro, spesso troppo critico nei confronti di Renzi, con Calabresi il quale, seppur con la classe che lo distingue, dette al giornale una sterzata filogovernativa?

De Benedetti non siede proprio nell’olimpo, ma è così vicino da sentire i colloqui degli dei. Allora fece quella mossa perché registrò che essi puntavano sulla scommessa di questo giovane, che poi è andata come è andata.

L’editoriale di ieri di Repubblica sancisce una svolta netta del giornale in senso antirenziano. I pochi giorni dal 4 dicembre ad oggi sono serviti a De Benedetti per tendere l’orecchio, avere conferma di ciò che aveva capito la sera stessa dei risultati, e impartire a Calabresi il conseguente ordine di scuderia.

Mentre Renzi si affretta a comunicare agli italiani che vuole bene alla nonna e che rimbocca le coperte ai figli in quel paesaggio da Mulino Bianco, posticcio e nauseante, il vento, come dicono a Napoli, s’è avvutato.

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:14/12/2016 20:13:00
Ultimo aggiornamento:02/01/2019 12:24:50
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology