Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]
Aggiornato al 01/10/2020

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal
Beppino Ponte

 

Beppino Ponte

Friulano di nascita e convinzione, diplomato in elettrotecnica con esperienze di insegnamento in istituti tecnici, piemontese di adozione ad opera di Olivetti dove mi sono occupato lungamente di assistenza e supporto tecnico ai clienti in posizioni direttive, a stretto contatto con le organizzazioni commerciali a livello internazionale.
I vari ruoli ricoperti richiedevano sia una profonda conoscenza dei prodotti dal punto di vista tecnico sia una sviluppata sensibilità commerciale.
L’assistenza tecnica in Olivetti è sempre stata, oltre che un’ottima fonte di fatturato, anche una finestra che dava la visibilità completa sull’azienda, consentendo di acquisire un’esperienza professionale a tutto campo.
Ciò mi ha permesso di partecipare attivamente sia all’ampliamento e trasformazione dell’offerta aziendale dei servizi di post vendita, sia al successivo approdo nel settore delle telecomunicazioni a valle della deregolamentazione.
Varie esperienze di consulenza nel settore organizzativo aziendale e infine completamento dell’esperienza lavorativa con la direzione di una società cooperativa di garanzia al credito artigiano, emanazione della CNA.
Ho scoperto un mondo nuovo con l’avvicinamento all’astronomia a livello amatoriale, fonte di emozioni indescrivibili.
Amo la lingua friulana e collaboro con la Società Filologica Friulana per la pubblicazione di articoli di argomento astronomico in stretta Marilenghe sulle riviste Strolic Furlan e Sot la Nape. La riscoperta della madreligua, perché è tale per me il friulano, dopo una lunga assenza, è un lavoro continuo di ricerca soprattutto trattando una scienza come l’astronomia dove è spesso necessario inventarsi qualche neologismo, ma la soddisfazione di ricordare vecchie espressioni e modi di dire unici, sintetici che in italiano richiederebbero lunghi giri di parole, è veramente impagabile.
Lo pensava anche un certo Pier Paolo Pasolini.

Venerdì 13 luglio 2018 è improvvisamente scomparso Beppino Ponte, un amico, un ex-collega, una persona davvero speciale che ha fattivamente collaborato con Nel Futuro, credendoci, fin dall’ormai lontano 2013.

 

 

Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.
Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology