Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]
Aggiornato al 08/05/2021

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

TRAGUARDI

Questa sezione raccoglie articoli che parlano di organizzazioni, aziende ed iniziative che Nel Futuro ha scelto di portare all’attenzione dei propri lettori.

Ciò in considerazione dei risultati raggiunti nel loro percorso di ricerca e realizzazione di idee, progetti, servizi e prodotti che presentano particolari caratteristiche di originalità, qualità e validità.

Per eventuali vostri commenti o nuove segnalazioni indirizzare a redazione@nelfuturo.com.

 

Community Progettare Insieme

di Federico Butera

La Quarta Rivoluzione Industriale non è solo tecnologia, ma anche organizzazione e lavoro di nuova concezione. Occorre progettare e sviluppare insieme tecnologie abilitanti, imprese integrali, organizzazioni a rete flessibili, lavoro professionale, capacità e competenze digitali e sociali. La progettazione deve il più possibile essere svolta insieme agli stakeholder, ai lavoratori e agli utenti, condividendo obiettivi di produttività, sostenibilità, qualità della vita. Politiche industriali e educative devono essere realizzate davvero per aiutare le imprese e i lavoratori a rafforzarsi nella transizione.
La Community “Progettare Insieme” (vedi presentazione estesa a questo URL) è un network volontario di noti esperti operanti in diversi campi che condivide questa visione e che vuole rendersi utile per diffondere le esperienze virtuose e i modelli e metodi di successo e per generare idee, proposte e progetti.

(Link all'articolo)

 

Arte e creatività nella stampa dei tessuti

di Pietro Bordoli

Intervista a Ercole Aiani, titolare della S.T.P.

Ercole Aiani si occupa di stampa su tessuti da oltre cinquanta anni. E’ stato titolare negli anni 1970-2000 della stamperia MAR, da lui fatta crescere fino ad un organico di una sessantina di persone e poi messa in liquidazione per il pesante calo del fatturato nel 1999.

Oggi gestisce una piccola realtà imprenditoriale che si è specializzata nella stampa di tessuti destinati all’alta moda con ricerca continua di soluzioni innovative e inimitabili con le normali tecniche di stampa sia tradizionale che digitale.

Nel Futuro lo interroga sullo stato dell’arte attuale del settore.

(Link all'articolo)

 

Offshore LNG Toscana: un contributo alla sicurezza energetica del Paese

di Ruggero Cerizza

Probabilmente la gran parte dei lettori di Nel Futuro non sono a conoscenza che il nostro sistema nazionale di approvvigionamento di gas può vantare un impianto rigassificatore off-shore, nel suo genere, unico al mondo.

La società che mi onoro di amministrare, specializzata in sistemi di radiocomunicazione, ha avuto l’opportunità di fornire il proprio contributo a questa opera, realizzando l’impianto di collegamento in ponte radio per le necessarie comunicazioni terra-mare.

Nella prima parte di questo articolo, dopo una premessa relativa al gas naturale liquefatto ed al suo sistema di trasporto, descrivo per sommi capi la realizzazione dell’impianto nella sua interezza, mentre nella seconda parte illustrerò il nostro apporto perché, come vedremo, rappresenta anch’esso un unicum sul territorio italiano.

(Link all'articolo)

 

Mo Ibrahim il pioniere etico delle telecomunicazioni in Africa

di Achille De Tommaso

Mo Ibrahim è pressoché sconosciuto in Italia, e in gran parte dell’Europa. Chi lo conosce al massimo lo conosce per essere un buon tecnologo, oppure uno che con la tecnologia ha fatto tanti soldi.

Eppure, per molti versi, non solo Ibrahim, come pioniere/visionario, può stare alla pari di Gates, Zuckemberg e Jobs, ma, anche come benefattore si è dimostrato un innovatore; infatti non ha solo introdotto gli africani nel mondo delle comunicazioni mobili; ma ora sta investendo le sue risorse per sviluppare una rete di leader africani professionali ed etici, per le generazioni future.

(Link all'articolo)

 

Luca, il primo netturbino di detriti spaziali

di Vincenzo Rampolla

Fin da bambino, ho sempre sognato di fare l’astronauta - dice Luca Rossellini, - e ho programmato la mia vita su quell’obiettivo. Quando nel 2009 è uscito il bando per astronauti ESA, ho subito presentato la domanda insieme a 10.000 candidati. Sono riuscito ad arrivare quasi in fondo… ma qualcosa è andato storto,  il profilo psicologico… forse non ero troppo matto per fare l’astronauta… Ci ho dato dentro e nello stesso anno ho vinto una borsa di studio Fullbright per un Certificate in Business Entrepreneurship alla Silicon Valley. Là ho conosciuto Renato Panesi, socio fondatore di D-Orbit e CCO (Chief Communication Officer).

(Link all'articolo)

 

Ca’del Sette, quando il vino racconta una lunga storia d’amore

di Marialuisa Duso

Sedere accanto ad un fuoco e bere un bicchiere di vino ha un effetto rasserenante anche per chi, come lui, non si ferma mai.

Quel fuoco che evoca i suoi ricordi d’infanzia «la mia famiglia diceva che una casa senza camino è come una chiesa senza campanile», unito al vino, la sua passione, prima ancora che il suo mestiere, rappresentano l’essenza di Matteo Pontalto, 45 anni, una vita fra i vigneti, proprietà della sua famiglia dal 1865, nelle generose aree Doc e Igp del Veronese e del Vicentino.

(Link all'articolo)

 

Sim-patia: venti anni di impegno per passare dal buio alla speranza

di Graziano Saibene

 

Flash-back nr. 1.
Roma, estate 1986: Martino è un ragazzo di 17 anni pieno di vita, forse troppo: il campionato di basket è appena terminato (gli è sempre riuscito bene divertirsi e divertire, quest'anno è stato anche utile al successo della squadra), tra poco andrà al mare, e deve preparare il fucile per la pesca subacquea, l'asta mostra qualche traccia di ruggine, e anche tutto il resto deve essere lubrificato.
È bastato un attimo di disattenzione, un gesto maldestro.

(Link all'articolo)

 

Obiettivo50: manager in rete per affrontare il cambiamento

di Gianfranco Antonioli

Siamo verso la metà del 2004. Uno sparuto, ma coraggioso e determinato manipolo di ex-dirigenti d’azienda, con un importante passato manageriale, ma finiti fuori dal mondo del lavoro per lo più a causa di ristrutturazioni aziendali, si ritrova a Milano per riflettere su questa fase della vita professionale. Decidono di affrontare di petto il fenomeno, allora particolarmente diffuso e doloroso, della forzata inoperosità di tanti manager, troppo giovani per smettere del tutto di lavorare ma troppo vecchi per ripresentarsi al mondo del lavoro, almeno quello dipendente.

(Link all'articolo)

 

Inserito il:28/10/2020 08:49:08
Ultimo aggiornamento:15/02/2021 09:49:30
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.
Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology