In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 27/04/2018

I due Soli e il PD di Bersani

di Romeo Gazzaniga

In molti si sono interessati, o addirittura iscritti, per la prima volta ad un partito, il PD, quando nel 2012 fu eletto Segretario Luigi Bersani. Erano convinti che le sue famose lenzuolate di liberalizzazioni ....

Uno squarcio nel buio, … forse

di Davide Torrielli

In questi giorni sto attentamente seguendo, come poco ho fatto in passato, i movimenti delle diverse schiere politiche nel balletto della ricerca di composizione di un eventuale nuovo governo. Emerge con stile ancora una volta come l'equilibrio istituzionale di facciata ....

Gli ultimi dinosauri

di Tito Giraudo

Si dice che i simpatici rettili preistorici morirono tutti insieme causa un meteorite che spostò l'asse terrestre. In questo paese, ci sono dinosauri che invece stanno morendo naturalmente, estinguendosi per vecchiaia. L'altro giorno ....

Ricordo di un'ombra

di Simonetta Greganti Law

A volte i sogni sono premonitori e l'incubo che Mrs. Lewis aveva avuto qualche mese prima era ora diventato una triste realtà. Quella situazione di angoscia vissuta nel mondo onirico, si era adesso ripresentata nella vita reale lasciando Annabel stupefatta per non essere riuscita ....

Isabella Mattazzi e il fragile potere del linguaggio

di Fabio Macaluso

Isabella Mattazzi è una docente di letteratura francese all'Università di Ferrara, saggista, traduttrice di scrittori francofoni e critica letteraria e ha una qualità non comune: coniuga rigore e libertà su temi apparentemente lontani, dalla teoria e analisi dei testi .....

Consolarsi del vivere

di Marialuisa Bordoli Tittarelli

La passeggiata era un passatempo molto amato dalla signora Persi, lo era sempre, figuriamoci poi se il percorso era un viottolo sotto gli alberi lungo un corso d'acqua! Greg la portava spesso su quella stradina poiché la percorreva ....

Employability: come entrare nel mondo del lavoro

di Mario Salmon

Un nuovo corso all'università di Bologna La “Employability”, cioè la capacità di una persona di acquisire e mantenere un impiego professionale, sembrerebbe, a prima vista, il principale obiettivo di qualsiasi scuola che voglia preparare gli studenti ad entrare .....

Il dubbio

di Gianni Di Quattro

Penso e quindi sono, diceva Cartesio. Forse bisognerebbe aggiungere un importante corollario e cioè dubito e quindi ragiono. Infatti solo il dubbio spinge a riflettere, a pensare, a ragionare sulle cose con apertura e con disponibilità. Pensare e ragionare per pregiudizi ....

Segnalazione

5g e IoT, la parola a Laura Rovizzi

Open Gate Italia ha partecipato attivamente all’ultima edizione di IoThingsMilan 2018 con l’intervento, durante la prima giornata, dell’AD Laura Rovizzi, sui fattori tecnici e regolatori indispensabili per lo sviluppo dell’IoT.

L’intervento di Laura Rovizzi è iniziato con una riflessione sul concetto di IoT, che consente di interconnettere qualsiasi dispositivo tramite il collegamento a internet, realizzando una gigantesca rete di cose e persone, che possono raccogliere, trasmettere, analizzare ed utilizzare i dati immagazzinati. Applicazioni fondamentali per lo sviluppo in primo luogo delle smart cities, in cui tutti i servizi saranno connessi: i trasporti verranno rivoluzionati dalle connected cars, dal monitoraggio del traffico in tempo reale e dallo smart parking; potranno essere implementati i sistemi di distribuzione energetica, ma anche sistemi di videosorveglianza, cassonetti intelligenti e monitoraggio ambientale e della qualità dell’aria e tanto altro.

AlterItà

AlterItà è un saggio dell’etnografo Gabriele Paleari che esamina le culture autoctone dell’Istria, della Dalmazia, delle Bocche di Cattaro e del Grigioni italiano. Il termine ‘cultura’ si riferisce a espressioni quali l’architettura, l’enogastronomia, la letteratura e le lingue.

Lo studio evidenzia tensioni tra fragilità e vitalità culturali analizzando fotografie, prosa letteraria e studi caso sulle specificità di ogni regione. L’idea di AlterItà, cioè di diversità culturale ‘italiana’, si smarca dai concetti di ‘nazione’ e di ‘italianità’ associati alla Repubblica italiana. Il saggio vuole contribuire ad aumentare la consapevolezza dell’esistenza di tali culture che sono trascurate per motivi ideologici.

Gabriele Paleari (1971) è etnografo. Dal 2000 insegna come Lecturer presso la Nottingham Trent University, dove ha conseguito un PhD in scienze culturali. Dedica gran parte dei suoi studi alle aree poste al di fuori dell’Italia le quali, pur mantenendo legami con alcune regioni dello Stivale, si contraddistinguono
per specificità uniche e identità nazionali talvolta divergenti. A questo proposito
ha pubblicato Autochthonous “Italianness” beyond Italy’s national border (2018), che è una disamina dell’estendibilità del concetto di nazione, uno studio dedicato alla narrativa della scrittrice istriana Roberta Dubac, intitolato Memory, Italianness, and borders in Istria in the work of Roberta Dubac (2017) e l’articolo Altre Italie (2012), in cui analizza il tema dei confini fisici e metafisici nelle opere di prosa degli autori grigionitaliani Massimo Lardi e Gerry Mottis. Ha vissuto a lungo a Oxford, dove ha lavorato come libraio antiquario. Si è diplomato prima come insegnante d’inglese (CELTA) e ha poi ottenuto l’abilitazione alla docenza
universitaria in Inghilterra (PGCHE). Dal 2014 è Fellow della Higher Education Academy.


Il libro si può acquistare per il momento in Svizzera (Libreria Russomanno, Grono oppure direttamente dall'editore a Poschiavo - 359 pagine - CHF 36.00).
 

 

Action Institute

La donna nei media: dallo stereotipo alla possibile rinascita sociale

di Jonathan Rossi

La Rai assicura […] la più completa e plurale rappresentazione dei ruoli che le donne svolgono nella società, nonché la realizzazione di contenuti volti alla prevenzione e al contrasto della violenza in qualsiasi forma nei confronti delle donne”.

Così recita l’articolo 9 “Parità di genere” del nuovo contratto di servizio 2018-2022 Rai. Un documento con il quale l’agenzia riconferma il proprio impegno nella battaglia contro gli stereotipi di genere e l’oggettivazione delle donne nella televisione nazionale. Un’affermazione di grande importanza considerando l’impatto che i mass media hanno nella formazione dell’immaginario collettivo sociale. Basti pensare a come, per tutta la seconda metà del Novecento, la televisione abbia offerto una vasta gamma di programmi accomunati da un’immagine del genere femminile relegata alla sfera privata, che trovava nel lavoro domestico l’emblema del proprio “io sociale”. Già nel 1979 l’UNESCO sottolineava come la rappresentazione della figura femminile trasmessa dai media fosse completamente distorta, con la donna prevalentemente impiegata come oggetto decorativo, dipendente dal proprio marito dal punto di vista finanziario e dedita esclusivamente alla cura della casa.

Continua la lettura all'URL:  http://www.actioninstitute.org/pubblicazione/la-donna-nei-media-dallo-stereotipo-alla-possibile-rinascita-sociale/

 

 

Home>
Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:10/12/2014 20:55:07
Ultimo aggiornamento:27/10/2017 16:51:34
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)

Ultimi pubblicati

nel futuro, web magazine di informazione e cultura nel futuro, archivio
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology