In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 23/10/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

I germi dell'impeachment di Donald (2)

di Vincenzo Rampolla

A Minneapolis la sera del 10 ottobre Donald ha parlato per 102 minuti. 20.000 persone su 100.000 prenotate per occupare l'arena, prima tappa del rally elettorale 2020 preteso da lui in anticipo. Discorso insolito per un debutto. Infarcito qua e là di bassezze, di attacchi virulenti contro gli oppositori politici ...

Partecipate ai dibattiti aperti nelle “stanze” virtuali di Nel futuro

 

Nel Futuro desidera favorire lo scambio di opinioni ed il confronto di idee tra i propri lettori su temi di attualità e di interesse generale ed invita pertanto tutti a voler partecipare ai dibattiti che si sviluppano nelle sue “stanze” virtuali.

Scienza del clima e “consenso”

di Achille De Tommaso

Chiunque abbia studiato la storia della scienza sa che gli scienziati non sono immuni alle dinamiche non razionali del “gregge”. Nell'aprile 2017 fu inaugurata, a Washington D.C., la prima “Marcia per la Scienza”; strano, perché generalmente le marce sono tenute per difendere qualcosa che è in pericolo.

Nucleo concretezza e misure anti-assenteismo: novità per la PA italiana

di Michela Salvaderi

E' entrata in vigore il 7 luglio 2019 la legge n. 56 del 2019 intitolata “Interventi per la concretezza delle azioni delle pubbliche amministrazioni e la prevenzione dell'assenteismo”. Lo scopo di tale legge è quello di trovare soluzioni concrete ed efficaci utili a garantire una solida reputazione della Pubblica Amministrazione

“La costruzione della Società di Massa” - EPILOGO

di Camilla Accornero

Dopo mesi e mesi trascorsi a capo chino sui libri, a leggere e rileggere ossessivamente sempre le stesse parole, compresi, mio malgrado, di occupare una posizione non dissimile da quella dell'Osservatore e, per estensione, degli Eredi stessi, di cui ormai potevo considerarmi uno stimato membro.

I germi dell'impeachment di Donald (1)

di Vincenzo Rampolla

Gli attori. In un momento buio della campagna presidenziale di Donald, emerge dal nulla Lev Parnas, un emigrato ucraino ebreo. Meno di un mese prima delle elezioni, i principali sponsor del GOP (Grand Old Party - Partito Repubblicano) erano terrorizzati dalle vanterie di Trump, sciupatore di alcune femmine durante una registrazione ...

Action Institute

Mercato del lavoro 2.0: come non farsi cogliere impreparati?

di Antonia Vanzini

Intelligenza artificiale, rete blockchain, robotica, algoritmi: il nostro, appare chiaro, è sempre più un mondo a portata di click, nel quale uomo e robot stanno imparando a convivere.

Ogni dimensione della vita quotidiana diviene oggetto di crescente automazione e il mondo dell’occupazione subisce le conseguenze di questa rapida ondata di digitalizzazione. Se la sociologia segue il mantra “dimmi che lavoro fai e ti dirò chi sei”, la quarta rivoluzione industriale a cui lo sviluppo tecnologico ha dato avvio cambia radicalmente le carte in gioco, ridefinendo le regole tradizionali su cui il funzionamento di ciascun settore produttivo si basa, dando vita a nuove formule contrattuali e richiedendo competenze tecniche specifiche, da acquisire per affrontare con prontezza il cambiamento.

 E così, in una realtà sempre più orwelliana, è un attimo passare da “Il Grande Fratello ti guarda” a “Il Grande Fratello prende il tuo posto”. Come dimostra uno studio condotto da McKinsey, “Jobs Lost, Jobs Gained”, entro il 2030 l’automazione renderà superfluo tra il 9 e il 26% di tutte le ore dedicate ad attività lavorative tradizionali e il 14% dell’intera forza lavoro mondiale si vedrà costretto a cambiare occupazione, non essendo in grado di allineare le proprie competenze alle nuove e sempre più richieste technological skills. Secondo i dati pubblicati nel report, tale rivoluzione riguarderà i paesi sviluppati molto più che le realtà in via di sviluppo e il 10% dell’occupazione assisterà all’entrata in scena di nuove figure professionali che noi, nella società di oggi, abituati al classico medico, insegnante, avvocato, operaio, faticheremmo persino ad immaginare.

 

(Continua la lettura sul sito di Actiion Institute)

Home>
Inserito il:10/12/2014 20:55:07
Ultimo aggiornamento:27/10/2017 16:51:34
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology