Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]
Aggiornato al 20/09/2020

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal
Marco Filippazzi

 

Marco Filippazzi

 

Marco Filippazzi si occupa da molto tempo del tema che dà il titolo al suo articolo, cioè lo sport come mezzo di terapia e integrazione per persone con disabilità.

Il suo interesse per questo argomento deriva da esperienze personali. Infatti dall’età di sei anni, in seguito ad un intervento di neurochirurgia, ha una disabilità al braccio e alla gamba sinistra.

Malgrado ciò conduce una vita normale, ha fatto studi regolari e trovato un lavoro soddisfacente.

La sua disabilità non gli ha impedito di svolgere attività sportive, partecipando a gare e competizioni organizzate dal comitato paralimpico italiano.

Oltre a ciò, ha dato contributi di idee e attività a enti e organizzazioni che si occupano di questo tema. Dal 2002 è atleta e tecnico presso la società paralimpica Polisportiva Milanese Sport Disabili ONLUS. Inoltre è ideatore e promotore di un progetto con le scuole sullo sport come mezzo di terapia e integrazione per persone con disabilità.

 

 

Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.
Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology