In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 24/01/2020

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

BIP Mobile, una tragedia prevista?

03/01/2014

 

Dal 30 Dicembre scorso tutte le 220mila utenze BIP Mobile risultano irraggiungibili. A ciò si aggiungono la totale scomparsa del servizio clienti e la mancanza di comunicazione da parte della compagnia (se si esclude un pietoso messaggio presente da tre giorni sul sito).

Non possiamo sapere cosa sia successo, ma qualche dato c’è: ad Agosto 2013 H3G segnalava ad AGCOM la situazione di insolvenza che di era venuta a creare da parte di Telogic/Vistream (enabler a cui fa riferimento anche BIP Mobile) e minacciava la cessazione della fornitura dei servizi a quest’ultimo. Telogic si difendeva segnalando che la precarietà delle sue condizioni economiche era causata in buona parte da BIP Mobile, che da mesi era a sua volta insolvente.

La catastrofe è stata scongiurata tre mesi dopo, quando dei nuovi investitori hanno salvato Telogic che ha a sua volta presentato ad H3G un piano di rientro che quest’ultima ha accettato. Sembra che qualcosa sia comunque andato storto, perché a fine Dicembre Telogic ha cessato la fornitura del servizio nei confronti di BIP Mobile lamentando nuovamente una reiterata e ormai insostenibile situazione di insolvenza.

Al lancio di BIP c’è chi parlava di un numero di utenti atteso intorno ai 700mila, quindi è facile immaginare che con gli appena 220mila clienti racimolati ci siano stati gravi problemi a rientrare degli investimenti effettuati. Ad ogni modo, la situazione è semplice: tutte le utenze risultano ad oggi irraggiungibili, non ci sono comunicazioni ufficiali e abbiamo motivo di pensare che anche solo attivarsi per concedere delle portabilità in uscita non sia operazione così semplice e immediata. Probabilmente servirà un intervento urgente e forte di AGCOM per risolvere la questione e salvare il salvabile.

Sorge spontanea una domanda: il risparmio offerto da BIP era più teorico e pubblicizzato che reale, essendo i costi di un utilizzo ‘reale’ solo di poco inferiori a quelli dei ben più stabili operatori che abbiamo imparato a conoscere. È valsa la pena, per chi lo ha fatto, di affidarsi a questo operatore?

Inserito il:24/11/2014 21:24:15
Ultimo aggiornamento:01/02/2019 23:22:25
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology