In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 15/12/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Linked open metadata e ontologie. 

27/05/2014

 

Leggendo la presentazione di Fernanda Faini (http://www.slideshare.net/FernandaFaini/presentazione-open-gov-open-data-forum-pa) all’ultimo recente Forum-PA, ho ripensato ai miei lavori svolti in passato, e alle mie proposte in merito all’oggetto.

In particolare mi hanno colpito le seguenti 2 slides della presentazione di cui sopra:

http://www.slideshare.net/FernandaFaini/presentazione-open-gov-open-data-forum-pa/23

http://www.slideshare.net/FernandaFaini/presentazione-open-gov-open-data-forum-pa/24

Ovvero quelle relative alla qualita’, alle stelle, di classificazione degli open data.

Ho provato ad immaginare una ipotesi di posizionamento delle mie idee ed esperienze, azzardando due stelle in piu’, ovvero una prospettiva di come andare oltre alla quinta stella, quella relativa al concetto di linked open data.

Si dice infatti, nella presentazione a pagina 24, che i “Linked Open Data (5 stelle): presentano nella struttura del dataset collegamenti ad altri dataset (Linked RDF)”.

Da qui, secondo me, si puo’ partire ed andare oltre.

Cosi’ come nei miei lavori, partendo dai reverse delle strutture logiche delle basi dati (chiavi primarie e straniere, ma soprattutto descrizioni testuali di tavole e campi), proponevo 2 fasi:

-        Realizzazione dei cataloghi dei metadati

-        Inferenza semantica per somiglianza, con uso di ontologie leggere (schemi concettuali),

allo stesso modo, per analogia e forte similitudine, e’ possibile fare partendo dai linked open data.

Catalogare quindi i linked open data con i metadati descrittivi delle tavole e campi pubblicati, aggiungendo la sesta stella, che ci porta a livello LOM (Linked Open Metadata).

Successivamente, con l’uso di ontologie leggere, ovvero schemi concettuali con gerarchie di entita’ e relazioni, inferire conoscenza per somiglianza nei metadati descrittivi di tavole e campi, raggiungendo cosi’ la settima stella che ci porta a livello LOMO (Linked Open Metadata Ontologies)

Per arrivare a realizzare tutto questo nella pubblica amministrazione, un modo puo’ essere quello descritto in questo mio precedente articolo:

http://nelfuturo.com/un-progetto-collaborativo-per-la-knowledge-base-della-pubblica-amministrazione/

 

Inserito il:24/11/2014 14:05:30
Ultimo aggiornamento:03/12/2014 21:45:21
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology