In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 20/02/2020

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Telefonica. Perchè non provarci?

27/09/2013

 

Noi italiani non smettiamo mai di lamentarci. Ogni volta che qualcuno deve scegliere tra A e B, qualunque scelta faccia, riusciamo a criticarlo dicendo che l’altra sarebbe stata migliore. Sulla vicenda Telefonica / Telecom Italia non andrò a fare riflessioni di carattere normativo / economico, non voglio andarmi a infilare in tali questioni, e non voglio fare valutazioni di carattere tecnico. Non in questa sede. Voglio invece concentrarmi su come l’italiano medio vede (o dovrebbe vedere) questa acquisizione, e perchè, a mio parere, non dovrebbe essere così criticata.

Le critiche genericamente rivolte a Telecom Italia sono quelle rivolte a qualunque società abbia il nome che finisce per “Italia”: scarsa innovazione, scarsa visione d’insieme, appalti dati in mano ad “amici di amici”, posti di lavoro e poltrone date a parenti, dirigenti che non meritano certe posizioni. Quindi, perchè non dare a degli spagnoli la possibilità di risolvere dei problemi prettamente italiani, visto che secondo molti la causa dei nostri problemi siamo proprio noi?

Il panorama delle telecomunicazioni si sta velocemente modificando: si va verso società sempre più grosse, che assorbono i piccoli player locali. Parlavo giusto qualche settimana fa di quello che Vodafone intende fare con i 130 miliardi di dollari che si è appena intascata. Cosa vuol dire società sempre più grosse? Significa che, per esempio, trattando con un produttore di apparati radio LTE, Telefonica e Vodafone se la cavano meglio rispetto alla attuale Telecom Italia, perchè possono offrire al produttore di turno un appalto per coprire decine di paesi. Perchè Telecom Italia a noi sembra grande, siamo abituati a vedere solo quella, ma in realtà nell’universo attuale è piccola. Piccola piccola, è un fornitore locale, che esce a malapena dal suo paese (Tim Brasil).

Telefonica è una di quelle società che innovano, innovano pesantemente, e che non ha mai accettato il minimo errore dal suo management: un manager telefonica sa già che se il suo reparto non sta funzionando come dovrebbe, è meglio si cerchi un altro posto di lavoro perchè non durerà tanto. Telefonica è attenta al cliente, Telefonica è arrivata ovunque alla razionalizzazione estrema delle risorse (addio agli sprechi, in altre parole).
Per quanto possa analizzare la questione, ci vedo solo vantaggi. La perdita, signori miei, è solo morale. Perchè si, se Telecom Italia e Alitalia smettono di essere italiane, saremo tutti un pò demoralizzati. Ma, alla fine, una Telecom Italia che funziona, vuol dire banda. Banda vuol dire sviluppo. Sviluppo vuol dire nuove opportunità.

Se ce la giochiamo bene, avremo possibilità di non rimpiangere questa scelta.

 

Inserito il:24/11/2014 20:57:31
Ultimo aggiornamento:01/02/2019 23:23:21
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology