In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 05/12/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Robert Proch (Polonia, 1986 - ) - Haters

 

Antropologia digitale: come sopravvivere agli odiatori; gli “haters”

di Achille De Tommaso

 

All'età di 20 anni, ci preoccupiamo di ciò che gli altri pensano di noi. All'età di 40 anni, non ci interessa cosa pensano di noi. A 60 anni scopriamo che non ci hanno pensato affatto.

Non esiste una norma che definisca con precisione in cosa consista lo “hate speech” (che comprende “discorsi d’odio”, “espressioni d’odio”, “linguaggio d’odio”, ecc.) esso consiste in una specifica forma di discriminazione che si estrinseca non attraverso azioni o omissioni, ma mediante deprecabili modalità di manifestazione del pensiero. Diffuse e reiterate attraverso Internet, tali forme espressive hanno l’effetto di alimentare i pregiudizi, consolidare gli stereotipi e rafforzare l’ostilità.

L'universo degli haters, dei troll, delle shitstorm e del cyberbullismo cresce in maniera esponenziale; la grande diffusione degli haters ha anche una motivazione economica. Coi loro commenti negativi diventano degli “influencer” in grado di dirottare il mercato da una parte all’altra. Dal punto di vista del marketing, l'hater genera engagement, ovvero coinvolgimento da parte dell'utente..

***

Ecco alcuni consigli, presi qua e là, per sopravvivere:

Ricorda sempre: non fanno statue dei critici. Fanno statue dei sognatori, di quelli che hanno rischiato. I rivoluzionari che hanno avuto un impatto sono quelli che hanno cambiato le regole, hanno posto fine alle guerre e combattuto per la libertà.

Stai per ispirare invidia e critiche perché hai successo in quello che fai? Considera che la critica è la migliore prova che tu abbia avuto un buon successo. Fa sì che le critiche siano il tuo combustibile, non la tua kryptonite.

Ciò che qualcuno dice riflette spesso come egli stesso si senta. Se qualcuno ti offende chiediti: "Che cosa sta passando questa persona? Ha forse bisogno di dire qualcosa del genere per sentirsi meglio?” E magari passaci sopra: nel momento in cui prendi i commenti negativi personalmente, stai perdendo.

Le persone felici e di successo non perdono tempo a dire cose negative sugli altri. Perché dovrebbero?

Quando fai buone cose, avrai sempre nemici. E’ utile sapere che è inevitabile. Quindi chiediti: "Come posso usare gli odiatori per sostenere ancora di più ciò in cui credo?"

Innanzitutto comprendi che ciò che alimentiamo cresce e che ciò che facciamo morire di fame, muore. Non reagire quindi ai tuoi nemici. Renditi conto che le loro parole riguardano più qualcosa di irrisolto in loro, che in te.

Abbraccia le critiche. I momenti di disagio sono di solito un segno che sei sulla strada giusta. La prossima volta che qualcuno criticherà le tue scelte, chiediti se sei fedele ai tuoi valori personali. Se la risposta è sì, sorridi e sappi che stai facendo la cosa giusta!

Gli "haters" comunicano spesso per chiedere aiuto. Le persone ferite feriscono le persone. Quando combattiamo gli altri, riveliamo più del nostro vero carattere che del loro. Un attacco agli altri espone quindi solo il nostro processo mentale, le insicurezze, le emozioni represse e il modo in cui giudichiamo le persone.

I sostenitori migliori e più potenti spesso iniziano come i tuoi critici più duri. Ma non ignorare il feedback dei critici. Ascoltali e interagisci con loro in modo costruttivo. Spesso non è la tua idea o posizione generale che è il problema, ma forse puoi modificare un punto particolare. E comunque, se ricevi un “feedback” - indipendentemente dal fatto che tu lo consideri costruttivo - sii umile e consideralo apertamente con gratitudine. Se la critica è un attacco duro e aperto, non rispondere con un altro attacco.

“Il test per un'intelligenza di prim'ordine è la capacità di tenere due idee opposte nella mente allo stesso tempo, e mantenere comunque la capacità di funzionare lucidamente e logicamente. La prossima volta che sarai attivato per rispondere, prenditi un momento per prendere in considerazione un'opinione diversa piuttosto che respingerla immediatamente. Una parola scoraggiante potrebbe diminuire la tua riflessione. Sii veloce nell'ascoltare, lento nel parlare e lento alla rabbia” (F. Scott Fitzgerald).

Detto ciò: Quello che serve è una cultura della civiltà online insegnando nella scuola e nella famiglia il rispetto per il prossimo e la dignità delle persone che vivono dall'altra parte della tastiera.

(si scopre, stranamente, che la Rete, oltre a “ucciderti” può anche farti trovare i metodi per curarti…)

 

Inserito il:17/07/2019 15:37:17
Ultimo aggiornamento:17/07/2019 15:44:12
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology