In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 17/08/2017

News: Fagiolini e pomodori toscani: efficaci contro le complicanze del diabete?

 

Via libera al consumo di frutta e verdura per il miglior controllo del diabete, con preferenza però per fagiolini, meglio se della qualità zolfino, e pomodori costoluti: due prodotti tipici del territorio toscano. Questi due alimenti, secondo una ricerca durata due anni condotta nell’ambito del progetto Aidara dall’Università di Pisa e finanziata dalla Regione Toscana, sarebbero in grado di bloccare alcune complicanze associate al diabete di tipo 2.

Tutto sembrerebbe legato ad un enzima, l’aldoso reduttasi, responsabile dello sviluppo di neuropatie, retinopatie e altre complicanze della malattia. Era già noto alla scienza il doppio ruolo di questo enzima, capace da un lato di indurre delle trasformazioni sulla molecola del glucosio, particolarmente dannose per i diabetici, dall’altro di detossificare però l’intero organismo. Come bloccare l’azione tossica dell’enzima e mantenere invece attiva quella depurativa? Ricorrendo proprio a alimenti vegetali.

Così con la collaborazione del Galileo Research, dei Laboratori Baldacci, dell’Azienda Agricola Fattoria Le Prata e dell’Azienda Agricola Mario Agostinelli presenti sul territorio toscano, i ricercatori pisani hanno testato moltissimi ortaggi, scoprendo però che specie i fagiolini zolfino e pomodori costoluti contenevano molecole in grado di rispondere a questo doppio obiettivo. Di inibire e potenziare laddove necessario l’aldoso reduttasi.

«In funzione dei risultati ottenuti – conclude Umberto Mura, professore di Biochimica all’Ateneo di Pisa e coordinatore della Ricerca - siamo in attesa di finanziamenti per ‘certificare’ l’efficacia di questi alimenti contro lo sviluppo di alcune complicanze del diabete, a favore anche di un effetto antinfiammatorio verso diverse altre patologie». Nell’attesa del prosieguo delle ricerche, gli esperti consigliano di consumare fagioli e pomodori, comunque ‘buoni’ per la salute.

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:01/08/2017 17:16:10
Ultimo aggiornamento:01/08/2017 17:19:15
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
nel futuro, web magazine di informazione e cultura nel futuro, archivio
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology