In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 19/09/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

BlakeInobi (Kalamazoo, Michigan, USA - ) - Plus size Fairy

 

Accettarsi per avere la possibilità di cambiare (vedi Instagram……)

di Riccardo Ferrero

 

Io lavoro perché la psiche dia i segnali al sistema nervoso di “via libera” alla perdita di grasso e al miglioramento della muscolarizzazione.

Un lavoro, questo, centrato sullo stress patito dalle persone per “allenarle” a gestirlo meglio.

Ciò mi porta ad indirizzarmi agli sportivi che vogliono avere più muscoli e un corpo più “performante” con meno infiammazioni ma soprattutto con persone sovrappeso che vogliono dimagrire (alle volte partendo da zero ma più spesso potenziando gli effetti della dieta e dell’attività fisica che già fanno con risultati poco duraturi).

Condivido e sostengo il loro desiderio di cambiare perché un corpo meno grasso, più forte e scattante allunga la vita e migliora l’umore.

Ma per cambiare il proprio corpo prima di tutto bisogna:

  • accettarlo (indulgenza);
  • conoscerlo (consapevolezza);
  • comprenderlo (sei parte di me!).

Perché il corpo non si cambia facendoci “la guerra contro!”

E’ troppo forte (temprato da milioni di anni ad accumulare “scorte” per sopravvivere a carestie inimmaginabili e lotte feroci all’ultimo sangue) per averne la meglio mangiando poco e sudando in palestra.

Sia chiaro…….all’inizio pare sempre che funzioni, ma dopo i primi chili delle prime settimane il vostro corpo quasi sempre inesorabilmente riprende il sopravvento sotto forma di grasso che ritorna e fame incontenibile da gestire.

Vi conviene, anche solo per timoroso rispetto, non voltare le spalle al vostro corpo (facendo finta che si adegui passivamente ai vostri propositi) e neanche apertamente aggredirlo.

Fate finta che sia un bambino piccolo e “sveglio” con una pistola carica in mano che dovete convincere a fare una cosa, per il suo bene, che non gli piace troppo: non vi conviene né prenderlo in giro né minacciarlo altrimenti vi spara!

Forse la persona più convincente sarà quella che avrà la capacità e gli occhi per vedere ed apprezzarne qualche aspetto e gli trasmetterà affetto.

Tutto il vostro corpo deve essere un alleato per cambiare se stesso.

Per questo nutro una grande stima per persone che contribuiscono a profili Instagram quali belledifaccia, lovecurvy, laurabrioschi dove si esprime l’affetto incondizionato per il proprio corpo anche sovrappeso (ne parla in maniera interessante Francesca Panciroli nel piacevole blog “Parola di quattrocchi”).

Sono sicuro che molte delle persone che vogliono curare il sovrappeso siano terrorizzate da profili del genere perché vivono il pericolo di autorizzarsi a restare “grasse”.

Invece, secondo il mio personale parere, è proprio da lì che si parte per darsi la reale possibilità di scegliere e soprattutto se scegliere di cambiare rispettando comunque sempre se stesse (corpo e mente).

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:01/09/2019 14:38:07
Ultimo aggiornamento:01/09/2019 14:53:52
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology