In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 17/02/2020

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

George Tooker (New York,1920 - Hartland, Vermont, 2011) - Government Bureau - 1956

 

Fatturazione Elettronica: tra costi e benefici - parte seconda

 

(Assolvimento imposta di bollo)

 

di Giuseppe Aquino

 

Come anticipato nella prima parte, questo articolo si concentra sulle modalità online/digitali di assolvimento dell’imposta di bollo dovuta per l’emissione della fattura elettronica.

Non essendo la materia fiscale il mio campo di interesse principale, le mie conoscenze riguardano principalmente gli applicativi digitali, oltre a tutto quello che deriva dalla mia esperienza diretta.

Fatta questa premessa, per chi rientra attualmente nel regime forfettario l’assolvimento dell’imposta di bollo è dovuto principalmente a seguito dell’emissione della fattura online, obbligatoria nei confronti della Pubblica Amministrazione.

Può sembrare un caso molto ristretto ma viste le ultime proposte della legge di bilancio 2020 riguardanti il regime forfettario, la platea di interessati potrebbe ampliarsi notevolmente a partire dal prossimo anno.

Prima di entrare nel vivo della parte operativa, vorrei segnalare che il problema da me riscontrato riguardante l’applicativo Fatture e Corrispettivi che non mostrava il dovuto per i bolli delle fatture elettroniche del precedente trimestre è stato completamente sistemato e da questo mese (Ottobre 2019) visualizzo correttamente sia il dovuto che il pagato.

L’imposta di bollo può essere assolta virtualmente attraverso il modulo F24 (per alcuni particolari casi riguardanti il pagamento dell’imposta di bollo per istanze e provvedimenti di competenza del SUAP è possibile utilizzare un’altra modalità, vedi articolo Notizie dal Settore Pubblico: @e.bollo, la marca da bollo digitale).

Per pagare l’F24 online è possibile utilizzare:

  1. Il proprio homebanking
  2. I servizi per pagare di Entratel
  3. L’applicativo Fatture e Corrispettivi

Le modalità di pagamento riguardanti l’homebanking possono variare a seconda dei diversi prestatori di servizi tuttavia, nella maggior parte dei casi, mostrano un’interfaccia molto più semplice e di immediato utilizzo rispetto a quanto proposto da Entratel.

A seguito del pagamento attraverso il canale homebanking, nel proprio fascicolo del contribuente verrà mostrato il pagamento effettuato.

Nel mio caso non trovo le quietanze di pagamento e per tale motivo preferisco utilizzare Entratel: anche se impiego più tempo ad effettuare il pagamento ho tutte le quietanze archiviate in automatico e facilmente recuperabili da un unico punto di accesso.

Le principali operazioni da effettuare sono riassunte molto sinteticamente nell’immagine 1 sottostante.

 

Alcuni punti meritano una particolare attenzione:

  1. Indipendentemente dall’interfaccia, le informazioni richieste sono le medesime di un F24 cartaceo. La versione digitale del modulo F24 richiede prima quali sezioni compilare (Erario, INPS, ecc...=) con i medesimi dati richiesti da un F24 cartaceo e solo dopo genera il modello con tutte le sezioni e i relativi campi compilati
  2. Il vantaggio di un F24 digitale compilato su Entratel riguarda il codice del campo autocompilabile, come mostrato nell’immagine 2 sottostante inserendo le prime cifre del codice il sistema suggerisce la tipologia di tributo

 

 

  1. Il sistema controlla e valida la forma modulo compilato prima dell’invio, tale sistema dovrebbe ridurre al minimo la possibilità di errori di forma da parte dell’utente

 

 

  1. Se l’invio è andato a buon fine verrà mostrata l’immagine 3 sottostante e sarà possibile scaricare/stampare la ricevute dell’invio/protocollo

 

 

  1. Dopo circa 10 giorni, nella sezione “Versamenti” del fascicolo del contribuente verrà caricata sia la quietanza di pagamento che il pagamento effettuato
  2. Nella prima settimana di Gennaio/Aprile/Luglio/Ottobre nella sezione “Pagamento Imposta di Bollo” in “Consultazione” dell’applicativo Fatture e Corrispettivi comparirà il dovuto per le fatture elettroniche emesse per le quali si è dichiarato la necessità di assolvere l’imposta di bollo
  3. Dopo che la quietanza è stata caricata nella sezione “Versamenti” del fascicolo del contribuente, sarà possibile vedere il pagato sempre nella sezione “Pagamento Imposta di Bollo” in “Consultazione” dell’applicativo Fatture e Corrispettivi. L’immagine 5 sottostante mostra sia il dovuto (tabella in alto) che il pagato (tabella in basso)

Cerco sempre di liquidare il primo giorno utile tasse e imposte dovute e dal momento che non ero sicuro che avessero risolto il problema nella mia sezione “Pagamento Imposta di Bollo” non ho ancora utilizzato la modalità messa a disposizione dell’applicativo Fatture e Corrispettivi. Spero di riuscire ad utilizzarla il prossimo gennaio. Riporto comunque, nell’immagine 6 sottostante, lo screenshot dell’intefaccia ed i campi richiesti. A prima vista sembra molto più semplice, intuitivo e veloce rispetto alle modalità offerte da Entratel o dal mio homebanking dal momento che viene riportata la maggior parte dei dati e il tempo di compilazione sembra ridursi notevolmente.

 

 

Nota Bene: le modalità di assolvimento descritte riguardano l’imposta di bollo dovuta, principalmente, per le fatture elettroniche di chi rientra nel regime forfettarie. Le azioni descritte sommariamente si possono applicare, con le dovute modifiche del caso (codice tributo, importo, periodo, sezioni ecc…), anche al pagamento di altri tributi. Alcuni passaggi, per questioni di brevità e pertinenza, sono stati sintetizzati o tralasciati. L’articolo è aggiornato ad ottobre 2019 e la procedura può subire variazioni nel corso del tempo.

 

Inserito il:23/10/2019 09:47:26
Ultimo aggiornamento:23/10/2019 10:33:18
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology