In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 18/11/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

George Tooker (New York,1920 - Hartland, Vermont, 2011) - Government Bureau - 1956

 

Fatturazione Elettronica: tra costi e benefici - parte terza

(Guida all’adesione per il consumatore finale)

di Giuseppe Aquino

 

Come anticipato nella prima parte, il consumatore finale sprovvisto di partita IVA può visualizzare, a partire dal 21 dicembre, le fatture, che ha ricevuto tramite il sistema di interscambio, sull’applicativo Fatture e Corrispettivi.

Non operando come partita IVA, si potrà solamente visualizzare le fatture ricevute tuttavia non bisogna sottovalutare tale funzionalità che permette di risparmiare tempo e avere in un unico fascicolo/punto di accesso online tutte le fatture ricevute.

Risulta difficile quantificare il tempo che si potrà effettivamente risparmiare in vista della dichiarazione dei redditi, dal momento che sono presenti diversi fattori soggettivi (spese da portare in detrazione, modalità di tenuta del proprio archivio, ec…) tuttavia le potenzialità del sistema e i relativi vantaggi sono immediati e innegabili.

Per poter usufruire di tale bisogna però inoltrare l’adesione accedendo dal proprio fascicolo fiscale.

Di seguito vengono illustrati i passaggi per aderire:

  1. Scorrendo il sito https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/, individuare nella sezione “SERVIZI” in homepage la voce “Cassetto Fiscale”
  2. Dopo aver cliccato su “Cassetto Fiscale” procedere con l’accesso tramite le proprie credenziali o tramite SPID
  3. Come evidenziato nell’immagine 1 sottostante cliccare su “Servizi per”, selezionare la voce “Fatture e corrispettivi” e cliccare quindi su “Accedi” nel box “Le tue fatture”

 

 

 

Nota bene: come mostrato nell’immagine 2 sottostante, il termine è stato spostato al 21 dicembre, gli screenshot illustrati si rifanno alla vecchia versione con il termine originale del 1 novembre

 

 

  1. Cliccare quindi su “Adesione” nella successiva schermata mostrata nella sottostante immagine 3

 

 

  1. Cliccare quindi su “Aderisci” nella successiva schermata illustrata nella sottostante immagine 4

 

 

  1. Leggere con attenzione i termini del servizio nella successiva schermata, mostrata nella sottostante immagine 5, cliccare quindi sul quadratino “Ho letto”, dopo che sarà comparsa la spunta cliccare su “Aderisco”. Sarà necessario dare un ulteriore conferma cliccando su “Ok” quando il sistema chiederà “Stai effettuando una richiesta di adesione. Vuoi procedere?”

  1. Se la procedura è stata effettuata correttamente comparirà la seguente schermata (immagine 6)

 

 

Lo stato di aggiornamento della richiesta di adesione viene mostrato nell’elenco delle richieste come evidenziato dalla sottostante immagine 7

 

Al momento non è dato sapere come sarà l’interfaccia di consultazione delle fatture ricevute. Personalmente, ritengo che molto probabilmente sarà la medesima utilizzata per le fatture business to business (b2b).

Nell’immagine 8 sottostante viene mostrato l’elenco delle fatture mostrato nel periodo selezionato nell’applicativo Fatture e corrispettivi operando come partita IVA (fattura b2b).

 

 

Cliccando sull’icona “Dettaglio fattura” (quadratino blu con 3 pallini e 3 righe evidenziato in rosso nell’immagine sottostante) verrà esploso il dettaglio della fattura selezionata così come mostrato nell’immagine 9 sottostante.

 

 

Cliccando su “Visualizza file fattura”, icona evidenziata in rosso nell’immagine precedente, sarà possibile vedere la fattura completa in un formato immediato,e molto più comprensibile rispetto all’equivalente in formato xml e stamparla.

Ovviamente quanto descritto si applica teoricamente anche alle fatture business to consumer (b2c, non operando quindi come partita IVA) dal momento che, salvo ulteriori rinvii, sarà necessario attendere il 21 dicembre per poter testare questo nuovo servizio messo gratuitamente a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.

 

Inserito il:06/11/2019 09:02:40
Ultimo aggiornamento:17/11/2019 22:11:27
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology