In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 24/01/2020

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

La politica è anche coraggio.


Il sistema democratico limita spesso il coraggio di fare delle cose utili per la propria comunità o cose che contrastano la perdita collettiva di umanità e di civiltà a causa di forti correnti dell’egoismo. Limita il coraggio perché fa paura la perdita di voti, la perdita del consenso e, in definitiva, la perdita del potere.

Ma ci sono fatti che nella vita dei paesi e dei loro protagonisti riescono a connotare alcuni di questi ultimi come degli statisti, come degli uomini illuminati, uomini la cui azione verrà ricordata nel futuro e che riesce a condizionare in modo significativo il corso degli eventi in qualsiasi campo.

Un fatto importante sarebbe da parte del nostro Presidente, del Governo e non so di chi altro trovare una soluzione per le decine di migliaia di persone che ogni anno muoiono nel nostro mare alla ricerca di speranze che quasi sempre sono illusioni. Dare assistenza, offrire una dignitosa e temporanea ospitalità, aiutare questa povera gente a trovare il corridoio per andare dove vuole andare o una soluzione per vivere sarebbe un dovere richiesto dalla civiltà, dalla cultura, dalla umanità.

Avere il coraggio di decidere qualcosa in merito a prescindere o senza tener conto delle Istituzioni Europee, sorde a questo tipo di richiami e interessate solo ai temi del danaro e di come si deve farlo girare, e magari anche di populisti o personaggi minori che non avendo progetti da sottoporre ai loro possibili seguaci  utilizzano questi argomenti, senza capire che sono il simbolo di vigliaccheria, di disumanità, di egoismo, di volgarità.

Purtroppo nel nostro paese i nostri politici o quanto meno la loro maggioranza, si richiama alla cultura di Don Abbondio. Ed è anche per questo che in tutti i campi camminiamo come i gamberi sperando di non finire, prima o dopo, alla brace.

Inserito il:11/02/2015 11:32:48
Ultimo aggiornamento:23/02/2015 10:49:50
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology