In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 14/12/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Niente più trailer non adatti ai minori abbinati ai film per bambini.

 

C’è voluto esattamente un anno di serrate trattative, ma alla fine il Garante Infanzia ed il Consiglio degli Utenti di Agcom sono riusciti a strappare a produttori, distributori ed esercenti cinematografici, l’impegno a non abbinare trailer non adatti a minori in occasione delle proiezioni di film per bambini.

Sempre più spesso, infatti, capita nei cinema italiani che, prima della proiezione di un film, sul grande schermo vengano pubblicizzate pellicole di futura uscita, attraverso trailer spesso violenti o terrificanti, in grado di traumatizzare minori e bambini. 

Addirittura, secondo quanto segnalato da alcuni genitori, nei giorni successivi alla visione di tali trailer, i bambini presenti in sala hanno accusato vari problemi, ovvero hanno avuto difficoltà a dormire la notte, hanno assunto comportamenti aggressivi nei confronti sia dei genitori che degli altri coetanei e si sono dimostrati più irritabili del solito.

Ora, si spera, ciò non accadrà più, grazie all’accordo raggiunto proprio a ridosso delle feste natalizie, periodo in cui i film per famiglie registrano il 30% degli incassi annui.

Ma non basta, perchè i promotori dell’iniziativa si sono anche impegnati sia ad adottare un bollino di qualità che certifichi l’adesione all’iniziativa da parte delle sale cinematografiche, sia a pubblicare l’elenco completo di quelle “amiche dei bambini”, sia infine a verificare l’effettivo rispetto dell’impegno preso attraverso un monitoraggio costante di  eventuali segnalazioni da parte degli utenti e delle associazioni di tutela.

Come giustamente ha osservato il presidente dell’Anica, si tratta di “un atto di civiltà”, adottato nella convinzione che “la tutela dei minori è fondamentale nel nostro paese ed il valore formativo del cinema passa anche per il rispetto di ogni singolo spettatore e della sua sensibilità”.

Consumatori, utenti, genitori e bambini confidano, pertanto, nella completa collaborazione di tutti gli addetti ai lavori, compresi i rappresentanti dei media che dovrebbe accendere i fari su una iniziativa cosi importante.

Inserito il:24/12/2015 08:52:52
Ultimo aggiornamento:23/01/2016 10:22:50
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology