In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 17/02/2020

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Il mito rivoluzionario latino americano.

Si può mettere forse una pietra sulla rivoluzione di molti paesi del latino america verso modelli di socialismo e di riequilibrio sociale che ha attraversato da qualche decennio quel mondo  con i suoi miti, i suoi eroi, la sua produzione culturale e artistica.

Infatti, lentamente in Cile, Messico e in quei paesi retti da governi populisti come in Bolivia, Ecuador e Nicaragua, sono arrivate le politiche di mercato e le aperture alla democrazia.
Rimangono come regimi autoritari ancora Cuba e Venezuela ma molti attenti osservatori e politologi riferiscono di pesanti scricchiolii, mentre il Brasile fa storia a sè e il fatto che la destra abbia recentemente sfiorato la vittoria ne da una rappresentazione abbastanza incerta in prospettiva.
Forse al prossimo mandato la sinistra ripresenterà Lula per cercare di vincere ancora e non soccombere sotto una situazione di truffe, corruzioni e disequilibri che dilagano in quel paese.

In quella parte del mondo la sinistra radicale aveva avuto fortuna anche per le spesso feroci dittature di destra che erano abbastanza diffuse e quasi sempre sostenute da una stupida e sconsiderata politica degli Stati Uniti. Ma adesso molte cose sono cambiate e la gente tende a trascurare le ideologie per concentrarsi sui bisogni e sulla situazione di disagio sociale in cui in larga parte è ancora sprofondata.

Vengono meno dunque tante speranze, si chiudono forse tanti miti, dilagano violenza e ingiustizia quale che sia la parte al potere un po’ dovunque e le prospettive sono assolutamente imperscrutabili anche perché mancano uomini di riferimento, supporti culturali necessari al cambiamento, strutture politiche moderne.

Quella parte del mondo è troppo importante per la vastità del territorio, per la gente, per la storia, per non influenzare il futuro del mondo e forse se ne parla troppo poco. 

Inserito il:09/11/2014 18:08:32
Ultimo aggiornamento:18/11/2014 09:44:51
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology