Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]
Aggiornato al 15/07/2020

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Sciopero del ponte.

 

La CGIL ha proclamato lo sciopero generale il 5 dicembre, un venerdì che fa diventare 4 i giorni di non lavoro con la festività dell’8 dicembre.

Una coincidenza, si è detto, no, un segno di debolezza e una scelta studiata apposta per favorire la partecipazione, ed è nata subito la polemica.

Ma quello che colpisce è la risposta aggressiva di molti, capi sindacali compresi, che dicono, voi non capite che uno sciopero costa ai lavoratori una giornata di paga, non avete mai lavorato, siete contro per principio.

Verissimo, ma costa in modo diverso il venerdì o il giovedì? O forse il mercoledì? A mia memoria non era mai capitato che uno sciopero fosse in un giorno di ponte. Ma visto il momento, e la guerra in atto tra CGIL e Governo anche questo ci può stare.

E ognuno è libero di dare la motivazione che vuole.

Ma senza spiegazioni che vanno contro il buon senso.

 

Inserito il:13/11/2014 16:03:51
Ultimo aggiornamento:21/11/2014 16:42:56
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.
Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology