Aggiornato al 05/12/2022

Non sono d’accordo con quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo

Voltaire

La politica e l’informatica.

Tutte le volte che la politica si è occupata di informatica ha preso decisioni brutte per il paese già dai tempi di quando fu venduto il settore elettronico della Olivetti alla General Electric nella totale omertà del Parlamento e del mondo sindacale, con qualche rara e pregevole e isolata eccezione.

Per incompetenza e ignoranza, per normative che non consentono  soluzioni di merito o l’assunzione di professionisti veramente meritevoli, per la collusione con aziende e gruppi del settore, per il desiderio  di mantenere la massima opacità allo scopo di poter mascherare giochi di potere e attività spesso non completamente lecite.

Questo nella indifferenza colpevole e stupida dei media, del mondo accademico, del mondo culturale del paese che non ha mai capito la tecnologia, il suo ruolo e il suo futuro, di osservatori più o meno interessati, di partiti e sindacati.  Per interesse, sottovalutazione, provincialismo.

Inserito il:31/10/2014 17:00:42
Ultimo aggiornamento:31/10/2014 17:05:28
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)


Questo sito non ti chiede di esprimere il consenso dei cookie perché usiamo solo cookie tecnici e servizi di Google a scopo statistico

Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology | 04451716445