Aggiornato al 24/07/2024

Non sono d’accordo con quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo

Voltaire

Immagine realizzata con strumenti di Intelligenza Artificiale

Clicca qui per ascoltare

 

Biocentrismo: coscienza e immortalità

di Achille De Tommaso

 

Il mio interesse per la “Coscienza Artificiale”, che è nato esplorando i concetti di “Intelligenza Artificiale”, mi ha portato, a studiarmi un pochino meglio, innanzitutto, la “Coscienza Umana”.  Nel mio libro sulla coscienza artificiale tratto di “coscienza quantistica”; un concetto oggi abbastanza noto tra chi bazzica il mondo dell’Intelligenza artificiale. Ebbene, vi parlo di seguito del “Biocentrismo”, che rappresenta la sublimazione di questo concetto.

***

Un libro intitolato “Biocentrismo. L'universo, la coscienza. La nuova teoria del tutto” pubblicato inizialmente negli Stati Uniti, suscitò un grande interesse a causa dell'idea che la vita non termini quando il corpo muore, e può durare per sempre. L'autore di questo testo, pubblicato in Italia da “Il Saggiatore” nel 2015, è lo scienziato americano Robert Lanza.

Oltre tempo e spazio

Lanza è un esperto di medicina rigenerativa e direttore scientifico presso la Advanced Cell Technology Company. Sebbene sia noto per le sue approfondite ricerche sulle cellule staminali, è diventato famoso anche per alcuni esperimenti di successo sulla clonazione di specie animali in via d'estinzione. Autore di più di trenta libri e di centinaia di ricerche scientifiche è stato riconosciuto dal Time come uno degli scienziati più influenti del pianeta. Ma c’è di più: una decina di anni fa, lo scienziato ha rivolto la sua attenzione alla fisica, alla meccanica quantistica e all'astrofisica. Da questa esplosiva combinazione è nata la nuova teoria del biocentrismo, che il professore predica da allora.

La teoria suggerisce che la morte semplicemente non esista. È un'illusione che nasce nella mente delle persone. Esiste perché le persone si identificano principalmente con i loro corpi. Credono che il corpo stia per perire, prima o poi, pensando che la loro coscienza scomparirà anch'essa. Secondo Lanza, invece, la coscienza esiste al di fuori dei vincoli di tempo e spazio. Può essere ovunque: nel corpo umano e al di fuori di esso.

E questo, come vedremo, pare si adatti abbastanza bene ai postulati di base della meccanica quantistica; secondo cui la presenza di una particella non è necessariamente ben determinata, e che un evento possa accadere in diversi modi, talvolta innumerevoli.

Lanza (come del resto un certo numero di fisici) ritiene che possano esistere simultaneamente universi multipli. Questi universi contengono molteplici scenari possibili della stessa situazione. In un universo, il corpo può essere morto. E in un altro, continua a esistere, assorbendo la coscienza migrata in questo universo. Ciò significa che, mentre viaggia attraverso il 'tunnel', una persona morta, in realtà, possa finire in un mondo simile e quindi rimanere viva; e così via, all'infinito.

Questo è il biocentrismo.

Mondi Multipli: multiverso e universi paralleli

Questa teoria di Lanza, che infonde speranza, da una parte (ed è ovvio aspettarselo) è estremamente controversa, ma dall’altra ha anche molti sostenitori. Sostenitori che non sono 'semplici mortali' che vogliono vivere per sempre, ma anche scienziati di fama. Si tratta di fisici e astrofisici che tendono a concordare con l'esistenza di mondi paralleli e che suggeriscono la possibilità di universi multipli, noti come la teoria del Multiverso.

Interessante ricordare come lo scrittore di fantascienza H.G. Wells fosse il primo a proporre questo concetto, nel suo racconto 'The Door in the Wall' nel 1895.  Ma 62 anni dopo la sua pubblicazione, l'idea fu sviluppata da Hugh Everett nella sua tesi di laurea all'Università di Princeton.

Essenzialmente la teoria afferma che in ogni momento dato, l'universo si divide in innumerevoli istanze simili. E nel momento successivo, questi universi "appena nati" continuano a dividersi.  Il fattore scatenante per la proliferazione di questi mondi è la nostra azione, spiegò Everett. Secondo questa teoria quando facciamo certe scelte, un universo si divide istantaneamente in due versioni diverse riguardo agli esiti.

Negli anni '80, Andrei Linde, uno scienziato dell'Istituto di Fisica Lebedev in Russia, sviluppò la teoria di universi multipli. Ora è professore all'Università di Stanford. Linde spiegò: "Lo spazio è composto da molte sfere in espansione, che danno origine a sfere simili; e quelle, a loro volta, producono sfere in numero ancora maggiore, e così via all'infinito. Nell'universo, sono distanziate. Non sono consapevoli dell'esistenza l'una dell'altra. Ma rappresentano parti dello stesso universo fisico."

L'idea che il nostro universo non sia il solo, è supportata da dati ricevuti dal telescopio spaziale Planck. Utilizzando i dati, gli scienziati hanno creato la mappa più accurata del fondo cosmico a microonde, la cosiddetta radiazione cosmica di fondo, che è rimasta sin dall'inizio del nostro universo. Hanno anche scoperto che l'universo ha molte anomalie rappresentate da buchi neri e lacune estese.  Le anomalie rilevate potrebbero essere interpretate come le interazioni tra il nostro universo e altri universi del multiverso. Ad esempio, la presenza di buchi neri potrebbe essere il risultato di influenze provenienti da universi vicini o di collisioni con essi. Inoltre, le lacune estese potrebbero essere spiegabili attraverso interazioni complesse tra universi, dove alcune regioni dell'universo principale sono influenzate da eventi in altri universi del multiverso. Queste anomalie possono quindi essere considerate come segni tangibili della complessità e della diversità del multiverso. L'interpretazione delle strutture e delle irregolarità osservate nell'universo principale può essere ricondotta alla coesistenza di universi multipli, ciascuno con la propria dinamica e sviluppo.

Anche la fisica teorica Laura Mersini-Houghton della North Carolina University sostiene che le anomalie del fondo cosmico potrebbero esistere perché il nostro universo è influenzato da altri universi che esistono nelle vicinanze. E buchi e lacune sono il risultato diretto degli attacchi da parte di universi vicini.

Quantum dell'anima

Ovviamente, ammettere l’esistenza di mondi paralleli, non significa ammettere necessariamente che la coscienza sia immortale.

Ma, secondo la teoria del neo-biocentrismo, esiste un'abbondanza di luoghi o altri universi in cui la nostra anima potrebbe migrare dopo la morte.  Il professor Stuart Hameroff dell'Università dell'Arizona ad esempio, non ha dubbi sull'esistenza di un'anima eterna. Crede che la coscienza non perisca dopo la morte.

Secondo Hameroff, il cervello umano è un perfetto computer quantistico, e l'anima o la coscienza è semplicemente informazione memorizzata a livello quantistico. Può essere trasferita, seguendo la morte del corpo; l'informazione quantistica portata dalla coscienza si fonde con il nostro universo ed esiste infinitamente. A sua volta, Lanza afferma che l'anima possa migrare verso un altro universo.  

Sir Roger Penrose, un noto fisico britannico ed esperto di matematica dell'Università di Oxford, che sostiene anche la teoria del multiverso, insieme ad altri scienziati sta oggi sviluppando una teoria quantistica per spiegare il fenomeno della coscienza immortale. Il team crede di aver trovato i portatori della coscienza, gli elementi che accumulano informazioni durante la vita e "scaricano" la coscienza da qualche altra parte dopo la morte.

Secondo loro questi elementi sono situati all'interno dei microtubuli a base di proteine (microtubuli neuronali), ai quali precedentemente era stata attribuita una semplice funzione di rinforzo e canalizzazione del trasporto all'interno di una cellula vivente. In base alla loro struttura, invece, i microtubuli sono i più adatti a fungere da portatori di proprietà quantistiche all'interno del cervello.

Questo perché sono in grado di conservare stati quantistici per lungo tempo, il che significa che possono funzionare come elementi di un computer quantistico.

***

Per chi voglia approfondire, cito questi libri:

  1. "Biocentrism: How Life and Consciousness Are the Keys to Understanding the Nature of the Universe" - Robert Lanza e Bob Berman
    • Questo libro è il testo principale che espone la teoria del biocentrismo da parte di Robert Lanza, il suo principale sostenitore.
  2. "Beyond Biocentrism: Rethinking Time, Space, Consciousness, and the Illusion of Death" - Robert Lanza e Bob Berman
    • Un seguito al libro principale approfondisce ulteriormente la teoria del biocentrismo e affronta concetti come tempo, spazio e coscienza.
  3. "Quantum Enigma: Physics Encounters Consciousness" - Bruce Rosenblum e Fred Kuttner
    • Mentre non si focalizza esclusivamente sul biocentrismo, questo libro esplora l'interazione tra la fisica quantistica e la coscienza, argomento centrale nella teoria di Lanza.
  4. "The Emperor's New Mind: Concerning Computers, Minds, and the Laws of Physics" - Roger Penrose
    • Roger Penrose, sostenitore del multiverso e della coscienza quantica, discute le questioni legate alla mente, ai computer e alle leggi della fisica.
  5. "The Hidden Reality: Parallel Universes and the Deep Laws of the Cosmos" - Brian Greene
    • Sebbene non si concentri specificamente sul biocentrismo, esplora il concetto di molti universi, offrendo una visione approfondita delle teorie cosmologiche.
  6. "Our Mathematical Universe: My Quest for the Ultimate Nature of Reality" - Max Tegmark
    • Max Tegmark esplora varie teorie dell'universo, inclusa la nozione di multiverso, fornendo una panoramica della comprensione matematica della realtà.

 

Inserito il:23/12/2023 18:09:20
Ultimo aggiornamento:17/01/2024 12:08:21
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)


Questo sito non ti chiede di esprimere il consenso dei cookie perché usiamo solo cookie tecnici e servizi di Google a scopo statistico

Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology | 04451716445