In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 18/10/2018

Paul Klee (1879-1940) -  Zaubergarten (Magic garden) - 1926

 

(2) La trasformazione digitale e il sistema economico italiano

di Simone Fubini

 

La trasformazione digitale impatta il sistema delle imprese italiane da diversi lati:

 

  • Da una lato rende possibili per le grandi e medio/grandi imprese la creazione di ecosistemi che ottimizzano la loro attività partendo dai mercati e incorporando le filiere di fornitura di componenti, servizi, attività di progettazione e ricerca, sistemi logistici, distributivi, commerciali e di post vendita connessi al loro business. In Italia vi sono poche imprese in questa categoria.

 

  • Per le 4000 multinazionali tascabili operanti in Italia si apre una doppia opportunità (e necessità), da una parte connettere i loro ecosistemi con quelli delle multinazionali clienti, migliorando la loro capacità di creare valore aggiunto all’ecosistema globale, dall’altra incamerando nel loro ecosistema le innumerevoli piccole imprese operanti nei distretti e inserite nelle loro filiere accelerandone le aggregazioni, e garantendone così maggiore competitività industriale e copertura finanziaria.

 

  • Da un altro lato, attraverso a progettazione digitale, la stampa 3D, l’E-commerce e le piattaforme digitali di sharing economy si incrementano le attività dei servizi professionali forniti da “self employers” in molte aree, dal design ai settori più svariati: education, salute, turismo, edilizia, ambiente, includendo un artigianato industriale che può evolversi verso una valenza di piccola industira, il mondo dei makers, fab-lab, innumerevoli start-up per servizi alle persone, ecc.

 

  • Un ulteriore lato di grande impatto è sulla pubblica amministrazione ai suoi vari livelli, i cui servizi alle imprese e alle persone possono essere resi più semplici e meno costosi, permettendo un recupero di produttività e la liberazione di risorse da utilizzare negli investimenti infrastrutturali e di welfare del paese in settori quali protezione ambiente e territorio, turismo, ecc. riducendo così anche i problemi occupazionali, che con un reindirizzo dei sistemi educativi e di formazione, e con temporanei ammortizzatori sociali potranno essere attenuati.

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:07/12/2016 10:20:30
Ultimo aggiornamento:07/12/2016 10:27:15
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
nel futuro, web magazine di informazione e cultura nel futuro, archivio
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology