In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 16/01/2019

Paul Klee (1879-1940) -  Zaubergarten (Magic garden) - 1926

 

(3) Le tecnologie della trasformazione digitale

di Simone Fubini

 

Prima di tutto il “cloud”, elemento fondamentale di ogni ecosistema digitale, con un doppio compito:

  • Raccogliere e gestire il traffico delle informazioni generate o scambiate dai vari componenti che operano nelle filiere dell’ecosistema delle imprese, dai dati provenienti dal mercato a quelli generati dalle varie funzioni aziendali, dai fornitori di beni e servizi, dalle merci, macchine, componenti e prodotti tramite l’IOT.
  • Elaborare le informazioni raccolte per ottimizzare i flussi operativi partendo dall’interpretazione dei dati di mercato, alla gestione e programmazione della progettazione, produzione, distribuzione e post vendita.

Naturalmente l’ecosistema può funzionare solo se può utilizzare una rete di telecomunicazioni sufficientemente articolata per garantire la copertura geografica e le capacità necessarie per il funzionamento dell’ecosistema (reti fisse e mobili, satellitari, piattaforme di messaggistica su internet, ecc.).

  • Prioritarie sono le tecnologie che condizionano la raccolta e l’interpretazione dei dati di mercato, elemento fondamentale che condiziona il successo di qualsiasi impresa, quali algoritmi di intelligenza artificiale, social networks con i clienti, internet delle cose legate alla capacità di comunicazione dei prodotti.
  • I sistemi di progettazione digitale di realtà aumentata e stampanti 3D nella progettazione e produzione e manutenzione.
  • La robotica e la capacità di colloquiare delle strumentazioni operative nella produzione e nella logistica interna ed esterna, in cui l’elemento chiave è ancora internet delle cose che permette di ottimizzare magazzini, distribuzione componenti sulle linee produttive, i trasporti e tutta la logistica distributiva.
  • I sistemi di E-commerce per le attività di vendita.
  • Le piattaforme digitali per la condivisione delle risorse
  • I software di cyber-security, ricordando che i sistemi digitalizzati sono sensibili al “malware” in ogni componente, inclusi gli impianti industriali.

L’impresa 4.0 è quella, secondo Roland Berger, che investe in tutte le tecnologie citate.

Su questo approccio vi sono state molte discussioni, si è detto che l’industria tedesca punta ad utilizzarlo nelle fabbriche, e negli USA sul prodotto per renderlo intelligente.

Discussione sterile, in ogni caso il successo di un’impresa è sempre basato sul prodotto che nella sua composizione e caratteristiche condiziona fabbrica, logistica, distribuzione e post vendita.

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:14/12/2016 09:55:37
Ultimo aggiornamento:14/12/2016 10:10:17
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
nel futuro, web magazine di informazione e cultura nel futuro, archivio
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology