In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 16/01/2019

Paul Klee (1879-1940) -  Zaubergarten (Magic garden) - 1926

 

Il futuro della società

(Cenni da articoli vari del Financial Times)

di Simone Fubini

 

  • Non tassare i robots ma i redditi delle imprese: unanime punto di vista
  • Non dare una personalità responsabile ai robots, ma ai loro possessori (esempio diritto antica Roma v/s possessori di schiavi)
  • Possibili società future
    • Capitalismo consapevole (il profitto non è il primo obiettivo, ma il welfare degli impiegati, l’ambiente, la salute, ecc.)
    • Capitalismo basato sulla folla (crowd): si sviluppa basandosi su piattaforme sociali e di servizi, suddividendo i compiti. Le strutture tipo il block-chain creano fiducia sociale nella Sharing Economy (Arun Sundarasoyan, NY University)
    • Talentismo (economic forum, Hans Shwab). Le fabbriche sono automatiche, ma si deve investire sulla creatività e la capacità di innovare (human talent), se no il progresso si esaurisce (poche persone chiave, ma un esercito di istruttori, collaboratori, ecc.
    • The care-capitalism: con l’invecchiamento della popolazione e la necessità di insegnamento continuo, esplode il “coaching” long-life, trainers, psicologi, consulenti (advisers), infermieri, badanti.

L’uomo ha sempre il desiderio di socializzare costruendosi un ruolo se possibile avere un peso nella società come innovatore, educatore sociale, professionista, ecc.; è impossibile sopprimere questo desiderio, se non uccidendo l’umanità.

  • L’AI (machine learning) può essere considerata una virtual work force, un nuovo fattore di produttività insieme a lavoro e capitale. Essa aumenta la produttività dell’intelligenza umana e aiuta lo sviluppo di innovazione.
  • Sta aumentando l’interesse delle imprese per le persone che sanno dialogare con i robots (porre le corrette domande, e saper valutare le risposte. Occorre tenere conto che il robot è una macchina e può sbagliare.

L’OCSE ritiene che l’impatto diretto dei robot può portare all’eliminazione del 10% dei posti di lavoro, ma modifica il 30% delle mansioni.

L’EU propone regole per le entità “robot”: copertura assicurativa immatricolazioni, creazione di fondo per riparare i danni da loro prodotti.

La trasformazione digitale se correttamente affrontata porta a ridurre i posti di lavoro per l’innovazione di processo, ma li aumenta per l’innovazione di prodotto.

La crescita della concorrenza globale, la diffusione dell’E-commerce e delle piattaforme di rete per offrire prodotti e servizi, e il conseguente sviluppo della cultura del “rating”, del brand dei prodotti e dei servizi ha fatto sì che l’attenzione al cliente consumatore è cresciuta a dismisura, da cui l’importanza crescente da parte delle imprese alla logistica distributiva, alla strategia di vendita, alla qualità del servizio post vendita, alla raccolta di dati sulla risposta dei clienti all’offerta e al servizio (commenti su social). 

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:27/03/2017 10:31:56
Ultimo aggiornamento:27/03/2017 10:37:59
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
nel futuro, web magazine di informazione e cultura nel futuro, archivio
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology