In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 01/04/2020

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Edvard Munch (Adalsbruch, Norvegia, 1863 – Oslo, 1944) – The Sun (1909)

 

Ci stiamo per asservire ad un “mondo assente”, o comunque innaturale.

 

Dobbiamo ristabilire il nostro rapporto con la luce.

di Achille De Tommaso

 

Una società (francese) che ha compiuto un grande progresso scientifico, ma che ha relegato nel ghetto la cultura umanistica, la letteratura, la poesia, la musica; i cui cultori sono considerati degli stravaganti scansafatiche, o matti da tenere a distanza.

Una città (Parigi) che si estende per dieci leghe e ha distrutto tutta la campagna intorno. Ma in compenso possiede quattro cerchi concentrici di ferrovie. Gli uffici sono muniti di “telegrafia elettrica privata” e di “telegrafia fotografica”.

(Come Giulio Verne immaginava, nel 1863, la Parigi del 1960)

***

Oltre agli effetti sulla salute, esiste un altro livello di ciò che in realtà comporta il lancio del 5G. Per ottenere una prospettiva al riguardo, dovremmo ricordare che non molto tempo fa il campo elettromagnetico terrestre era indisturbato dalle frequenze elettromagnetiche generate dall'uomo.

Prima del 1880, c'erano solo due principali cause dell'elettromagnetismo, entrambe naturali: il lampo dei temporali (che tra l’altro mette in moto le risonanze molto deboli e a bassa frequenza conosciute come Risonanze di Schumann) e la luce solare.

Oltre al lampo e alla luce solare, le energie dello spettro elettromagnetico non hanno avuto alcun impatto sulla vita umana, poiché erano completamente dormienti. L'idea stessa che potesse esistere una cosa come l’ "elettromagnetismo" e uno "spettro elettromagnetico" non è stata trattata prima del diciannovesimo secolo (fig.1).

Fig 1. L’elettromagnetismo nell’era pre-elettrica: è in pratica la radiazione di fondo naturale sulla Terra.

 

In quel mondo pre-elettrico, sia il fulmine che la luce del sole erano considerate con un certo timore reverenziale, come fenomeni naturali che esprimono poteri maggiori di qualsiasi cosa gli esseri umani possano gestire. Nell'antichità entrambi erano associati agli dei: fulmini scagliati da dei con una violenza che spesso veniva associata agli Inferi; come spesso facevano Seth, Baal e Zeus. La luce del sole era invece associata a sublimi divinità solari come Ra, Shamash e Apollo. Nell'ultima epoca giudaico-cristiana, persisteva il senso diffuso che questi fenomeni avessero un’origine spirituale, con il lampo considerato come espressivo dell'ira divina e la luce come la veste del Logos Cosmico.

A quei tempi la relazione con la natura era profondamente sentita; ma è stata in gran parte erosa nei secoli con la Rivoluzione Scientifica. Nel corso del diciottesimo e diciannovesimo secolo, sia il fulmine che la luce furono privati ​​della loro luminosità spirituale, aprendo così la strada a una spiegazione interamente materialistica della luce e ad un approccio completamente tecnologico all'elettricità.

All'inizio, le frequenze utilizzate erano all'estremità inferiore dello spettro elettromagnetico. Nel 1890, le linee elettriche che consegnavano la nuova elettricità di rete alle fabbriche e alle case erano standardizzate a 50 o 60 Hz (cicli al secondo). Quando le trasmissioni radiofoniche pubbliche iniziarono negli anni '20, erano principalmente nelle frequenze delle onde lunghe sotto i 500 KHz (migliaia di cicli al secondo).

Col passare del secolo, le frequenze utilizzate dalle tecnologie nuove e migliorate divennero sempre più alte. Negli anni '30 e '40 furono utilizzate le frequenze di onde medie e corte (tra 500 KHz e 1700 KHz), mentre negli anni '50 furono impiegate le frequenze molto alte (VHF) di 30 - 300 MHz (o milioni di cicli al secondo) per entrambe trasmissioni radiofoniche e televisive.

Durante la seconda guerra mondiale, fu scoperto un metodo per generare frequenze ancora più elevate, tra 3 e 30 GHz (migliaia di milioni di cicli al secondo), che divenne la base per il radar. Ad ogni escalation in frequenza, era necessaria più potenza per trasmettere le onde radio. L'avvento di telefoni cellulari, smartphone e Wi-Fi, ha fatto largo uso della parte Ultra High Frequency (UHF) dello spettro (300 MHz - 3 GHz) per la trasmissione del segnale.

La trasmissione in queste frequenze richiede più di dieci volte la potenza necessaria per la trasmissione VHF. Oggi, alle soglie della nuova era di un "ecosistema elettronico" ad altissima frequenza, sarà necessaria ancora più potenza per una trasmissione efficace delle sue onde millimetriche. Quindi l'ambiente naturale sarà completamente saturo di una nebbia invisibile di radiazioni (fig. 2). In questo schizzo storico, vediamo frequenze sempre più alte, che formano la base di ogni nuova innovazione tecnologica.

FIGURA 2: radiazione elettromagnetica indotta dall'uomo, che mostra le frequenze in cicli al secondo.

 

CI STIAMO DISSOCIANDO DAL MONDO NATURALE, PRENDENDO DIPENDENZA DA UN “MONDO ASSENTE”.

Con l'introduzione di ciascuna delle nuove tecnologie, gli esseri umani sono diventati un po' più dissociati dal mondo naturale.

Consideriamo come è successo. Dal 1890 in poi, la fornitura di elettricità di rete a case, scuole, ospedali e fabbriche ha causato una rivoluzione nel tenore di vita, liberando l'umanità dalla sottomissione ai cicli della natura di giorno e notte, estate e inverno; dando accesso a una nuova fonte di luce, calore e potenza. Poi, negli anni '20, la radio ha permesso alle persone di comunicare a grandi distanze e ha portato le voci di re e politici, cantanti e poeti nei nostri salotti, anche se non erano fisicamente presenti.

Negli anni '50, la televisione ha intensificato l'esperienza di un mondo assente ma presente, trasmesso dall'immagine in movimento.

Con l'avvento della telefonia cellulare, la tendenza alla dipendenza da un mondo assente è stata notevolmente rafforzata, in parte perché lo schermo è diventato un'interfaccia portatile verso una rete globale, quale è internet, e in parte a causa delle politiche di deliberato sfruttamento di Facebook, Google e altri per agganciare le persone in una relazione avvincente con il loro dispositivi e con il mondo assente. (nota 1.) La dipendenza da smartphone disloca entrambi gli utenti dal loro centro interiore e allo stesso tempo li disconnette dall'ambiente naturale.

Il 5G accentuerà ulteriormente questa tendenza delle persone a perdersi e indebolirà ancora di più il loro rapporto con la natura, poiché promette di rendere una realtà virtuale avanzata accessibile a tutti. Il prossimo sviluppo della tecnologia VR è quello di integrare l'auricolare con una "tuta tattile", che consente a chi lo indossa di provare sensazioni di tocco - pressione, calore, durezza, morbidezza, umidità e secchezza - nella realtà virtuale.

Tali opportunità di "immersione totale" nella realtà virtuale porteranno a una crescente confusione su a quale mondo apparteniamo veramente: il mondo generato elettronicamente o il mondo naturale. L'uso della Realtà Aumentata, reso possibile attraverso caschi speciali, occhiali elettronici o lenti a contatto, che sovrappongono il contenuto virtuale all'esperienza del mondo fisico, aumenterà la confusione, poiché il virtuale sarà sempre più integrato nel mondo reale. (nota 2)

Le persone si abitueranno a considerare il mondo virtuale come un grande accentratore della loro attenzione, delle loro emozioni e pensieri, come faceva prima il mondo naturale. La tentazione sarà quella di dare la loro lealtà a ciò che non solo indebolisce la loro relazione con la natura ma anche, attraverso il suo assalto all'immaginazione, con un possibile effetto corrosivo sulla vita interiore. La confusione sarà poi forse aggravata da un enorme aumento nell'uso dell'olografia 3D che darà alle entità virtuali la possibilità di incarnarsi elettronicamente nell'ambiente fisico. Completamente.

Questo è ciò che consentirà la saturazione del mondo con onde millimetriche ad altissima frequenza. In sintesi: le onde stesse, con il loro inquinamento, sono solo una parte del problema; sono le tecnologie che cavalcano sul dorso di queste onde e il loro impatto sulla nostra vita interiore che dovrebbero anche interessarci.

 

LA FORMAZIONE DEL CERVELLO ELETTRONICO GLOBALE.

Ma se il 5G promette di alterare radicalmente il mondo esperienziale in cui oggi abitiamo, c'è qualcosa in più che dobbiamo capire se dobbiamo cogliere ciò che è realmente in preparazione.

Allo stesso tempo, mentre tecnologie sempre più sofisticate avranno sempre più disconnesso gli esseri umani dal mondo naturale, emergerà gradualmente una rete di "intelligenza" elettronica, di dimensioni globali. Una “intelligenza” che, mentre agli albori dell’ “era elettrica” era inizialmente sotto stretto controllo umano, diventerà costantemente più autonoma.

Consideriamo infatti la differenza tra la radiodiffusione e Internet: la prima è sotto stretto controllo umano e ha uno scopo molto specifico; mentre la seconda si è affermata come un'infrastruttura elettronica permanente e costantemente disponibile; ma di portata e gestione indefinite. Ciò che è accaduto negli ultimi decenni è il crescente coordinamento delle macchine dotate di intelligenza, in modo che funzionino senza bisogno di supervisione umana.

Gli sforzi attualmente in corso per creare un ecosistema elettronico 5G sono il presupposto necessario per lo sviluppo e il perfezionamento di una rete globale di intelligenza artificiale, che si nutra del trasferimento molto rapido di grandi quantità di informazioni (Big Data). Questo "cervello" elettronico globale, innocuamente chiamato "Internet of Things", sta già incidendo sulla nostra vita.

 

MA LA REALTÀ È CHE L'INTERNET OF THINGS È ESSA STESSA IL PRECURSORE DI QUELLA CHE È STATA CHIAMATA "INTERNET OF THINKING”.

Quello che ci apparirà attraverso l'Internet of Things, saranno sempre più cose collegate a Internet e rese "intelligenti" grazie alla capacità di funzionare autonomamente. Sulle autostrade intelligenti la tua auto si guida da sola mentre tu, indossando le cuffie VR e il giubbotto tattile, giochi con computer interattivi sul sedile posteriore; e nella tua casa intelligente il tuo frigorifero ordinerà autonomamente più uova, latte e formaggio per te tramite una connessione wireless con un fornitore.

Ma la realtà è che l'Internet of Things è esso stesso il precursore di quella che è stata chiamata "Internet of Thinking", in cui gli esseri umani si troveranno a dover vivere in relazione con la vasta intelligenza elettronica globale. Essa sarà attiva ovunque nel nostro ambiente e saremo obbligati ad interagire con esso al fine di svolgere anche i compiti più semplici (NOTA 3). Magari essendo costretti, sempre, ad usare carte di credito anche per andare in bagno.

COMMENTO POLITICO: In Internet of Thinking non è difficile vedere i lineamenti di uno stato totalitario sovraccaricato elettronicamente, con un controllo senza precedenti sulle minuzie della vita degli individui. Questo è ciò che significa 5G: significa mettere in atto non solo un sistema di telecomunicazioni migliorato, ma piuttosto un nuovo "sistema di sistemi": l'infrastruttura del totalitarismo elettronico (NOTA 4).

Mentre il nostro mondo è sempre più soffocato da una nebbia di onde radio, microonde e onde millimetriche, può sembrare che gli dei degli Inferi abbiano preso l'umanità in una presa sempre più stretta, attirandoci verso le false luci: le luci illusorie di esseri infernali e di fantasmi affamati contro i quali il Libro tibetano dei morti molto tempo fa (ottavo secolo) metteva in guardia.

Le energie elettromagnetiche che abbiamo evocato e risvegliato, e che hanno promesso di darci nuovi poteri, ora sembrano sopraffarci, portandoci giù in un regno sotterraneo di intrattenimento e distrazione infernale, di illusione e disconnessione dalla realtà che conta davvero: la realtà della natura e dell'ordine spirituale, che infonde la natura; la realtà delle altre creature con cui condividiamo il nostro mondo, vivendo nel suolo e nel cielo e camminando sulla Terra accanto a noi.

Dobbiamo chiederci: la Terra ha bisogno di un ecosistema elettronico? Trarrà beneficio in qualche modo dall'irradiazione con onde millimetriche? C'è davvero bisogno di 5G? Possiamo sperare che il 5G sia la risposta ai pressanti problemi ecologici, sociali e spirituali che affrontiamo oggi?

La risposta, molto probabilmente, è NO! Siamo probabilmente alla soglia della perdita della nostra spiritualità, della nostra cultura. Le lauree in filosofia, in lettere in arti, non valgono più nulla. Valgono solo le lauree tecnologiche: in ingegneria, fisica, informatica. Cosa possiamo fare per non perderci ulteriormente?

Qualcosa deve essere fatto: dobbiamo portare la comprensione spiritualmente informata al significato più profondo del cervello elettronico globale; il cui emergere verrà accelerato dal 5G. Dobbiamo sviluppare una chiara percezione della “qualità morale dell'elettricità”, (ammesso che esista…). Ciò ci consentirà di rompere l'incantesimo che ci rende oggi schiavi di elettricità e di tecnologie elettroniche, e ci consentirà di stabilire una relazione più appropriata con loro.

 

MA DOBBIAMO RISTABILIRE IL NOSTRO RAPPORTO CON LA “LUCE”

Una delle intuizioni più utili di Rudolf Steiner sull'elettricità è stata la sua osservazione che essa non è altro che luce in uno stato caduto e degradato (NOTA 5). Non è forse vera la superiorità e “spiritualità” del fotone nei confronti dell’elettrone ? Il fotone è un quanto di energia che non possiede né massa, né carica elettrica; si muove in qualsiasi sistema di riferimento alla velocità massima C (l’elettrone è più goffo, più lento…) , ma, pur non avendo massa, possiede sia energia che quantità di moto. Come può un corpo privo di massa avere quantità di moto? Perché è un puro spirito.

La Luce però oggi è caduta sotto la sua natura: nel regno sub-naturale e virtuale, prestandosi (con i cavi ottici) ad agevolare la nostra caduta verso la civiltà elettronica; ed è per questo che dobbiamo attivamente difenderci da una dipendenza sempre crescente da questa civiltà, che minaccia di trascinarci verso il basso.

Cosa possiamo fare? Possiamo, dobbiamo, ricostruire il nostro rapporto con la Luce, che, nella sua altruistica benevolenza e purezza ci saluta ogni mattina e che, a differenza delle false e illusorie luci elettroniche che ci porterebbero negli Inferi, ci invita in una direzione del tutto diversa, verso il nostro mondo di umanità essenziale.

***

 

NOTA 1. Jacqui Goddard, “Facebook exploits human weakness, admits former boss Sean Parker” The Times, 10th November, 2017.

NOTA 2. Ovum, “5G Economics of Entertainment Report”.

NOTA 3. Maynard Williams, “Welcome to the Internet of Thinking”, The Telegraph, 8th May, 2018.

NOTA 4. Nokia White Paper, 5G – a System of Systems (www.Nokia.com).

NOTA 5. Rudolf Steiner, Anthroposophical Leading Thoughts (Forest Row: Rudolf Steiner Press, 2007), p.218.

 

Inserito il:13/11/2019 18:55:40
Ultimo aggiornamento:17/11/2019 22:21:57
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology