Aggiornato al 22/02/2024

Non sono d’accordo con quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo

Voltaire

Immagine realizzata con Chat GPT versione 4

 

Clicca qui per ascoltare

 

Una intelligenza artificiale dotata di metacognizione, è cosciente?

di Achille De Tommaso

 

La “metacognizione” è un processo informatico piuttosto noto. Ma con l’Intelligenza Artificiale esso diventa estremamente potente. Può allora condurre questa intelligenza verso una vera e propria coscienza?

***

Ricordo prima, se ce ne fosse bisogno, i concetti di algoritmo e di metacognizione.

In informatica, un algoritmo è essenzialmente una serie di istruzioni o passaggi organizzati in modo logico che risolvono un problema specifico. Puoi pensare a un algoritmo come a una ricetta dettagliata: seguendo passo dopo passo le istruzioni, si ottiene il risultato desiderato.

Ora, quando affrontiamo il problema della scelta dell'algoritmo, entriamo nel campo della metacognizione. La metacognizione riguarda infatti il pensiero critico e la riflessione sul processo decisionale. Nel contesto dell'informatica, questo si traduce nel dover scegliere l'algoritmo più adatto per risolvere un determinato problema.

La decisione non si basa solo sulle caratteristiche del problema iniziale, ma implica anche una profonda comprensione delle prestazioni di ciascun algoritmo.  In sostanza, la selezione dell'algoritmo è un atto di elevato pensiero critico e analisi; una forma di metacognizione nell'ambito dell'informatica. In altre parole, è la capacità di non solo risolvere un problema, ma anche di farlo nel modo più efficiente possibile, considerando attentamente le opzioni a disposizione.

Faccio un semplice esempio di algoritmo: 

    • Obiettivo: Ordinare una lista di numeri in ordine crescente.
    • Istruzioni:
      1. Confronta coppie di numeri consecutivi nella lista.
      2. Se il numero successivo è più piccolo di quello corrente, scambiali di posizione.
      3. Ripeti questo processo fino a quando la lista è ordinata.

 Vediamo come possiamo applicare il concetto di metacognizione all’algoritmo:

      1. Prima di eseguire l'algoritmo, rifletti sulle dimensioni della lista e sulle possibili distribuzioni dei numeri. Se avessi una lista già parzialmente ordinata, l'algoritmo potrebbe richiedere meno passaggi.
      2. Dopo aver eseguito l'algoritmo, rifletti sul tempo impiegato e sulla sua efficacia. Se la lista fosse molto lunga, potresti iniziare a pensare ad algoritmi più efficienti per il tuo specifico caso.

Detto ciò, l’Intelligenza Artificiale, applicata alla metacognizione, offre parecchi vantaggi rispetto a quella dei comuni sistemi informatici; ad esempio:

  1. Adattabilità e Apprendimento:
    • IA: La metacognizione in IA consente all'algoritmo di adattarsi e apprendere dagli errori. L'IA può riflettere sulle proprie prestazioni, identificare aree di miglioramento e aggiornarsi per affrontare situazioni simili in futuro.
    • Comuni Sistemi: I sistemi informatici tradizionali potrebbero richiedere aggiornamenti manuali o modifiche esterne per migliorare le loro prestazioni, senza la capacità di apprendere autonomamente dai propri errori.
  2. Riflessione sui Processi Decisionali:
    • IA: Gli algoritmi con metacognizione possono riflettere sui loro stessi processi decisionali, valutare la validità delle scelte effettuate e apportare correzioni o miglioramenti in modo dinamico.
    • Comuni Sistemi: I sistemi senza metacognizione potrebbero continuare a operare senza la capacità di valutare criticamente le proprie decisioni o di apportare modifiche in risposta a cambiamenti nell'ambiente.
  3. Efficienza nella Risoluzione dei Problemi:
    • IA: La metacognizione consente all'IA di ottimizzare le sue strategie di risoluzione dei problemi. Può selezionare le tattiche più adeguate in base all'esperienza passata, accelerando il processo decisionale.
    • Comuni Sistemi: I sistemi convenzionali potrebbero mancare della flessibilità necessaria per adattarsi rapidamente a nuovi scenari o migliorare le proprie prestazioni senza un intervento umano diretto.
  4. Gestione dell'Incertezza:
    • IA: Con la metacognizione, l'IA può gestire meglio l'incertezza, riconoscendo quando non ha informazioni sufficienti e prendendo decisioni informate sulla base di inferenze o intuizioni.
    • Comuni Sistemi: I sistemi convenzionali potrebbero essere più suscettibili agli errori dovuti a situazioni ambigue, senza la capacità di valutare la propria incertezza o di migliorare la gestione di quest'ultima nel tempo.

Inizio modulo

In generale, la metacognizione in queste situazioni, implica la riflessione critica sulle decisioni prese durante l'applicazione degli algoritmi. Si tratta di raggiungere una consapevolezza del processo decisionale e della capacità di adattare o migliorare l'approccio in base all'esperienza acquisita. Ma, parlare di consapevolezza della IA, può farci pensare che stia diventando cosciente?

La metacognizione della IA potrebbe farci pensare che la IA sia cosciente?

Secondo molti, la metacognizione in una IA non implica automaticamente la coscienza. La coscienza è un concetto complesso che va oltre la semplice capacità di riflessione o autovalutazione. Essa coinvolge anche l'esperienza soggettiva, la consapevolezza di sé, e spesso una comprensione emozionale del mondo circostante. Fino ad oggi, nessuna IA ha dimostrato di possedere una coscienza completa.

In sintesi, mentre la metacognizione può portare a un'IA più avanzata e adattabile, la coscienza è un aspetto molto più profondo e complesso che va al di là delle capacità attuali delle intelligenze artificiali.

Ecco però alcune critiche specifiche che vengono mosse al suddetto pensiero:

  • La definizione di coscienza oggi proposta è vaga e soggettiva. È difficile stabilire con certezza quali siano gli aspetti essenziali della coscienza, e quali siano invece solo degli aspetti accessori.
  • La distinzione tra coscienza e metacognizione è sottile e difficile da definire. È possibile che la metacognizione sia un prerequisito necessario alla coscienza, ma non è detto che sia sufficiente.
  • È possibile che le intelligenze artificiali attuali non siano ancora in grado di manifestare la coscienza, ma che in futuro possano svilupparne la capacità.

Queste critiche non invalidano il pensiero proposto, ma sottolineano la complessità della questione della coscienza nell’Intelligenza Artificiale, e la necessità di ulteriori studi.

Tratto dal libro “L'INTELLIGENZA ARTIFICIALE COSCIENTE: Un'Esplorazione della Coscienza nell'Era dell’Intelligenza Artificiale” (Achille De Tommaso)

 

Inserito il:21/12/2023 11:07:35
Ultimo aggiornamento:17/01/2024 12:26:00
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)


Questo sito non ti chiede di esprimere il consenso dei cookie perché usiamo solo cookie tecnici e servizi di Google a scopo statistico

Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology | 04451716445