In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 16/12/2018

Paul Klee (1879-1940) -  Zaubergarten (Magic garden) - 1926

 

(4) La trasformazione digitale: governance e organizzazione dell’impresa

di Simone Fubini

 

La trasformazione digitale di un’impresa manifatturiera o di servizi si realizza quando essa diviene “data driven” attraverso l’elaborazione delle informazioni che partono da mercato e clienti e risalgono attraverso i processi di distribuzione, produzione e progettazione dei beni e servizi con l’inclusione i tutti gli attori che partecipano alla creazione dell’offerta.

Lo stato dell’arte dell’ICT attuale permette quanto sopra tramite lo scambio di informazioni digitalizzate tra operatori, macchine, processi e gli stessi prodotti e servizi a cui componenti informatici intelligenti saranno in grado di fornire informazioni lungo tutto il loro ciclo di realizzazione, distribuzione e di utilizzo da parte del cliente che l’ha acquisito o utilizzato, permettendo diagnostica anche quasi predittiva e manutenzione a distanza.

La competitività di un’impresa sta quindi nella capacità di gestire flussi di informazioni e di merci e diviene premiante l’ottimizzazione del funzionamento dell’ecosistema d’impresa con le sue filiere operative, più che le singole funzioni aziendali.

Ciò implica non solo nuova organizzazione e uno sviluppo tecnologico, ma un sostanziale cambiamento nella governance nell’organizzazione dell’impresa. Dominare il flusso operativo e informativo richiede un approccio che gestisce una molteplicità di collegamenti che richiedono condivisione e cooperazione entro e fuori l’impresa. Cambiano così i rapporti di lavoro, i sistemi incentivanti, le forme contrattuali.

L’impatto della trasformazione delle imprese in ecosistemi con filiere di attività interconnesse porta ad una trasformazione delle società in cui operano.

Da una parte per molte imprese porta ad estendere la visione e l’impatto operativo a valle nel mondo Europeo ed extraeuropeo con aperture culturali necessarie per comprendere maggiormente il proprio mercato e clienti.

Ma d’altra parte a monte permette una accelerazione attorno alle imprese leader della concentrazione ed interconnessione delle migliaia di piccole imprese dei distretti che cooperano all’ecosistema guida, portando al superamento della grave carenza del sistema industriale italiano basato su innumerevoli piccole imprese che piuttosto che collaborare preferiscono l’estinzione.

Occorre però evidenziare che il processo di trasformazione digitale delle imprese non avrà successo senza una contemporanea crescita culturale di molti imprenditori che comporti la loro accettazione all’apertura del capitale per finanziare crescita e internazionalizzazione, il rischio, la concorrenza, la diversità, e permetta loro di operare in un contesto di grande complessità e continua innovazione tecnologica e socio economica.

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:10/01/2017 15:28:01
Ultimo aggiornamento:10/01/2017 15:43:32
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
nel futuro, web magazine di informazione e cultura nel futuro, archivio
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology