Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su
Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy.

[OK, ho capito]
Aggiornato al 23/09/2021

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Serge Alain Nitegeka (Burundi, 1983 - ) - Colour & Forms LXXIII, 2018

 

Come le tecnologie digitali influenzano le migrazioni


di Achille De Tommaso

 

Due campi di ricerca ci consentono di esaminare l'impatto delle tecnologie digitali sui migranti precari e sui regimi migratori da una prospettiva critica: (1) studi sulla migrazione digitale e (2) studi sui confini e sulla sorveglianza degli stessi, assieme a temi riguardanti la sicurezza. Entrambi i campi generano conoscenze in diverse discipline, come antropologia sociale, sociologia, scienze politiche, diritto, studi internazionali e studi sulla comunicazione e sui media.
***


La ricerca presente in questi due campi dimostra che, da un lato, le TIC (Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione)  possono essere utilizzate in modo creativo dalle popolazioni di rifugiati e da altri attori della società civile per massimizzare le possibilità dei rifugiati di completare il loro viaggio verso i paesi di destinazione, e soddisfare le loro aspirazioni di condizioni di vita.  E dall’altro, dalle istituzioni, per il controllo e l’integrazione dei rifugiati.


All'inizio degli anni 2000, alcuni studi empirici hanno evidenziato l'importanza delle tecnologie digitali come risorse per i migranti in situazioni di vulnerabilità; nonostante le persistenti disuguaglianze in termini di accesso, infrastrutture e competenze digitali (Diminescu 2002 ; Horst 2006 ; Nedelcu 2009 ; tra gli altri). Ad esempio, Diminescu ha mostrato che i telefoni cellulari sono diventati strumenti strategici per i migranti africani per regolarizzare la loro situazione in Francia . Allo stesso modo, Horst ha descritto come i rifugiati somali nei campi di Dadaab (Kenya nord-orientale) ricevessero un sostegno costante dai loro coetanei residenti all'estero, in particolare attraverso un sistema semi-formale di comunicazione e servizi bancari gestiti tramite telefono, fax, SMS ed e-mail.


Allo stesso tempo, Internet (come evidenzio anche nell’ultimo paragrafo) ha creato una nuova sfera sociale che consente alle popolazioni rifugiate di trovare uno spazio in cui esprimere le proprie rivendicazioni e identità. Baujard (2008) ha scoperto che i rifugiati birmani (con sede in India e Tailandia) hanno usato piattaforme virtuali per l'attivismo digitale, come strumenti principali per rafforzare la loro identità di rifugiati e per esprimere rivendicazioni politiche.
Più in generale, le diaspore di rifugiati utilizzano le TIC per raccogliere informazioni e risorse che consentono loro di mobilitarsi attivamente e agire come attori transnazionali all'interno della società civile nel loro paese di origine, ad esempio  inviando rimesse in denaro. Questi diversi esempi mostrano che i migranti in situazioni di elevata precarietà (sociale, economica o giuridica) sono in grado di fare usi innovativi delle TIC.


La crisi dei rifugiati emersa nel 2015 ha dato nuovo impulso agli studi incentrati sull'impatto delle TIC sui processi migratori e Leurs (2018) ha affermato che "l'eccezionale attenzione riservata alla mediazione digitale delle pratiche di mobilità dei migranti si riflette ora in un'area di ricerca in crescita nel campo degli studi sulla migrazione digitale. Questo crescente interesse abbraccia diversi processi. Un importante flusso di ricerca sta portando alla ribalta il ruolo essenziale svolto dalle tecnologie mobili (ad esempio gli smartphone) e dai social media (ad esempio Facebook, WhatsApp) nell'aiutare i rifugiati a ottenere informazioni vitali per compiere i loro viaggi con successo. Le app di posizionamento globale, le mappe digitali e le piattaforme digitali attraverso le quali le esperienze vengono condivise all'interno di reti informali rappresentano una logistica innovativa che consente ai migranti di affrontare meglio il geosociale in evoluzione (e spesso ostile)”.


Ad esempio, Gillespie e Osseiran hanno dimostrato che gli smartphone sono vitali quanto il cibo e l'acqua nel passaggio dei rifugiati siriani e iracheni verso l'Europa. Da un lato, questi strumenti di comunicazione mobile consentono ai rifugiati di pianificare, navigare e documentare i loro viaggi, pur essendo in regolare contatto con la famiglia e gli amici. D'altra parte, gli smartphone danno la possibilità di essere localizzabili durante gli spostamenti (ovvero in grado di comunicare la loro posizione alle guardie costiere o ai membri della famiglia) e soprattutto essere visibili per garantire la propria sopravvivenza in mare. Durante il loro viaggio verso Europa, i rifugiati fanno circolare la conoscenza collettiva circa il viaggio; questa conoscenza  viene poi raccolta e diffusa da altri migranti “pionieri”, reti familiari ed etniche.


Tuttavia, gli stessi strumenti digitali che danno sicurezza ai rifugiati durante il loro passaggio in Europa possono essere utilizzati anche contro di loro. Tracce digitali possono servire ai regimi politici ostili, e magari non democratici, dei paesi di origine, per monitorare gli avversari politici. C'è poi anche il rischio di fare affidamento su una disinformazione che può mettere a repentaglio il progetto di migrazione fornendo false informazioni circa i rischi del viaggio e la possibilità di lavoro e di integrazione nei paesi di destinazione.

Consapevoli di queste minacce, i richiedenti asilo siriani nei Paesi Bassi hanno sviluppato varie strategie per convalidare le informazioni provenienti dai social media (Dekker et al.2018). Queste strategie includono la preferenza per le informazioni fornite da reti personali e legami sociali affidabili, nonché il collegamento di diverse fonti di informazione, combinate con le esperienze personali dei migranti.
Allo stesso tempo, c'è un crescente corpo di ricerca che punta a diverse forme di attivismo digitale che danno visibilità alle popolazioni di rifugiati. In primo luogo, gli studi sulle diaspore digitali dimostrano che Internet ha creato, soprattutto per le diaspore di rifugiati altamente politicizzati, nuove sfere pubbliche che ``potrebbero consentire alle voci dei migranti di essere ascoltate dove la partecipazione politica è altrimenti scarsa '' (Kissau e Hunger 2008 , 6), consentendo così a una voce collettiva di gruppi minoritari di emergere.


Alcune nuove iniziative digitali basate sulle app hanno portato alla produzione di soluzioni tecnologiche abilitate destinate ai 'rifugiati intelligenti' (Dekker et al. 2018 ; Ennaji e Bignami 2019) circa la "diaspora dei rifugiati" (Leurs e Smets 2018 ). In particolare, una miriade di hackathon (eventi cui partecipano sviluppatori e programmatori) ha facilitato lo sviluppo di soluzioni pragmatiche e applicazioni per smartphone per aiutare i rifugiati nei loro viaggi.
In questo modo, le iniziative basate su Internet hanno integrato le azioni collettive avviate da consolidate attività di difesa dei migranti e ambienti associativi che tradizionalmente intervengono sul campo a favore dei rifugiati nei paesi di accoglienza e di transito.


Da sottolineare, infine, come il 4G abbia influenzato l’aumentare delle migrazioni. Fino al 3G, infatti, la comunicazione si basava fondamentalmente su voce ed SMS. Con l’avvento della migliore trasmissione dei dati permessa dal 4G, non solo hanno preso piede piattaforme di messaggistica gratuita (Whatsapp) e di posta elettronica; ma la possibilità migliorata di ottenere ed inviare foto e video, non solo è stata utile per mantenere un migliore contatto con i familiari, ma ha mostrato ai potenziali migranti,  anche da parte degli organizzatori dei viaggi, le immagini di terre (spesso sconosciute) dove la qualità della vita poteva essere migliore di quella loro attuale.

FONTI
https://mpra.ub.uni-muenchen.de/19175/1/MPRA_paper_19175.pdf
https://reliefweb.int/report/world/role-technology-addressing-global-migration-crisis
https://blogrecherche.wp.imt.fr/en/2018/12/20/digital-technology-migrants-lives/

 

Inserito il:06/12/2020 18:15:39
Ultimo aggiornamento:06/12/2020 18:43:37
Condividi su
Cliccate sulle strisce colorate per la sezione di vostro interesse
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)

Questo sito utilizza cookies.

Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology