Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]
Aggiornato al 12/07/2020

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal
coen-bruno-intersezioni.JPG
Bruno Coen (Contemporaneo -Milano) – Intersezioni di vita in blu - 1995

Mappare le pubbliche amministrazioni e le loro entità con telegram.

In un dialogo a tre, tra me, Marco e Matteo, si discute e si abbozza un’idea per mappare le ipa (pubbliche amministrazioni) mancanti all’appello prodotto e descritto nel seguente articolo:

http://nelfuturo.com/un-amico-risponde

RICCARDO

Caro Marco,

quando puoi dai un'occhiata a questo lavoro:

http://pratosmart.teo-soft.com/trovare-musei-vicini-a-te-con-telegram-e-openstreetmap/

Pensavo al lavoro che abbiamo fatto insieme, Marco, sulle ontologie mappate:

http://nelfuturo.com/un-amico-risponde

E mi chiedevo: chissà se, usando telegram e ispirandoci al lavoro di pratosmart che hai letto sopra, riusciamo a "farci mappare" le entità da chi lavora nelle ipa ?
Provo a spiegarmi: nel file amministrazioni come ricorderai ci sono tutte le ipa, e tra i vari dati di ciascuna ipa abbiamo:

- indirizzo testuale

- indirizzo mappato (opzionale)

- elenco entità (da zero a N) derivanti dalle search sui metadati del catalogo basi dati e applicazioni di agid per le ipa

- email (una o più email di riferimento di persone per ciascuna ipa).

MARCO

Sono mail del tutto generiche (protocollo@... , amministrazione@....) 

RICCARDO

Diciamo che ci sono vari casi: mail molto generiche in amministrazioni più grandi, mail più dirette in amministrazioni più piccole, per cui mandando a tutti, su 100 magari una percentuale a 1 cifra (o a 2 chissà) risponde. Se per ogni ipa non ancora mappata, ovvero con elenco entità pari a zero, ci facessimo mappare le entità da chi lavora appunto in quelle ipa ?

MARCO

In ogni ipa, quanti sono che sanno cosa vuol dire "mappare le entità" ? 

RICCARDO

Anche qui dipende dai destinatari della mail presente nel file delle ipa, per piccole p.a. magari risponde un referente IT, per le più grandi rischiano di diventare come le email di reclamo inviate ai provider telefonici :) 

Inoltre dovrei rivedere la gerarchia di entità e relazioni finora usata (https://www.dropbox.com/s/eodk7k36m6ehn7y/F2indent.txt?dl=0), ripensandola in maniera meno codificata, magari anche solo con i termini depurati dai tecnicismi, e prevedendo la possibilità che gli utenti inseriscano nuove entità a piacere, collocandole nella opportuna gerarchia, oltre ad usare se possibile quelle esistenti.

MARCO

bisognerebbe poter contattare il db administrator, ma suppongo che nella maggior parte dei casi siano fornitori esterni, ed il personale dell'ipa è solo utente.

RICCARDO

Vero, in quei casi (ipa = solo utente) bisognerebbe potersi recare (io o persona formata) fisicamente presso le ipa e fare i reverse con tools e connessioni ai db, cosa non banale da ottenere; laddove sono fornitori esterni, forse e' piu' facile, nel senso che se l'ipa impone ai suoi fornitori le strutture dei db questi al loro interno dovrebbero essere capaci e aver voglia di fornirle.

Gli utenti ipa riceverebbero una email dove gli si chiede di accedere a telegram e fare le operazioni necessarie per mettersi in rete nel progetto, le spiegazioni di cosa fare, e fornire le coordinate dell'indirizzo mappato qualora mancante.

MARCO

Quale progetto? gestito e intestato da quale ente? (il personale ipa , o loro fornitori, suppongo che forniscano informazioni a chicchessia dopo debita autorizzazione).

RICCARDO

Il progetto potrebbe/dovrebbe nascere come tesi sperimentale con una qualche università, ovviamente le ipa dovrebbero avere mandato da agid per "aprirsi"  al lavoro ed offrire la loro disponibilità a condividere i metadati e gli schemi dei db.
Può darsi io abbia scritto una marea di castronerie impossibili, e sicuramente la mia analisi è incompleta.
Proviamo a ragionarci su.

MARCO

Secondo me un progetto del genere (se già non esiste) deve essere preso in carico e gestito da qualcuno tipo agid.gov.it, dati.gov.it... ?Lo vedo male in questo contesto il volontariato: già mi aspetto pochi opendatari nelle ipa, ma come fare ad avere la loro mail per contattarli? 

RICCARDO

Potrei sbagliarmi, ma non credo esista già un progetto del genere. 

Ho proposto ad agid questo progetto, ho proposto anche di innestarlo come upgrade dell'attuale catalogo agid, che ora prevede basi dati e applicativi metadatati, in futuro avremmo tavole e campi dei db metadatati, col mio progetto. Al momento non ho risposte da agid. Se tra i partecipanti a questa lista vi sono persone che lavorano nelle ipa, di essi abbiamo già la loro email.

MATTEO

Ciao Riccardo, ho letto la tua cosa, tutto molto interessante ma onestamente mi manca di capire come vuoi mappare, o meglio cosa è come.

RCCARDO

Non so se oltre a metadata jones (http://nelfuturo.com/metadata-jones ) avevi letto anche il mio precedente articolo: http://nelfuturo.com/un-amico-risponde#

In sintesi: da un elenco di ipa, queste vengono mappate se nei metadati dei db agid delle ipa vengono trovate almeno 1 entità di quelle che uso per le search. Per le ipa per le quali non vengono trovate entità, bisognerebbe comunque mapparle. Come? Facendolo fare ai referenti di ogni ipa, chiedendo a ciascuno con una email di:
1) fornire le coordinate geografiche se mancanti
2) dire quali entità tratta l'ipa di cui sono referenti.
Tralasciamo per ora la competenza che i referenti ipa dovrebbero avere per mappare e per sapere quali entità trattano, immaginiamo che siano formati su questo. E' fattibile tutto ciò con automatismi tipo bot di telegram, argomento del quale ne so nulla? Grazie a presto.

MATTEO

Per fare codesta cosa devi creare un bot telegram a cui i referenti inviano la loro posizione (quando sono nella IPA) con lo smartphone, e subito dopo ti inviano la descrizione testuale. Spiego come fare qui:

http://pratosmart.teo-soft.com/come-fare-una-mappa-di-segnalazioni-usando-telegram/

Invece di usare una app dedicata per mappare informazioni usa un robot Telegram

RICCARDO

Grazie Matteo, mi studio bene la cosa. E' geniale proprio perché semplice, quasi disarmante, e potentissima al tempo stesso. Il problema delle email lo avrei a monte, o meglio: come posso raggiungere tutti i referenti che prenderei da una mailing list? Potrei preparare una email che mando a tutti, dove spiego come collegarsi al bot telegram opportunamente creato e cosa fare una volta collegati (ovvero dare le coordinate da smartphone quando sono nell'ipa, e fornire un elenco entita' da scegliere, strutturato per gerarchie e relazioni). La lista sod mi servirebbe perché credo che molti spaghettari lavorino all'interno delle ipa e quindi potrebbero essere loro i referenti che fanno da volano di attivazione di questo censimento entità della Pubblica amministrazione.

MATTEO

Sì. Se hai una mailing list la cosa migliore è una volta messo in piedi il bot inviare una comunicazione con due righe di spiegazione.

RICCARDO

Esattamente. Magari sono un po' più di 2 righe di spiegazione, ma il concetto è quello, Tale email dovrebbe andare a tutte le ipa, o almeno a quelle con zero entità trovate, ma proverei a lanciare il progetto nella mailing list sod, per fare sì che gli apripista nelle ipa siano gli spaghettari. Provo a lavorarci, se avessi problemi (e ne avrò di sicuro) mi permetterò di disturbarti ancora, grazie di cuore.

Inserito il:12/10/2015 22:43:52
Ultimo aggiornamento:01/11/2015 16:26:59
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.
Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology