Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]
Aggiornato al 15/07/2020

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal
peter-lowe-transformable.JPG
Peter Lowe – Transformable relief with circles - 1959/60

Netflix e i Telco.


Netflix è ormai sbarcata anche sul Vecchio Continente e incomincia ad  affermarsi, ma anche scontrarsi con un mercato sicuramente complesso, fatto di molte sfumature locali.

Di per sé nulla di sostanzialmente nuovo. Si tratta di un servizio SVOD (Video On Demand in abbonamento) accessibile attraverso i vari dispositivi che consentono di collegarsi a Internet, dagli smartphone fino ai decoder dei vari attori Triple Play o Quadruple Play (fisso, mobile, Internet, TV). Il suo successo dipenderà dalla qualità dell’offerta e dalla differenziazione rispetto ad altri servizi analoghi disponibili in Europa. Il prezzo è già uno standard, attorno ai 10 euro, in funzione della qualità video e del numero di accessi contemporanei.

Per gli operatori di telecomunicazioni è un’occasione per aggiungere valore alle proprie offerte, visto che la velocità in quanto tale (almeno con l’attuale incremento prestazionale) non riesce a giustificare un sostanziale incremento di spesa media. L’offerta multidevice, fino ai canali Ultra HD è, del resto, il naturale companatico della vera banda ultralarga.

Tutto semplice? Non proprio. La negoziazione con gli operatori di telecomunicazioni si è scontrata subito sul tema del revenue sharing, visto che la politica di Netflix è lontana dal modello dei Telco che prevede di norma di trattenere poco meno di un terzo dei ricavi per il trasporto… Del resto, se è vero che in Europa nelle ore di punta YouTube consuma il 20% della banda e Netflix il 3%, negli Stati Uniti Netflix occupa il 34% delle risorse e YouTube il 13%.

In Francia, dopo un lungo braccio di ferro tutti gli operatori hanno siglato l’accordo, ad eccezione di Free e comunque non alle condizioni richieste inizialmente. Allo stesso tempo, almeno per il momento l’offerta di CanalPlay è sicuramente più ricca e lo scontro si preannuncia, quindi, molto interessante.

La partita sarà sicuramente interessante in Italia, da un lato per effetto di un’offerta di TV generalista tradizionalmente molto ricca, ma anche perché è di fatto uno dei pochi Paesi dove gli operatori di telecomunicazioni hanno abbandonato il tradizionale modello di offerta Triple Play basata sull’IPTV. E’ noto come lo scenario si stia modificando in funzione dell’evoluzione degli accordi di Mediaset Premium  e Sky con gli operatori di telecomunicazioni. In questo contesto, la prospettiva Netflix aggiungerà ulteriore carne al fuoco.

La partita si può giocare. Si deve.

Inserito il:15/12/2014 12:01:54
Ultimo aggiornamento:27/12/2014 15:41:39
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.
Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology