Aggiornato al 21/05/2024

Non sono d’accordo con quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo

Voltaire

John William Godward  (Wimbledon, 1861 – London, 1922) – Youth and Time

 

Immortalità e allungamento della vita. Come tornare con un corpo da diciottenne (4)

 

Con 2 milioni di dollari all’anno (più l’investimento iniziale)

 

di Achille De Tommaso

Nel primo articolo spiegavo come, scientificamente, si può “guarire” la morte; nel secondo del possibile “guaio” relativo alla memoria dell’immortale (ma in fondo sappiamo che possiamo fare un backup della stessa…). Nel terzo spiegavo come l’immortalità sia “un gioco da ricchi”: in questo articolo ne fornisco un esempio.

Bryan Johnson, 45 anni, è un ultra-ricco imprenditore di software che ha più di 30 medici ed esperti di salute che monitorano ogni sua funzione corporea. Il team, è guidato da Oliver Zolman, un medico 29enne, specialista in medicina rigenerativa, che  si è impegnato a invertire il processo di invecchiamento in ognuno degli organi di Johnson.

Mettere in funzione il programma ha richiesto un investimento di diversi milioni di dollari, compresi i costi di una suite medica a casa di Johnson a Venice, in California. Quest'anno, Johnson può arrivare a spendere almeno 2 milioni di dollari. Obbiettivo di Johnson è riuscire ad avere cervello, cuore, polmoni, fegato, reni, tendini, denti, pelle, capelli, vescica, pene e retto di un diciottenne.

Io, personalmente, penso che uno dei suoi obbiettivi sia anche quello di fare un business…

 Johnson ; fotografa Magdalena Wosinska per Businessweek

 

Johnson, Zolman (il suo medico-pilota) e un team medico, sono impegnati da più di un anno nei loro esperimenti di allungamento della vita, che collettivamente chiamano Project Blueprint . Ciò include linee guida rigorose per la dieta di Johnson (1.977 calorie vegane al giorno), l'esercizio (un'ora al giorno, ad alta intensità tre volte a settimana) e il sonno (alla stessa ora ogni notte, indossando occhiali che bloccano la luce blu).  Johnson monitora costantemente i suoi segni vitali. Ogni mese subisce dozzine di procedure mediche, alcune piuttosto estreme e dolorose; quindi ne misura i risultati con esami del sangue, risonanze magnetiche, ecografie e colonscopie. Tutto il lavoro, dicono i medici, ha iniziato a dare i suoi frutti: il corpo di Johnson, che è misurato costantemente, sta diventando più giovane dal punto di vista medico.

Ad oggi, invero, ci sono alcuni segni evidenti che Johnson sia più sano della maggior parte dei 45enni. Il suo grasso corporeo oscilla tra il 5% e il 6%, il che lascia i muscoli e le vene in piena vista. Ma è ciò che è successo all'interno del suo corpo che entusiasma di più i suoi dottori. Dicono che i suoi test mostrano che ha ridotto la sua età biologica complessiva di almeno cinque anni. I loro risultati suggeriscono che abbia il cuore di un 37enne, la pelle di un 28enne e la capacità polmonare e la forma fisica di un 18enne. "Tutti i marcatori che stiamo monitorando sono migliorati notevolmente", afferma un componente dell’equipe.

Zolman,  laureato in medicina al King's College di Londra , è più cauto. Sottolinea che il suo lavoro con Johnson è appena iniziato, e che hanno ancora centinaia di procedure da esplorare, inclusa una serie di terapie geniche sperimentali.

Sebbene Johnson non sia il primo sviluppatore di software a fissarsi di vivere una vita più sana, sta inseguendo qualcosa di simile alla versione di ciò che i tizi che bazzicano nell'industria tecnologica americana oggi chiamano “The quantified self” (Il sé quantificato) (1)(2) . Negli ultimi dieci anni circa, l'idea della Silicon Valley di ottimizzare il nostro sistema vitale aveva però assunto principalmente la forma di cura dell’esercizio fisico o di diete alla moda: dal “digiuno intermittente” , all’uso di Soylent (un beverone che dovrebbe sostituire tutte le sostanze alimentari) . Il discorso di Johnson, invece, è che si deve contare molto di più sulla misurazione continua dei propri parametri per avere un quadro chiaro di ciò che è meglio per il proprio corpo. "Sto cercando di dimostrare che il decadimento non è inevitabile", dice.

Chiarisco: Johnson, non è un pazzoide visionario: nel suo passato lavoro, aveva creato una società di elaborazione dei pagamenti chiamata Braintree Payment Solutions LLC . Questa è stata un’azienda di enorme successo; ma le lunghe ore di lavoro e lo stress lo avevano lasciato sovrappeso e profondamente depresso, al limite del suicidio. Ha venduto quindi l'attività a EBay Inc. nel 2013 per 800 milioni di dollari in contanti, quindi ha iniziato un lungo progetto per “sistemare se stesso”. Ciò includeva imparare di più sulla propria biologia. Ha quindi fondato una società di venture capital focalizzata sulla biotecnologia chiamata OS Fund e poi, nel 2016, una società chiamata Kernel (ne ho accennato nello scorso articolo), che produce caschi che “monitorano”  l'attività cerebrale per analizzare i meccanismi interni della mente. Per inciso: alcuni ricercatori stanno oggi utilizzando questi caschi per cercare di quantificare gli impatti della meditazione e degli allucinogeni e trovare modi per ridurre il dolore cronico. Quindi dobbiamo presumere che Johnson non sia un pazzoide. Magari un fissato; ma non un pazzoide.

Quindi Johnson ha iniziato ad armeggiare con il suo corpo: gestendo la sua dieta, assumendo integratori e cellule staminali, e via dicendo. Qui sotto, in figura, un esempio della sua dieta (da notarsi l’abbondanza di cavoli e cavoletti…):

Uno dei pasti regolari di Johnson, pre-frullatore.

Fonte: Bryan Johnson

 

Johnson è convinto del fatto che le persone non abbiano le informazioni più importanti di cui hanno bisogno per vivere una vita sana e lunga; e che, l’avere queste informazioni, ossia vedere i propri dati di salute fisica nero su bianco, può aiutare le persone a rompere abitudini distruttive. "Facendo così, afferma, puoi guardare il tuo corpo evolversi e affidarne l’evoluzione alla tua forza di volontà". 

Parliamo ora del medico che gestisce il progetto Blueprint, dott. Zolman. Zolman, ha 29 anni, e ha sperimentato lui stesso un certo tipo di “crisi medica”. Nel 2012, infatti, il suo primo anno di medicina a Londra, Zolman si era fatto male alla schiena giocando a basket. L'infortunio si era rivelato abbastanza grave, tanto che per circa un anno ha lottato per camminare correttamente e talvolta aveva dovuto usare una sedia a rotelle per le visite in ospedale. I dottori che ha incontrato non sembravano riuscire a sistemare le cose, quindi ha iniziato a fare le proprie ricerche e sviluppare un proprio programma di terapia fisica; inclusi massaggi dei tessuti profondi su gambe, glutei, parte bassa della schiena, addominali e bacino. Dopo questo periodo di terapia fai-da-te, afferma, ha potuto tornare a camminare.

Questo potrebbe sembrare un discorso da ciarlatano; ma Zolman, ha poi ottenuto la sua laurea in medicina con lode nel 2019. Poco dopo, ha ricominciato a studiare e a immergersi in tutta la ricerca clinica che pensava potesse aiutarlo a vivere più sano, e più a lungo. Zolman oggi è convinto che il progresso nel campo della longevità richieda una ricerca più concertata di un certo numero di farmaci e terapie che sembrano in qualche modo promettenti. Ai margini della scienza medica, sostiene, devono esserci risultati migliori di quelli che accettiamo. Nel 2021 ha quindi aperto uno studio, il “20one Consulting Ltd. (6), a Cambridge, in Inghilterra. "Il mio obiettivo è dimostrare, attraverso la biostatistica, che è possibile raggiungere una riduzione dell'invecchiamento del 25% in tutti i 78 organi più importanti dell’uomo, entro il 2030", afferma. Il trattamento che propone, si concentra su azioni per migliorare la dieta e l'esercizio fisico. I programmi più costosi, che arrivano a $ 1.000 l'ora, includono molti test, terapie e dispositivi di assistenza sanitaria. (Non fa pagare se il paziente non vede risultati.)  Per determinare i progressi delle sue terapie, Zolman tiene traccia di 10 e più misurazioni diverse per ciascuno degli organi di un paziente. Con il cervello, ad esempio, utilizza una serie di risonanze magnetiche e ultrasuoni per monitorare il flusso sanguigno, il volume dei tessuti, le cicatrici, il gonfiore e la crescita di eventuali placche nel cervello, nei ventricoli, nel mesencefalo, nel cervelletto, nell'ipofisi e nel tronco encefalico e integra queste misurazioni con misurazioni cognitive del paziente, che includono prove di abilità e prelievi di sangue durante le prove.  

Torniamo a Johnson. Ogni mattina, a partire dalle 5 del mattino, Johnson prende una trentina di integratori e medicinali: licopene per la salute delle arterie e della pelle; metformina (farmaco per diabetici, ma di cui ogni giorno si scoprono nuove virtù mediche…) per prevenire i polipi intestinali; curcuma, pepe nero e radice di zenzero per gli enzimi epatici e per ridurre le infiammazioni; zinco per integrare la sua dieta vegana; e una microdose di litio per, dice, la salute del cervello. Poi c'è un allenamento di un'ora, composto da 25 esercizi diversi, e un succo verde ricco di creatina, flavonoli del cacao, peptidi di collagene e altre prelibatezze. Per tutto il giorno mangia del cibo salutare; con ricette modificate in base ai risultati dei suoi ultimi test. Dopo aver mangiato, Johnson spazzola i suoi denti, e usa filo interdentale prima di risciacquare con olio di tea tree e applicare sui denti un gel antiossidante. I suoi dottori dicono che ha l’apparato gengivale di un diciassettenne.

Ma non è tutto, a Johnson viene applicato un regime che consiste in una serie di misurazioni per ogni parte del corpo. Finora ha registrato 33.537 immagini del suo intestino e ha sondato lo spessore della sua arteria carotide. Johnson colpisce poi, regolarmente, il suo pavimento pelvico con impulsi elettromagnetici per migliorare il tono muscolare nei punti difficili da raggiungere, e ha un dispositivo che conta il numero delle sue erezioni notturne. Anche qui, i medici dicono che ha proprietà fisiologiche di un adolescente…

Ogni giorno misura il suo peso, l'indice di massa corporea e il grasso corporeo e controlla la sua temperatura corporea al risveglio, la glicemia, le variazioni della frequenza cardiaca e i livelli di ossigeno durante il sonno. Subisce anche un numero abbastanza costante di esami del sangue, delle feci e delle urine, nonché risonanza magnetica ed ultrasuoni di tutto il corpo, oltre a test regolari mirati più specificamente ai suoi reni, prostata, tiroide e sistema nervoso. Per riparare i danni del sole alla sua pelle, Johnson applica sette creme quotidiane e riceve settimanalmente peeling acidi e terapia laser, e ha iniziato a stare lontano dal sole. Per migliorare l'udito nell'orecchio sinistro (che ha sofferto durante le battute di caccia dell'infanzia nello Utah), fa la terapia del suono, che verifica i limiti delle frequenze che può sentire, e quindi produce suoni non udibili che stimolano le cellule dell'orecchio e del cervello. (Studi clinici condotti presso la Stanford University e altrove hanno concluso che questo può aiutare la persona media a migliorare il proprio udito di almeno 10 decibel; un margine significativo). Fa bagni e assume alte dosi di testosterone.

Johnson, Ha un sito Web in cui pubblica l'intero corso del suo trattamento e tutti i risultati dei test. E, ora, sta lanciando un altro sito, Il Rejuvenation Olympics (5) , che mette in gara i candidati al ringiovanimento pubblicandone i progressi.

Altre aziende sono collegate a questo discorso, e propongono l'analisi e la verifica dei dati di metilazione. Ad esempio c'è l'analisi del sangue offerta da una società chiamata TruDiagnostic LLC (4) , che cerca di valutare il tasso di invecchiamento di una persona osservando se vari geni funzionino in centinaia di migliaia di punti attraverso il loro patrimonio genetico. Delle circa 20.000 persone che hanno fatto il test nei tre anni in cui è stato sul mercato, circa 1.750 lo hanno ripetuto nel corso degli anni per tenere traccia delle loro battaglie contro l'invecchiamento. C’è da dire che la maggior parte di queste analisi utilizzano i principi “epigenetici”. Gli orologi epigenetici sono considerati gli standard di base quando si misura il processo dell'età biologica. Se vi interessa l’argomento, ne ho trattato in un articolo di NEL FUTURO (7).

Alcuni ricercatori e appassionati di salute che hanno analizzato il programma di Johnson hanno parecchie riserve circa la sua promozione di integratori e vitamine, che considerano in gran parte inutili. Tuttavia, alcuni degli esperti più accreditati nello studio della longevità affermano che l'idea alla base della ricerca circa l’estensione della vita (i concetti epigenetici) è sempre più affidabile. "L'intero campo della longevità si sta trasformando in un luogo clinico molto più rigoroso", afferma George Church, un famoso genetista dell'Università di Harvard.

Da non trascurare il fatto che quello della promessa longevità può essere un ottimo business. Church, per dire, ha partecipazioni in numerose società biotecnologiche. 

PS: Comunque, se non possedete i milioni di dollari oggi necessari per un sensibile allungamento della vostra vita, potete rivolgervi all’ “Immortalità Digitale”. Ma di questo parlerò nel prossimo articolo.

 

PER RIFERIMENTI ED APPROFONDIMENTI

  1. https://www.bloomberg.com/news/features/2015-03-27/the-quantified-self-how-cold-hard-data-improve-lives#xj4y7vzkg
  2. Il sé quantificato si riferisce sia al fenomeno culturale del self-tracking con la tecnologia, sia a una comunità di utenti, che a creatori di strumenti di self-tracking che condividano un interesse per la "conoscenza di sé attraverso i numeri".  Le auto pratiche quantificate si sovrappongono alla pratica del lifelogging e ad altre tendenze che incorporano la tecnologia e l'acquisizione di dati nella vita quotidiana, spesso con l'obiettivo di migliorare le prestazioni fisiche, mentali ed emotive. La diffusa adozione negli ultimi anni di wearable fitness e sleep tracker come il Fitbit o l’Apple Watch , unita alla crescente presenza dell'Internet delle cose, nell'assistenza sanitaria e nelle attrezzature sportive, ha reso il self-tracking accessibile a un ampio segmento della popolazione.
  3. Altri termini per l'utilizzo dei dati di auto-tracciamento per migliorare il funzionamento quotidiano sono: auto-analisi, body hacking, auto-quantificazione, auto-sorveglianza , sousveillance (registrazione dell'attività personale) e informatica personale .
  4. https://trudiagnostic.com/
  5. https://rejuvenationolympics.com/
  6. https://www.20one.consulting/
  7. https://www.nelfuturo.com/Epigenetica-la-scienza-per-costruire-la-nostra-salute

 

Inserito il:27/03/2023 10:48:43
Ultimo aggiornamento:27/03/2023 11:07:39
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)


Questo sito non ti chiede di esprimere il consenso dei cookie perché usiamo solo cookie tecnici e servizi di Google a scopo statistico

Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology | 04451716445