Aggiornato al 14/04/2024

Non sono d’accordo con quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo

Voltaire

Odilon Redon (Bordeaux, F, 1840 – Parigi, 1916) – The Dream

 

Il mio ricordo di Giorgio Ruffolo

di Bruno Lamborghini

 

Il 16 febbraio è stata comunicata la notizia della morte di Giorgio Ruffolo nei suoi 96 anni di una vita tutta dedicata a cercare di costruire una Italia “vera”, seria, sostenibile, in grado di programmare il suo futuro.  Augias ha scritto il suo ricordo intitolando “L’economista che sapeva sognare”, perché Ruffolo non ha mai dimenticato di fare sogni concreti ed attuabili durante tutta la sua lunga vita. Il Presidente Mattarella ha parlato di una persona che univa tensione ideale, garbo e competenza.

Ruffolo è stato Ministro dell’Ambiente per cinque anni dall’87 al ‘92, avviando le politiche per la sostenibilità ambientale e la decarbonizzazione, è stato anche parlamentare europeo e membro del Senato. Socialista lombardiano e giolittiano dopo aver lasciato il PCI negli anni ‘50, ha contribuito sempre in modo critico all’evoluzione del socialismo sino alla nascita del Partito democratico. Ha scritto libri straordinari con molta ironia sullo sviluppo economico e sulla società italiana: uno degli ultimi libri si intitola criticamente “Il Capitalismo ha i secoli contati! “.

Alla fine della guerra, dopo l’impegno partigiano, la sua attività inizia collaborando con Enrico Mattei all’ENI e poi la lunga fase al Ministero del Bilancio e della Programmazione economica guidato da Antonio Giolitti, seguendo quanto avviato da Ugo La Malfa nel 1962 con la famosa Nota Aggiuntiva durante il suo Ministero del Bilancio, una Nota che ha costituito la base della successiva politica di programmazione economica dell’Italia. 

E proprio in quella sede nei primi anni ’70 che inizia la mia conoscenza con Giorgio Ruffolo. Ero un giovane economista della Direzione studi economici Olivetti diretta da Franco Momigliano, che, amico di Ruffolo, collaborava ai lavori della programmazione al Ministero del Bilancio e Programmazione economica di Giolitti. Momigliano faceva parte di quel circolo di economisti che Giolitti aveva raccolto negli anni ’60 attorno alla rivista Serie di politica economica, tra cui Luigi Spaventa, Paolo Sylos Labini, Giuliano Amato.

Andando a Roma al Ministero assieme a Momigliano, ho avuto modo di incontrare più volte Ruffolo e sviluppare così un rapporto di simpatia e amicizia, nonostante la differenza di età e di ruolo, che per Ruffolo certamente non contava. Quegli anni così ricchi di idee innovative sempre alla ricerca di trovare nuove strade utili alla crescita italiana furono molto interessanti e mi aiutarono ad imparare tante cose.

Ruffolo era stato nominato Segretario della programmazione economica con l’obiettivo di disegnare una politica economica pluriennale di cui l’Italia aveva assoluta necessità, così come di predisporre strumenti legislativi più adeguati per la ricerca e innovazione tecnologica di cui disponevano già altri paesi europei: così pure si proponevano azioni per ridurre gli squilibri territoriali. La collaborazione tra Ruffolo e Momigliano ed altri economisti proseguì anche dopo la cessazione del Ministero della Programmazione economica, facilitando l’attuazione di importanti provvedimenti legislativi per la ricerca e innovazione.

Il mio rapporto con Giorgio Ruffolo trovò nuova occasione quando egli fondò nel 1981 il Centro Europa Ricerche (CER), un importante centro di analisi e previsioni economiche a cui presi parte come Olivetti e che pubblicava periodicamente rapporti che divennero punto di riferimento per la politica economica italiana. Fu l’occasione di intense discussioni sui temi più rilevanti della politica industriale e crebbe il mio rapporto professionale e di amicizia con Giorgio, una persona sempre aperta al dialogo ed al rispetto delle opinioni diverse grazie alla sua grande capacità di ascolto e di rielaborazione culturale. Sempre alla ricerca di strade che consentissero una crescita sociale e civile di questo paese.

      

Inserito il:28/02/2023 11:30:25
Ultimo aggiornamento:28/02/2023 12:04:19
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)


Questo sito non ti chiede di esprimere il consenso dei cookie perché usiamo solo cookie tecnici e servizi di Google a scopo statistico

Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology | 04451716445