In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 19/11/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Anonimo (anno 1951) - Hospital room - Tempera

 

Riforma sanitaria in Lombardia

di Remo Arduini

 

Il problema della sostenibilità della spesa pubblica sanitaria non riguarda solo il nostro paese, ma nel nostro paese è particolarmente acuto. Ciò per una duplice ragione: a) non riusciamo a diminuire il forte disavanzo che abbiamo da molti anni; b) la crescita della vita media comporta un progressivo aumento delle malattie croniche, che sono tra le prime cause, a livello mondiale, di mortalità ed invalidità.

A differenza delle malattie acute, quelle croniche hanno una lunga latenza, un esordio graduale e una lenta evoluzione verso un progressivo aggravamento.
Per quanto riguarda la Lombardia, le persone affette da malattie croniche rappresentano circa 3,5 milioni, pari al 30% della popolazione ed il 70% della spesa sanitaria totale.
La Lombardia è una delle poche regioni che si è fatta carico della cronicità. Infatti, la l. r. 23/2015 ha promosso un riordino dell'organizzazione lombarda affrontando
anche il problema della cronicità nei suoi molteplici aspetti, si è passati " dalla cura al prendersi cura ", ripetendo uno slogan abusato.
La nuova legge si pone l'obiettivo di integrare l'ospedale con il territorio: finalità sacrosanta! Purtroppo a seguito di questo fondamentale obiettivo, finora concretamente non è accaduto nulla.

Ad oggi, questa indispensabile integrazione non ha avuto luogo.

Siamo all'anno 0, cioè all'agosto 2015, quando la legge è stata approvata.
Occorre promuovere una svolta sia dal punto di vista dell'iniziativa politica sia dal punto di vista dell'azione manageriale.

La Regione e i vertici aziendali devono darsi una scossa. Il rischio che si sta correndo è che la tanto sbandierata supremazia della sanità lombarda faccia un passo indietro.

 

Inserito il:30/04/2017 11:08:57
Ultimo aggiornamento:30/04/2017 11:14:42
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology