In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 21/04/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

             

 

Il Rinnovamento delle Relazioni Industriali: Le Riforme nell’Era del 4.0

di Ambra Redaelli  - Action Institute

 

Al giorno d’oggi il dibattito sul salario minimo è al centro dell’attenzione in tutto il mondo: dagli Stati Uniti con il “Fight for 15$” dei Democratici fino, oltre oceano, al Regno Unito con l’allora governo Cameron. Il tema della struttura dei salari è di fondamentale importanza e si devono tenere in considerazione le ripercussioni sulla produttività a livello d’impresa. Nell’ultimo ventennio, la produttività delle imprese in Italia è cresciuta solamente del 5%, un valore 8 volte inferiore a quello statunitense. Parte di questo gap può essere ricondotto al peculiare modo con cui in Italia avviene la formazione dei salari.

Dalla Gran Bretagna e dagli Stati Uniti, l’Italia prende spunto per iniziare un rinnovamento volto ad innalzare il salario minimo legale. Tuttavia, il contesto italiano è ben diverso: non è presente né un’origine a livello di governo centrale, né tantomeno una netta suddivisione tra apprendisti e over 25 – come accade rispettivamente in USA e Regno Unito, bensì sono le contrattazioni collettive ad essere al vertice, determinando i diversi wage amounts in base alle competenze acquisite, all’anzianità e alle responsabilità.

L’articolo è volto ad analizzare il legame con la produttività aziendale, le disparità territoriali e le dimensioni d’azienda, in modo da comprendere gli eventuali punti di debolezza del sistema ed ipotizzare possibili soluzioni.

In conclusione, nell’opinion, Ambra Redaelli, l’autrice, afferma come l’innalzamento del salario minimo possa beneficiare l’individuo in quanto egli è l’unico vero motore, il punto di partenza e la chiave per il progresso e, per questa ragione, deve essere sostenuto e stimolato nella sua carriera.

 

Accedi all’articolo completo dal sito di Action Institute.

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:21/11/2016 18:42:48
Ultimo aggiornamento:22/11/2016 09:25:29
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology