Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]
Aggiornato al 20/09/2020

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Susan Brown Slizys (USA, Art signature name) - Blockchain Universe

 

Il bitcoin inghiottito dal panico del coronavirus?

di Vincenzo Rampolla

 

Il panico seminato dal coronavirus travolge anche il BTC?

Sembra che si stia scatenando l'inferno sui mercati finanziari alla luce della pandemia.

Hai parlato con un patito di BTC? Probabilmente ti ha detto e ripetuto che sono proprio questi i momenti ideali per la criptovaluta. Alcuni dei fan più accaniti hanno sostenuto che, poiché l'asset digitale non è correlato con asset tradizionali come le azioni, è un rifugio sicuro contro le crisi del mercato, come quella attuale, causata in parte dal virus.

Con grande delusione di fanatici sostenitori, il BTC e l'intero mercato delle criptovalute è sprofondato nella voragine trascinato dal mercato azionario. Sebbene il prezzo sia salito, oggi 20 marzo, all’ora dell’articolo era ancora in calo di circa 40% rispetto a un mese fa.

Il BTC è un rifugio sicuro? No! Anche se pare il più grande esempio di criptovaluta, il suo test sembra fallito. Probabilmente si scatenerà un dibattito e una volta per tutte si potrà dire che non abbiamo ancora capito esattamente cosa sia il BTC.

Inoltre, non è affatto detto che il BTC sia qualcosa di unico e speciale. Ma il fantasma di Satoshi Nakamoto, lo pseudonimo dell’ipotetico creatore, ormai ben conosciuto e descritto in un articolo dell’11 giugno 2019, dietro di sé ha lasciato alcune tracce, emerse recentemente e fin dall’inizio.

All’inizio del libro bianco del BTC, Nakamoto parla del denaro elettronico peer-to-peer e nell'introduzione viene descritto come un'alternativa al tradizionale sistema di transazioni online, basato esclusivamente su terze parti di massima fiducia: le Banche.

Poi c'è il misterioso messaggio-oracolo che il creatore del BTC ha lasciato nel primissimo record di transazioni nella blockchain, noto come blocco della genesi: The Times 03 / Jan / 2009. Ambasciatore di un imminente secondo piano di salvataggio per le banche.

Nakamoto o chi per lui non ha mai chiarito il significato del messaggio. Tuttavia, non è difficile vedere l’arrivo del BTC come una reazione all'ultima crisi finanziaria mondiale, quella del settembre 2008.

Quel libro bianco voleva fare luce su una famosa lista di e-mail crittografiche diffuse nel giorno di Halloween di quell'anno e il sistema era entrato in funzione a gennaio.

Guardiamo i fatti. Il BTC è troppo lento e inefficace per avere il ruolo di denaro elettronico e nonostante ciò molti appassionati lo vedono come una forma di oro digitale. L'oro reale è stato a lungo considerato un deposito affidabile di valore e gli investitori tendono a vederlo come una forma di assicurazione contro una recessione economica. L'oro è anche noto come un bene di rifugio sicuro, da qualcuno definito come un investimento che dovrebbe conservare o aumentare di valore durante i periodi di turbolenza del mercato. Altri beni rifugio come argento, mais, cacao o petrolio, possono essere considerati paradisi sicuri. Lo stesso vale per i buoni del tesoro Usa e il dollaro. Ma le cose cambiano, più in fretta del previsto. Molti fautori del BTC giurano che, come asset digitale, di diritto fa parte di quella lista privilegiata. Poi il tracollo la settimana scorsa.

Sono sorpreso di assistere alla caduta del prezzo dei BTC in questa situazione, mi sarei aspettato il ​​contrario, farfuglia in un twitter del 9 marzo Brian Armstrong, CEO di Coinbase, leader statunitense della società di scambio di criptovalute, portavoce forse di ciò che stavano provando molti sostenitori del BTC. E quanto è successo prima del disastro del 12 marzo, quando il BTC ha perso più del 40% del suo valore. Queste le quotazioni dal 24 febbraio:

24.02.2020 $9.978

01.03.2020 $8.546

12.03.2020 $7.945

19.03.2020 $5.410

20.03.2020 $6.631 (ore 14.00)

con $3.3 miliardi di transazioni e capitalizzazione globale di $121 miliardi.

Allora, cos'è successo? Una parte della spiegazione è alquanto discutibile. Nei suoi primi giorni, la maggior parte delle persone che investivano in BTC erano impegnate nella costruzione di un sistema finanziario alternativo. Lo vedevano come un investimento a lungo termine. BTC era la risorsa del futuro, interviene con un’intervista Noelle Acheson, Direttore della Ricerca di CoinDesk. Era davvero separato dal sistema finanziario tradizionale. Poiché ha dato vita a un'industria solo da una decina d’anni, ha fatto un notevole sforzo per imporsi e favorirne l'adozione da parte di investitori istituzionali di hedge fund e altri titoli a rischio. Il recente crollo è la prova che lo sforzo ha funzionato. I trader professionisti hanno cercato disperatamente di raccogliere denaro, aggiunge Acheson: Il BTC era solo un'altra risorsa finanziaria che veniva calpestata all’uscita, mentre gli investitori si davano alla fuga.

Quindi nella sua breve vita, il BTC è passato da un bene estremamente oscuro detenuto principalmente da veri credenti a solo un’altra risorsa finanziaria. Dunque, alla luce dell'ultima crisi finanziaria globale, non è qualificato come bene di rifugio sicuro.

In altri contesti, tuttavia, - come in Paesi con un'inflazione elevata, come il Venezuela - è diventato una sorta di paradiso sicuro, almeno rispetto alla valuta nazionale. E sebbene questa volta si sia schiantato a fianco del mercato azionario, il BTC può ancora essere considerato un asset alternativo, in quanto come l'oro non dipende dai flussi di cassa di altre istituzioni per il suo valore, conclude Acheson: La gamma più ampia di attività alternative è il rimedio per gli investitori, soprattutto in tempi difficili come questi.

Chi l’ha capito è bravo. Quale tycoon saprebbe essere imbonitore più convincente di lui?

Tra un decennio, come sarà il BTC come risorsa finanziaria? Sembrerà ancora più oro digitale che denaro digitale? Chi investirà nel BTC e perché? Quale cambiamento il BTC è destinato a portare nell’immediato futuro. Questo l’amletico dibattito sul ruolo che può svolgere per gli investitori e nella società: rifugio sicuro o no?

Accantoniamo le dichiarazioni alquanto discutibili, sconcertanti e incomprensibili dei vati delle criptovalute e analizziamo gli ultimi dati disponibili. Chainalysis ha pubblicato il rapporto marzo 2020 per il mercato BTC. Gli scambi hanno subito un enorme afflusso di acquisti di BTC dal 9 marzo, quasi 319.000 BTC il 13 marzo. Tra il 12 e il 13 marzo, circa nove volte la quantità giornaliera media di BTC è stata venduta, facendo precipitare il prezzo a $ 3.000. Ciò ha rappresentato il più grande calo giornaliero di BTC negli ultimi sette anni. Cos’era successo?

Sebbene gli scambi di BTC rappresentassero il 70% del flusso della criptovaluta, la quantità complessiva di BTC non era però sufficiente per arrecare danni permanenti: la maggior parte del totale di 712.000 BTC disponibili non è stata convertita in valute correnti, il che suggerisce che la maggior parte dei clienti fosse ben contenta di tenerseli. Questa quantità rappresenta solo il 5% dei BTC disponibili - tutti i BTC estratti dai miners meno i BTC persi-.

Ora le restrizioni ai viaggi internazionali per combattere la diffusione del coronavirus continuano a cambiare su base giornaliera, il che ha ritardato o annullato operazioni in tutto il mondo crittografico. Nonostante questa incertezza, Chainalysis prevede ancora di utilizzare gli indicatori tradizionali per monitorare i BTC: È difficile prevedere dove andrà il mercato dei BTC. Tuttavia, grandi aumenti degli afflussi di cambi si sono dimostrati un buon indicatore dell'aumentata volatilità, quindi raccomandiamo di tenere d'occhio l'importo da trasferire agli scambi.

In conclusione: crollo puntuale del valore del BTC, ma immutata fedeltà alla criptovaluta. Non mancano oggi le sorprese. La deputata democratica Maxine Waters presidente del Comitato dei Servizi Finanziari della Camera Usa, ha proposto di dare $2000 al mese a tutti

gli adulti e $1000 al mese a tutti i bambini in Usa, per aiutarli a superare la crisi COVID-19.

Waters ha presentato una serie di altre proposte legislative straordinarie per aiutare l'economia in un memorandum datato 18 marzo, segno della disperata situazione finanziaria e che le proposte si spingono ben oltre il recente appello alla presidenza di Bernie Sanders per un contributo d'emergenza una tantum di $ 2000.

Annunciando le misure proposte, Waters ha affermato che i rapporti dei media indicano che l'amministrazione Trump avrebbe erogato $850 miliardi in aiuti alle industrie colpite:

Se è vero, è ovvio che questa Amministrazione non ha capito: le famiglie devono venire prima. È il motivo per cui sto proponendo un coraggioso pacchetto di stimoli fiscali e una risposta di ordine pubblico che andrà a beneficio degli americani laboriosi e vulnerabili che potrebbero affrontare difficoltà finanziarie o persino sfratti o preclusioni a causa della crisi.

La proposta provocherebbe un'inflazione massiccia ha detto Quantum Economics a Cointelegraph: Metti più liquidità in concorrenza con la stessa quantità di beni. A lungo termine il BTC potrebbe sicuramente beneficiarne, ma fondamentalmente tutto ciò che potrebbe mantenere il suo valore di fronte a una valuta in deprezzamento – specialmente se la ragione è il giudizio negativo del Governo e delle Banche – non potrebbe che rafforzarlo.


 

Inserito il:24/03/2020 11:24:25
Ultimo aggiornamento:24/03/2020 11:33:12
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.
Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology