Aggiornato al 04/10/2022

Non sono d’accordo con quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo

Voltaire

Natalia Eremeyeva Duarte (from Anaheim, CA - United States.) - Saint Basil’s Cathedral in Moscow

 

La guerra Santa di Putin (1)

di Giovanni Boschetti

 

Scrivere articoli in ‘controtendenza’ in momenti in cui la contrapposizione dialettica è al massimo della ‘disinformatia’, penso sia difficile, soprattutto difficile essere compresi.

Vi è da fare una considerazione iniziale, forte sotto il profilo dell’affermazione per l’Occidente, giustificabile sotto il profilo della visione orientale.

Questa guerra è la demarcazione di una nuova era in cui la contrapposizione fra Oriente e Occidente sarà molto evidente. Non so se sarà duratura o meno, sicuramente non sarà più la stessa globalizzazione a cui, noi occidentali, ci stavamo abituando.

Alla egemonia dell’Occidente che si erge ad ‘essere il mondo’ si contrappone l’evoluzione orientale che ‘vuole essere nel mondo’.

Mi spiego meglio.

Sulla ‘invasione’ russa in Ucraina, che noi consideriamo l’invasione di uno stato sovrano, per la Russia e i russi è soltanto un intervento per la difesa di un territorio in cui vive la maggior parte di russi ucraini; protezione giustificata dai soprusi perpetrati da ceppi nazisti ucraini a scapito di popolazioni inermi che hanno la sfortuna di voler vivere da russi e con i russi.

Dove era l’Occidente quando in otto anni vi furono più di 14.000 morti e stupri e barbarie di ogni specie verso donne, bambini, anziani?

E perché il presidente ucraino dopo aver firmato accordi con la Russia li disattende dopo pochi giorni? L’occidente, soprattutto gli Stati Uniti d’America, hanno soffiato sul fuoco per mettere all’angolo la Russia, per non farla occidentalizzare. Questa è storia accertata e mai resa pubblica. 

Ma ciò che pervade maggiormente, in questa vicenda, è il desiderio della Russia di tornare protagonista nel mondo. Quello occidentale? No, un mondo in cui non soltanto gli affari, ma soprattutto i valori umani restino un caposaldo della società umana.

Gli Stati Uniti sono percepiti come una roccaforte del mondo occidentale, con i valori occidentali, cultura occidentale.

Nel XX secolo l'Europa ha iniziato a perdere la sua esclusività e ha dovuto affrontare la necessità di rivalutare i valori, ripensare le prospettive di sviluppo economico e culturale. Ha dovuto affrontare una crisi di legittimità politica e di fattibilità economica.

Questa crisi è profondamente radicata nella pervasività del paternalismo, del protezionismo e dell'esclusività dei valori occidentali, che hanno le loro radici nel colonialismo. La crisi degli ultimi anni ha rivelato uno stato di cultura che unisce l'edonismo escapistico al vuoto spirituale. Il vuoto spirituale dell'Occidente si è intensificato ancora di più dopo la crisi del 2008, il crollo migratorio, la BREXIT, l'ascesa del nazionalismo, le collisioni all'interno della stessa Unione Europea.

L'agonizzante eurocentrismo raggiunge il limite dell'assurdo, cercando di mantenere i paesi dell'est come protettorato coloniale dell'ovest. Parlando all'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 28 settembre 2015, il presidente della Federazione Russa V. Putin ha osservato: “Dopo la fine della Guerra Fredda, è nata l'illusione dell'esclusività dell'Occidente. È stata fatta una scelta sbagliata: per i paesi post-sovietici essere con l'Occidente o con l'Oriente. Il pensiero a blocchi e il desiderio di sviluppare nuovi spazi geopolitici dominano in Occidente”.

La fiducia sull'esclusività dell'uomo bianco (Kipling) è rimasta in Europa: “Noli me tangere - civis romanus sum!” - "Non mi toccare - sono cittadino romano!" Da questa affermazione è emersa l'arroganza e l'arroganza di Homo Occidentalis, l'Uomo d'Occidente. Alla fine del XIX secolo, il poeta del West Rudyard Kipling dichiarò: "L'Occidente è l'Occidente, l'Oriente è l'Oriente, non si incontreranno mai ..."

A cavallo del XX secolo si manifesta la fatica spirituale dell'Occidente.

La politica economica dell'Occidente procede dal principio: ‘Noi e il mondo’, cioè l'Occidente è il centro del mondo.

La civiltà in Occidente si oppone alla barbarie (barbaro - straniero), cioè estraneo alla loro cultura e alla loro società in quanto civilizzata (civilis - civile). Oggi, tale divisione ha acquisito uno status categorico e gli ideologi occidentali hanno chiaramente designato il mondo ‘civilizzato’ come la più alta conquista culturale dell'Occidente. Si è formata l'immagine di un uomo occidentale - Homo Occidentalis con segni caratteristici di arroganza, disprezzo palese per gli altri popoli, presunzione e popolo eletto di Dio.

Ciò ha confermato l'egocentrismo dell'Occidente: "Noi e il mondo". Nel tentativo di opporsi al resto del mondo, l'Homo Occidentalis è diventato incontrollabile nel tentativo di appropriarsi di ciò che era stato creato per millenni dalla cultura di tutti i popoli.

La cultura nella comprensione dell'Homo Occidentalis è la conquista del mondo esterno, di altri popoli. L'Homo Occidentalis ha invaso la sostanza della natura, che Spinoza ha definito senza tempo, infinita e generatrice di tutto (naturа naturans), e dell'uomo come una ‘cosa finita creata’ (naturа naturata). Ha deciso di cambiare natura come meglio credeva. Come risultato delle conquiste dell'antropogenetica e dell'ingegneria genetica, è sorta una reale possibilità di intervento nel santo dei santi - le basi genetiche di una persona, che possono portare a un cambiamento nel suo essere nella Communio Sanctorum.

In Oriente c'è un diverso paradigma di visione del mondo: "Noi siamo nel mondo". Una tale visione del mondo è dominante nella visione del mondo dell'Est e significa che l'Occidente e l'Oriente sono nel sistema delle relazioni di civiltà mondiale. La visione del mondo occidentale è fissata sul fatto che sono il ‘centro’ del mondo. Da qui la dottrina del dominio (3b. Brzezinski), la teoria della democrazia liberale, che è l'ultima tappa della civiltà (F. Fukuyama), il concetto di una moltitudine di civiltà con la dottrina dello ‘Scontro di civiltà’ (S. Huntington).

In Oriente la cultura è considerata unita alla civiltà come il risultato dello sviluppo umano, come l'unità del materiale e dello spirituale. Nella visione del mondo orientale lo spirituale e il materiale non sono separati l'uno dall'altro, lo spirituale è indissolubilmente legato al materiale.

In Oriente, lo spirituale è valutato al di sopra del materiale. Guadagnare ad ogni costo è una passione che soffoca tutti gli imperativi morali.

La ricchezza materiale è solo una condizione per la crescita spirituale. "Dopo tutto, la ricchezza come benedizione non è la vita stessa, ma una vita degna", come diceva Seneca.

Le percezioni del mondo in Oriente e in Occidente differiscono.

Un proverbio cinese dice: "L'ideale più grande è creare un mondo che tutti condividano".

Parlando all'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2015, il presidente cinese Xi Jinping ha dichiarato: “Nel mondo di oggi, tutti i paesi sono interdipendenti. Hanno un futuro comune. Il futuro del nostro mondo deve essere plasmato da tutti i paesi. Tutti i paesi sono uguali. I grandi, i forti, i ricchi non devono intimidire i piccoli, i deboli e i poveri”.

In questi giorni di guerra lo stesso presidente cinese ha affermato che d’ora in poi non vi sarà più un mondo ‘unilaterale’, ma ‘multilaterale’, riferendosi alla egemonia americana.

La Cina deriva dal fatto che la prosperità globale non può essere costruita usando solo mezzi materiali. Devono essere imposte restrizioni morali all'uso delle forze produttive materiali. Solo allora diventeranno possibili relazioni di Inter-civilizzazione costruttive tra Oriente e Occidente.

L'Occidente si è sviluppato tecnologicamente, ma è rimasto indietro moralmente. L'Oriente è sempre stato moralmente superiore all'Occidente, ma è rimasto indietro tecnologicamente.

Il mondo iniziò a dividersi nella civiltà dell'Occidente, costruita sulla ricchezza materiale, e la civiltà dell'Oriente, costruito sull'unità del materiale e dello spirituale. In Occidente c'è stata un'ascesa della ricchezza materiale rispetto alla ricchezza spirituale.

(Continua)

 

Inserito il:26/04/2022 17:56:21
Ultimo aggiornamento:26/04/2022 18:16:13
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)


Questo sito non ti chiede di esprimere il consenso dei cookie perché usiamo solo cookie tecnici e servizi di Google a scopo statistico

Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology | 04451716445