In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 24/11/2017

Joe Dea (Hollywood, Digital painter) – Trump and Mussolini

 

Similitudini (Trump e Mussolini)

di Giorgio Panattoni

 

Più vedo Trump e più mi viene in mente Mussolini.

La mascella sporgente in senso di conquista, non so di che cosa, che gli dà una immediata aria da duro anche quando prende il caffè, quel tenere alta la testa e un po’ all’indietro, per acquisire spazio fisico nei confronti degli interlocutori, quel muoversi diritto, girando il corpo e non la testa.

Per ora non ci sono le mani sui fianchi, ma forse occorre solo aspettare. Per adesso basta così.

E’ ovvio che le differenze ci sono, e non irrilevanti.

Incominciamo dai capelli. Biondi, tinti, cotonati e pieni di lacca, piegati anch’essi per riempire bene il viso, conservandogli quel tratto duro e aggressivo.

E la statura, certo non ha bisogno di mettere tacchi nascosti, soprattutto in oriente, come si è ben visto nella recente visita. E anche con Putin, senso di supremazia prima di incominciare. Di fatti a Mosca le televisioni li mostrano sempre seduti.

Anche il tono della voce, che non viene dai balconi, ma che basta e avanza a riempire i microfoni.

Le minacce sono le stesse, anche se lui ha alle spalle una potenza diversa da quella del nostro paese nel ventennio

E poi ci sono le donne.

Qui non c’è storia. Una modella sorridente e sempre molto preoccupata, che deve rimediare almeno con il fisico alla brutalità del marito, che deve tenerlo per mano sulle scalette degli aerei anche quando non le dà la precedenza.

Tanto la supremazia del macho vien fuori ad ogni istante, persino nei brindisi, quando varrebbe la pena di rilassarsi.

La povera Claretta clandestina chissà come si sarebbe comportata.

Ma la storia all’italiana, si sa, è ben altra cosa, non ce lo vedo Trump a scaricare covoni di grano, sudato e fiero di essere baciato dal sole.

E gridare al popolo che la sua nazione è la più forte del mondo e che finalmente l’Italia conquisterà lo spazio che si merita e che la sua espansione non avrà limiti, e sarà conquistata con la forza.

Ops, mi sono confuso, tra qualche differenza ci sono tante somiglianze!

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:09/11/2017 12:19:12
Ultimo aggiornamento:09/11/2017 12:23:39
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
nel futuro, web magazine di informazione e cultura nel futuro, archivio
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology