In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 18/11/2018

Carl Wuttke (Trebniz, D, 1849 - Monaco, 1927) - Teatro antico di Taormina

 

Dopo Taormina ha ancora senso il G7?

di Bruno Lamborghini

 

I risultati del G7 di Taormina hanno confermato quanto si temeva alla vigilia. Le parole, anche drammatiche dopo Manchester, sul terrorismo come quelle sul clima sollevate dagli europei hanno trovato in Trump un interlocutore scarsamente interessato e con poca stima o ascolto verso i colleghi, venuto a Taormina forse solo per il panorama. Il primo viaggio di Trump aveva come principale scopo quello di riprendere il controllo USA di quella parte del Medio Oriente che l’amministrazione Obama aveva messo in crisi e quindi il centro del viaggio si era focalizzato su Arabia Saudita e Israele, sia per ragioni di ristabilire un rapporto di guida politica USA verso i sunniti-sauditi e Israele che per ragioni di business (i 100 miliardi di export di armi verso l’Arabia e forse altrettanto verso Israele), facendo per ora la faccia feroce verso il mondo iraniano-sciita.

La seconda parte del viaggio a Bruxelles ed al G7 era solo per mostrare i muscoli della nuova amministrazione verso le debolezze europee (con la  rapida apparizione della May e della sua confusa politica post Brexit), sgridando i “cattivi” tedeschi che perseverano nel loro crescente surplus commerciale, invece di spendere e importare dagli USA.

L’unica tappa vera in Italia è stata quella con Papa Francesco che ha mostrato senza problemi a Trump quello che pensa di lui e della sua politica, peraltro penso con scarso effetto sul coriaceo Donald. La  visita alla Nato è servita solo per richiedere da parte di Trump maggiori spese militari da parte dei paesi europei

Quindi a Taormina nessun impegno a Parigi per il clima da parte USA, così come nelle parole finali di  compromesso su protezionismo e commercio internazionale. Anche l’esigenza da parte di tutti ed anche degli americani, di unire le forze, i servizi e  soprattutto le banche dati per affrontare insieme tutte le manifestazioni del terrorismo dello stato islamico sono intenzioni che dovranno essere tradotte in azioni concrete in tempi brevi per essere reali (ma vi sono ancora tanti dubbi). Da parte italiana è emersa l’autorevolezza e la serietà del primo ministro Gentiloni, molto apprezzato da tutti. In conclusione, occorre chiedersi se ha ancora senso questa accolita festosa dei Sette paesi dell’Occidente (tra l’altro con il perdurante bando della Russia di cui nessuno ha voluto parlare per cercare di uscire da una situazione ambigua e pericolosa, non solo in Siria) o non varrebbe la pena di concentrare il dibattito politico sul G20, dato che il baricentro non solo economico, ma demografico e tecnologico è ormai spostato sul mondo a Est e a Sud del cosidetto Occidente ?

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:28/05/2017 01:21:17
Ultimo aggiornamento:28/05/2017 20:52:57
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
nel futuro, web magazine di informazione e cultura nel futuro, archivio
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology