In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 22/07/2017

René Magritte (1898 – 1967) – Il vaso di Pandora (1951)

 

PUNTI DI VISTA (15)

di Gianni Di Quattro

 

UNA BANDA DI HACKER ha attaccato strutture sanitarie, aziende, enti pubblici in tanti paesi e continenti (dicono 130 mila computer ma il numero può essere più alto). Potevano fare di più se un giovanotto non avesse trovato per caso il clic per fermarli (forse per ora). Non sono terroristi, non vogliono far saltare luoghi simbolo, rilascio di prigionieri o abbattimento di case. Vogliono soldi! Si tratta di strutture criminali preparate, competenti e organizzate che hanno scoperto che bloccare i dati di un computer e chiedere soldi (in bitcoin perché così non si può vedere dove vanno) per sbloccarli è più comodo e sicuro che entrare con un passamontagna in una banca con le pistole in pugno e gridare “questa è una rapina” o mandare giovanotti a chiedere il pizzo ai negozi e alle aziende.

Sono I RISCHI DELLA TECNOLOGIA, i rischi che corre chi non aggiorna continuamente i propri sistemi e chi non investe nella sicurezza del proprio patrimonio di dati (progetti, ricerche, clienti, andamenti, risultati, accordi e contatti). È la dimostrazione che la tecnologia serve, ma richiede enormi investimenti altrimenti diventa un boomerang. In altri termini è uno strumento sempre più a favore di gruppi di notevoli dimensioni e lascia in pericolo tutti gli altri. La tecnologia è lo sponsor della globalizzazione, il resto è fumo.

Certo che rimarranno DISOCCUPATI MOLTI DELINQUENTI TRADIZIONALI e speriamo che il sociologo De Masi non dica che dobbiamo loro riconoscere un reddito come dice di fare per gli operai sostituiti dai robot.

In ogni caso le aziende di tutto il mondo spenderanno di più IN TECNOLOGIA hardware e software per la paura. Qualcuno pensa ad un complotto o si tratta del solito ineffabile destino?

SI E’ INSEDIATO. Emmanuel Macron ora è il Presidente dei francesi e il suo discorso di investitura è stato articolato, sintetico e pieno di contenuti. Tra le cose che ha detto: innovazione al centro della azione politica, sussulto di vitalità democratica, difesa della laicità repubblicana, dignità ai valori ed ai principi del paese, Europa riformata e rilanciata. Non sono cose banali se si vuole andare nel futuro in modo degno. Anche la citazione dei vecchi Presidenti uno per uno indicando il loro pregio principale è un atto che indica lo stile istituzionale e il livello di maturità di un paese.

UNA NOTA PER MACRON che va in Germania. Ricordi che quando la Germania dirige Europa e impone la sua egemonia, immediatamente pensa che ciò che Berlino crede, fa e pensa è quello che il resto d’Europa deve credere, fare e pensare.

UN CONSIGLIO A RENZI: Macron dice che per governare bisogna convincere ordini professionali, associazioni di categoria, sindacati, imprenditori. Ha ragione e ricordi che è proprio quello che lui non ha saputo fare.

LA VIA DELLA SETA CINESE, il più grande progetto infrastrutturale del secolo. Un progetto presentato a 30 capi di stato e di governo, 100 miliardi di dollari per cominciare, collegare Africa ed Europa via terra e via mare. La Cina, ha detto il suo Presidente in questa occasione, non vuole trasportare armi ma container, vuole combattere la povertà, vuole contribuire alla pace e aiutare tutti a lavorare insieme. Un discorso da leader mondiale, da riferimento di valori. Come diverso e piccolo è Trump con il suo protezionismo, con i suoi affari solo bilaterali, con i suoi sottomarini!

L’AFFARE COREA DEL NORD non si attutisce. Dichiarazioni apparentemente di disponibilità e intanto si sparano missili e si mandano uomini e mezzi nelle vicinanze. L’unica speranza è la Cina, che riesca a calmare tutti quanti e a mediare.

Il RAPPORTO TRA DONALD TRUMP E IL CAPO DELL’FBI LICENZIATO è il segnale di un modo di intendere il potere e di governare. È un segnale non tranquillizzante per ogni democratico.

Tra la Gran Bretagna e la Unione Europea SI COMINCIANO A FARE I CONTI di chi deve dare cosa a chi e cominciano a volare i piatti. Le generazioni future daranno un brutto giudizio di tutta la vicenda a partire dallo sconsiderato referendum di Cameron.

CHI COMANDA IN VENEZUELA? I cubani (la loro influenza è antica e forte anche nel loro interesse), quelli del narcotraffico (la via per gli Stati Uniti e l’Europa), quelli che si chiamano i vedovi del chavismo (duri e puri come la moglie di Maduro, Cilia Flores) e i militari come si conviene ad ogni governo forte (ci sono più generali che negli Stati Uniti o alla Nato). Il problema dunque non è Maduro, ma è più complesso.

Il fatto che LE LEGGI ELETTORALI IN VIGORE IN ALCUNI GRANDI PAESI come gli Stati Uniti, la Francia e la Gran Bretagna sarebbero anticostituzionali secondo la Corte Costituzionale italiana è proprio bizzarro.

I PARTITI TRADIZIONALI STANNO SCOMPARENDO? Si può dire per i socialisti ma non sempre per quelli conservatori come dimostrano la CDU in Germania, i popolari in Spagna e i Tories in Gran Bretagna. È più critica la situazione del partito repubblicano in Francia (che vede De Gaulle tra i fondatori) a causa della corruzione. I problemi dei partiti tradizionali sono tanti: la corruzione, la mancanza di leadership autorevole, la incapacità di leggere il futuro.

LUPUS IN FABULA. In Germania nelle elezioni amministrative in Reno Westfalia, la più popolosa regione, grande vittoria della CDU (Merkel) e grande sconfitta dei socialisti (Schultze). Irrilevanti, ma in crescita le estreme destre e le estreme sinistre.

UN CONSIGLIO PER RENZI. Quando si fa politica smorzare un po’ il proprio carattere aggressivo è opportuno, così come è bene limitare gli sberleffi, ricevere e ascoltare tutti, dimostrare serietà più di vivacità. Altrimenti poi ci sono quelli che mettono trappole.

GLI CHEF (CHE UNA VOLTA SI CHIAMAVANO CUOCHI) stanno esagerando con le loro pietanze che accoppiano ingredienti incompatibili e che danno più importanza a come il piatto si presenta rispetto a quello che contiene. Prima o dopo una rivolta (tipo corazzata Potemkin) riuscirà a rimettere le cose a posto e si potrà ritornare a mangiare qualche vecchio e saporoso piatto.

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:15/05/2017 10:31:17
Ultimo aggiornamento:15/05/2017 10:35:33
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
nel futuro, web magazine di informazione e cultura nel futuro, archivio
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology