Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]
Aggiornato al 05/08/2020

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Alexei Korzukhin (Yekaterinburgsky Uyezd, 1835 -San Pietroburgo, 1894) - Sunday

 

Oggi 21 aprile 2020: da leggere (facendo gli scongiuri di rito)

di Mario Salmon

 

Ho messo in frigo una bottiglia di Billecart-Salmon: sembra si avvicini il momento di stapparla insieme a parenti ed amici: ancora qualche giorno, per essere sicuri.

E’ passata la Pasqua, Pesach è terminato e, tra due giorni, finisce anche il Ramadan: forse non è una coincidenza casuale !

Gli italiani escono spaesati dalle loro case ancora increduli! Mario è autorizzato ad andare a camminare nel parco e riscopre, con grande piacere, che è ancora in grado di camminare e corricchiare. Scopre anche che il riposo forzato lo ha guarito della tendinite: c’è sempre un lato positivo anche nelle disgrazie!

Tra poco poi c’è il 25 aprile la vera festa nazionale nella quale ricordiamo la libertà riconquistata e l’avvio di una Italia democratica e libera . E anche, personalmente, il riacquisto del mio cognome, l’andare a scuola,…. sarà una vera festa per tutti, sovranisti compresi!

Il 21 aprile 753 AC era il “natale di Roma” festa nazionale: oggi anche i nostalgici hanno motivo di festeggiare: per questa volta, passi, ma domani …

E’ passato un mese dal lockout del paese: chi si era infettato prima del 10 marzo si è fatto 14 giorni di incubazione e poi altri 14 di malattia, ma finalmente, oggi, è guarito e sta benone!

E’ triste dirlo: ma chi è morto giace … ; oggi muore ancora qualcuno che si è infettato dopo il “iostoacasa” o che l’ha tirata lunga, ma si tratta di pochi casi che stanno riducendosi.

Anche i “nuovi infetti” non sono molti: disubbidienti, persone di ritorno dall’estero che, in gran parte, vengono “tamponati” e messi in quarantena volontaria.

La gente è ancora angosciata leggendo le tragedie ancora in corso nel resto dl mondo che, adesso, paga i ritardi negli interventi.

La Cina è, ormai da un mese, il paese più sicuro, praticamente virus-free, e sta attraendo i primi turisti e, soprattutto, businessmen workholic. L’ALITALIA ha riaperto i voli con Pechino, tutti soldout.

In Italia è iniziata una azione governativa per controllare gli ultimi focolai e garantire a tutti un rischio minimo: misure di temperatura e tamponi alle stazioni, sui treni, aeroporti, stadi e misure a caso nelle città.

A chi viene trovato positivo, qualsiasi sia la nazionalità, viene dato un bonus di 1000 € ma con l’obbligo di quarantena ben controllata con un ”braccialetto elettronico” ottenuto tramite cellulare.

E’ iniziata una campagna per convincere tutti che l’Italia è, dopo la Cina, il paese più sicuro e virusfrei (per i tedeschi suona simile al judenfrei).

Il primo settore che riparte è il turismo: oggi Rimini è più sicuro di Francoforte e la pubblicità dice: potete fare il telelavoro dalla spiaggia in piena sicurezza, ben controllati e ben curati, fosse mai necessario.

I romagnoli poi “ci sanno fare” e mettono in campo bagnini, Mirabilandia, feste, sconti, …

In parallelo sta ripartendo l’industria manifatturiera che può sfruttare i problemi degli altri paesi adesso ancora in piena buriana: à la guerre comme à la guerre.

Per questo si stanno facendo accordi quadro con gli altri paesi del mondo per la fornitura di medicinali, beni di consumo e anche beni di investimento: le aziende italiane che esportano ricevono, sottobanco (che Bruxelles non lo sappia) aiuti di stato.

Meno facile far ripartire i consumi interni ma la voglia di “recuperare il tempo perduto” spinge i consumi: ristoranti, mignotte, … amanti trascurate, mogli c’è una gran voglia in giro e “lo scampato pericolo” è una gran molla per darsi da fare .. ovunque.

Infine il vaccino è quasi pronto messo a punto nel paese più avanti in termini di tecnologia (e business): Israele, ovviamente.

Ma è anche l’ora di saldare qualche conticino e il vaccino sarà fatto pagare, carissimo, agli altoatesini che hanno cacciato i turisti e gli stagionali e anche agli attivisti del NO VAX e BDS (boicotta israele).

Ultima annotazione: l’Italia è piena di convegni su temi quali: difese elettroniche contro le pandemie, libertà/infezione, utilizzo AI, …

Sarebbe bello: vedremo! Facciamo gli scongiuri !

Ciao a tutti, Mario

(19 marzo 2020)

 

Inserito il:20/03/2020 16:48:27
Ultimo aggiornamento:20/03/2020 17:20:53
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.
Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology