Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su
Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy.

[OK, ho capito]
Aggiornato al 09/12/2021

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Rebecca Lazinger (New York City - Becky Foxy Art) - Lockdown N.1

 

I lockdown selettivi possono essere eticamente giustificabili?

di Achille De Tommaso

 

La pandemia COVID pare fuori controllo in alcuni paesi europei. In risposta, Austria e Russia stanno pianificando di reimporre i lockdown, ma solo per i non vaccinati. È etico?

***

Alcuni paesi hanno già schemi di passaporto vaccinale (il nostro “green pass”) per viaggiare o entrare in determinati spazi pubblici. I passaporti trattano coloro che hanno avuto vaccini – o hanno prove di infezione recente – in modo diverso da quelli che non hanno avuto un vaccino. Ma i blocchi selettivi proposti aumenterebbero radicalmente la portata delle restrizioni per i non vaccinati.

La domanda che ci poniamo è se i lockdown possano essere eticamente giustificati, laddove siano necessari e proporzionati, per ottenere un importante beneficio per la salute pubblica, anche se limitano le libertà individuali.

Se i blocchi selettivi siano giustificati, tuttavia, dipende da ciò che sono destinati a raggiungere.

Uno dei vantaggi di un lockdown è che può impedire al sistema sanitario di un paese, in particolare agli ospedali, di essere sopraffatto. Se questo è l'obiettivo, però, non c'è bisogno di rinchiudere le persone a basso rischio di ricovero in ospedale; come, ad esempio, quelle che hanno ricevuto un vaccino COVID. Ma potremmo anche escludere dal lockdown i giovani (anche se non vaccinati) che sono a basso rischio di COVID grave (un recente lockdown di Mosca ha adottato questo approccio). Quindi questo obiettivo sosterrebbe solo un blocco selettivo mirato agli anziani non vaccinati o ai vulnerabili dal punto di vista medico, o entrambi.

In alternativa, l'obiettivo principale di un blocco potrebbe essere quello di impedire la diffusione del virus. Poiché i giovani e gli anziani presentano rischi simili di trasmissione successiva, ciò non sosterrebbe quindi un blocco selettivo per età. E un lockdown  giustificato su questa base forse non dovrebbe nemmeno distinguere tra persone vaccinate e non vaccinate. Questo perché i vaccini riducono ma non eliminano la trasmissione. L'obiettivo di ridurre la trasmissione potrebbe solo sostenere un blocco dell'intera popolazione. E non è chiaro se il beneficio sarebbe proporzionato al costo di un tale blocco.

Nuovi casi giornalieri di COVID per milione di abitanti.

 

Una giustificazione molto diversa sia per i “green pass” che per i blocchi selettivi per i non vaccinati, è che essi potrebbero incoraggiare le persone a vaccinarsi.  

Ovviamente, se l'obiettivo delle nuove restrizioni  è quello di convincere le persone ad avere il vaccino, dovrebbe applicarsi solo a coloro che non sono ancora stati vaccinati. Tuttavia, questo può esse eticamente messo in dubbio. Limitare la libertà individuale solo per far agire qualcuno in un modo particolare spesso equivale a coercizione.

Quando la posta in gioco è alta, a volte può essere giustificabile imporre un certo grado di pressione coercitiva per raggiungere obiettivi di salute pubblica, ad esempio, per prevenire danni agli altri. Se i costi sociali per l'autonomia individuale sono considerevoli, quindi la pressione coercitiva può essere giustificata quando è necessaria per raggiungere obiettivi molto importanti.

Altri metodi per aumentare l'adozione del vaccino senza invadere la libertà individuale, come le campagne educative e l'uso di incentivi, sarebbero eticamente preferibili; ma i risultati ottenibili sono a lungo termine; e il Covid non aspetta.

Un'obiezione comune agli schemi di “green pass”, che può anche applicarsi ai blocchi selettivi, è che questi schemi trattano le persone in modo disuguale. Per questo motivo, alcune persone potrebbero essere felici di bloccare l'intera popolazione, ma non un gruppo particolare, come gli anziani non vaccinati o non vaccinati.

Ma, anche se i blocchi selettivi trattano le persone in modo diverso, questa non è necessariamente discriminazione. Nel rispondere a questa pandemia, ci troviamo di fronte a un “trilemma” tra libertà, uguaglianza e decessi COVID. I lockdown selettivi sono un esempio di questo tipo di scelta. Ci sono inevitabili compromessi etici nella nostra risposta a una recrudescenza della pandemia: dobbiamo decidere a quali valori etici daremo priorità e quali comprometteremo.

Nelle aree in cui il virus sta aumentando, possiamo ridurre i decessi per Covid e trattare le persone allo stesso modo imponendo un blocco generale, ma ciò comporterebbe un costo sostanziale per la libertà. Costo che, ad esempio, il cancelliere austriaco Alexander Schallenberg non è disposto a prendere. Difendendo il blocco selettivo del suo paese, ha detto: "Non vedo perché due terzi delle persone dovrebbero perdere la loro libertà perché un terzo sta esitando a vaccinarsi".

In alternativa, potremmo trattare le persone allo stesso modo e non limitare la libertà di nessuno. Ma ciò potrebbe mettere a rischio i sistemi sanitari e portare a più morti.

Quindi i lockdown selettivi potrebbero creare disuguaglianze, ma le alternative possono essere molto sgradevoli.

 

Inserito il:18/11/2021 16:37:08
Ultimo aggiornamento:18/11/2021 16:58:35
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)

Questo sito utilizza cookies.

Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology