In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 17/06/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal
steffani-luigi-la-risaia.JPG
Luigi Steffani -La risaia - 1864

Cibo, quale futuro?
 

L'agricoltura.

L'agricoltura è l'attività umana che consiste nella coltivazione di specie vegetali. La finalità principale dell'agricoltura è quella di ottenere prodotti dalle piante da utilizzare a scopo alimentare e non, ma sono possibili anche altre finalità che non prevedano l'asportazione dei prodotti. Tradizionalmente, nella cultura italiana, l'agricoltura è popolarmente riferita allo sfruttamento delle risorse vegetali a fini alimentari, mentre lo sfruttamento delle corrispondenti risorse di origine animale, l'allevamento, ne è quasi ritenuta antitetica. A fini scientifici e giuridici, comunque, entrambe le materie sono comunemente riunite nella più vasta accezione di agricoltura, che abbraccia la coltivazione delle piante (arboree, erbacee), l'allevamento degli animali e lo sfruttamento delle foreste.

La costante crescita demografica e la conseguente diminuzione degli spazi agricoli coltivabili e la sostenibilità dei modelli agricoli impongono oggi una riflessione su quale possa essere il futuro dell’agricoltura.

La figura dell'agricoltore negli anni è cambiata: oggi abbiamo sia l'agricoltura industrializzata, sia la presenza di piccoli produttori i quali spesso affiancano questa attività ad altri lavori; in particolare in Italia negli ultimi anni, complice la crisi, abbiamo avuto un ritorno all'agricoltura da parte di giovani con un grado di scolarizzazione molto elevato.

Nei paesi industrializzati però solo una persona su cinque lavora in questo campo. 

Nel corso della sua storia l'umanità ha avuto 10.000 specie di piante con cui cibarsi, oggi se ne coltivano solo 150 mentre la maggior parte della popolazione mondiale si alimenta con non più di 12. Oggi, all'interno di un'azienda agricola, si preferisce sostituire alla diversità della natura la coltivazione di un numero limitato di piante, praticare cioè la monocoltura, cioè la produzione controllata di una sola specie di pianta semplificando la struttura dell'ambiente riducendo la ricchezza di forme viventi che caratterizza un ecosistema naturale. Le monocolture si sono rivelate comunque ecosistemi vulnerabili ai parassiti e alle malattie.

La " rivoluzione verde", la semina di grano, riso e mais ad alto rendimento, ha fatto in modo di ottenere raccolti eccezionali (in alcuni paesi il raccolto del grano si è addirittura raddoppiato), ma per giungere a questi risultati si è fatto largo uso di sostanze chimiche, fertilizzanti ed erbicidi, questi ultimi, usati in modo troppo intensivo hanno fatto nascere nuove e più resistenti "supererbacce": se ne contano circa 48 specie; gli insetti resistono sempre più ai pesticidi e ciò costringe i coltivatori ad usare dosi massicce di sostanze tossiche per eliminarli che col passar del tempo impoveriscono i terreni e rischiano di compromettere gli stessi raccolti; oltre ai danni all'ambiente ed all'uomo e non ultimo alla moria di api con rallentamento dell'impollinazione.

Un futuro migliore si intravede nelle coltivazioni biologiche, biodinamiche o a lotta integrata; non solo, anche la tecnologia più avanzata viene in aiuto con le coltivazioni verticali in casa, in modo che in futuro possiamo coltivarci l'orto in casa anche in città e non solo come ora nei vasi sul balcone, ma con una superficie più elevata in un modulo verticale da tenere all'interno fornito da lampade che imitano la luce del sole oppure in mare come il progetto italo-inglese dell' X-Crop, dove si immagina un futuro di piattaforme galleggianti coltivabili.

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:09/12/2014 18:44:34
Ultimo aggiornamento:18/12/2014 10:40:52
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology