In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 21/06/2018

Jean-Claude Fournier (Paris, 1943 - ) - Illustrazione per Citroen - 1978

 

Indelebili ricordi

di Riccardo Grosso

 

Talvolta le trasformazioni delle città, come la mia Torino, portano cambiamenti inevitabili e necessari anche attraverso l'abbattimento di opere murarie, di edifici, resi brutti dal tempo, diventati ricettacolo di raccolta del degrado.

Ma dietro certi abbattimenti possono celarsi dei ricordi indelebili, come quello che descrivo.

Ricordi che fanno piangere un po' l'anima, ma anche rinnovano lo spirito e la voglia di ripercorrere momenti del passato, per avere forza nel presente, e dare esempi per il futuro.

Spiego perché per me è triste che abbattano la concessionaria Citroen Ruspa Auto, a Torino, anche se ci dormivano i barboni... se penso che da lì è uscita la mia Citroen Dyane, quel giorno meraviglioso in cui mio papà è venuto ad aspettarmi al palazzo del lavoro, all'uscita della mia giornata lavorativa, per chiedermi se andavo con lui da mia nonna... salvo poi portarmi davanti alla splendida dyane arancione... guidarla fino a Cambiano, farla vedere a mia nonna, ai miei zii (con lo zio Michele deluso perché non era una Fiat...), ai miei cugini... tornare a casa emozionato da mia mamma... uscire dopo cena e girare per tutte le case dei miei amici a far vedere la dyane... andare tardi a dormire e non riuscire a prendere sonno per l'eccitazione... ricordi mai rimossi, ancora adesso che quando sogno di guidare, sono alla guida della dyane.

Il primo amore non si scorda mai, e nemmeno la prima automobile, nel mio caso.

Mio papà capace di grandi cose per me: sapeva che amavo quella macchina, combinò di nascosto da me di acquistarla, di andarla a ritirare e farmi la sorpresa di venirmi a prendere al lavoro con la macchina nuova.

Lavoravo da pochi mesi, e il sempre immenso papà mi propose di ripagargliela a rate un pò alla volta col mio stipendio, e così feci.

Quel grande papà capace di esempi educativi come quello che ho documentato in questo articolo: https://www.nelfuturo.com/gli-educatori-di-una-volta.

Quel grande papà che non sarò mai in grado di pareggiare.

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:22/09/2017 16:10:07
Ultimo aggiornamento:22/09/2017 16:17:12
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
nel futuro, web magazine di informazione e cultura nel futuro, archivio
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology