Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su
Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy.

[OK, ho capito]
Aggiornato al 21/09/2021

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Anne Weirich (from Ingelheim, Germany) - The old man and the sea (2012)

 

Quando l’estate incontra la vecchiaia

di Gianni Di Quattro

 

È dunque la stagione dei giovani e della maturità, di quelli che incontrano l’estate come una vacanza dalla vita, quelli che stanno correndo per vincere, per amare, per vivere a più non posso.

Ma ci sono anche i vecchi che incontrano l’estate. Costoro non stanno correndo, stanno guardando quelli che corrono, alcuni sono coscienti del loro passato e dei sentimenti che hanno dominato nella loro vita, altri hanno deposto il piacere di pensare e cercano di prendere quello che possono prendere momento per momento. Per tutti questi l’estate non è una occasione, non è un modo di abbracciare la vita, è un fastidio, è forse persino un dolore per non potere più fare quello che una volta si poteva, nel ricordare i bei momenti del proprio passato. Per alcuni nella loro fragilità da vecchi, è persino un pericolo.

Un consiglio ai vecchi. Bisogna essere coscienti di sembrare vecchi ma di pensare giovani, di continuare a sognare e sperare sempre come se la vita non finisse mai, come se ancora si aspettano incontri, occasioni, opportunità, esperienze. È necessario alimentare la curiosità, la voglia di sapere, di scrivere, di leggere, di raccontare, di inventare.

Non è facile essere vecchi, soprattutto non è facile esserlo d’estate, ma se si coltivano le amicizie, i ricordi, i sentimenti si può benissimo cavalcare anche la bella stagione anche se non è quella adatta ai vecchi. A questi ultimi è adatto l’autunno con la sua dolcezza, con i suoi colori accesi di marrone, con il suo clima tiepido, con la gente che corre per inventarsi un altro anno, gli studenti che riprendono a studiare, le feste che si avvicinano e le famiglie che si riuniscono. La stagione, l’autunno, del proprio stato, una stagione che si vorrebbe non finisse mai, perché l’inverno è la fine dei colori, della vita all’aria libera, del gelo, della fine.

 

Inserito il:07/07/2021 18:38:32
Ultimo aggiornamento:07/07/2021 18:42:57
Condividi su
Cliccate sulle strisce colorate per la sezione di vostro interesse
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)

Questo sito utilizza cookies.

Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology