In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 20/06/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Contemporary-fine-art-painting-of-tokyo-city-scene-mt-fuji - (https://www.thisisarttokyo.com)

 

Gli Altri n.3 - Giappone sconosciuto - Coccole, lacrime e sangue

di Vincenzo Rampolla

 

Da tempo capita di sentirsi lontani dagli altri, separati, distaccati per così dire. Molte le cause. La rete e i social media non aiutano la gente a comunicare a tu per tu. Sempre meno ci si guarda negli occhi. Seduto, in piedi, per strada l’indice e il medio della mano scivolano in silenzio sullo schermo dello smartphone, gesto alla ricerca di immagini e messaggi, isterica autoipnosi collettiva e le cuffie costringono le meningi in mondi di suoni incontrollati. Per alcuni il contatto fisico è raro, per altri è difficile, per altri ancora non esiste. La gente vuole essere sola. Si sente sola. E’sola.

Agli antipodi, l’orientale non è diverso e a giudicare dal calo del tasso di natalità e dall’indice di vecchiaia il giapponese di sesso ne fa poco o niente. Molti dicono di non aver bisogno di un partner o di intimità, eppure la maggioranza delle persone sente il desiderio di un gesto affettuoso, di essere ogni tanto abbracciati e accarezzati. Cerca la coccola. Nasce l’opportunità di soddisfare il bisogno umano di intimità. Ci vuole un’idea brillante, che riempia le tasche di yen, quelle degli Altri.

 

Bar delle coccole (SoineYa)

Tokyo non manca mai di sorprendere. Ogni strada racconta una storia diversa. Non sai mai cosa aspettarti ogni volta che entri in un negozio o in un bar. Alcuni bar sono unici. Sorpreso e stupito davanti al Bar delle coccole non puoi fare a meno di entrare (Soine Ya, dormire insieme al bar, cuddle cafe suona meglio). Sei a Akihabara, il quartiere dell’elettronica. Con €25 hai la tessera e scegli una ragazza tra 18 e 30 anni tra le bellissime dell’album, molto richieste le universitarie. Lei ti avvicina, pronta a ricopriti di coccole. Quelle soltanto. Coccole di ogni tipo, unicamente coccole. Atti sessuali rigorosamente esclusi. Tocchi la ragazza in modo improprio e scatta un avvertimento e puoi essere cacciato. Soldi buttati. Dai un'occhiata al menu servizi: 20 minuti a €25; 40 min a €40 (€25 la prima volta); 1 ora a €48 e dopo ogni ora nel contatore scattano €40 fino a 10 ore e si arriva a €400. Per scegliere la ragazza con cui vuoi dormire tiri fuori altri €8 a cui ne aggiungi €4 per ogni ora in più. Non manca la scelta dei servizi, curiosi e da mozzafiato:

  • 3 minuti di sculacciate: €8
  • 1 minuto a fissarsi l'un l'altro: €8
  • 3 minuti abbracciato alla ragazza: €8
  • 3 minuti di massaggio ai piedi del cliente; €8
  • 3 minuti di massaggio ai piedi della ragazza: €16
  • 3 minuti accoccolato attorno alla testa della ragazza: €8
  • La ragazza cambia abito e infila il pigiamino rosa per le coccole: €8
  • 3 minuti di riposo del cliente con testa sulle ginocchia della ragazza: €8
  • 3 minuti di riposo della ragazza con testa sulle ginocchia del cliente: €16.

In due parole ti escono di tasca €50 all'ora per sdraiarti a letto con una sconosciuta e ci aggiungi €60 per i primi servizi scanditi al contatore. Dopo l’imbarazzo iniziale e del primo abbraccio ti trovi nel letto circondato da soffici cuscini e peluche e sei sempre vestito, come lei, un’estranea mai vista prima. Vuoi fare un pisolino? Ci vogliono €25. Caschi dal sonno? Ti partono almeno €200. Resti abbracciato per un’ora, ti costa €160 e una notte grassa vale quanto il biglietto d’aereo per Tokyo, cronometro alla mano, a meno che non ti sia messo d’accordo con lei … Capita. Con le ragazze il bar firma un contratto part-time con curriculum personale e scolastico, le lingue straniere, la scelta del luogo ove dormire, la disponibilità nelle camere del bar, gli orari di lavoro: feriali 15.00/22.00, sabato e festivi 12.00/22.00 e una paga di €28 /ora. Tutto chiaro? Sei pronto? Via al timer.

 

Anche la donna del Sol Levante ha diritto di non sentirsi sola e per Lei c'è Soine Ya Prime. Nata nel 2011, non è un izakaya, ma un’Agenzia dove Lei può trovare un bel giovane con cui passare la notte. Per alcune donne, la voglia di un corpo caldo accanto è profonda e sono disposte a pagarlo bene, anche se sconosciuto. Prime si rivolge alle giapponesi single, senza alcun interesse in attività di tipo sessuale e per una piacevole compagnia notturna. Niente di più. Con i compagni scelti negli album Rent a man – Rent a boy, è ammesso dormire tra le loro braccia, uscire per una passeggiata, cenare fuori a proprie spese o cucinare in casa. Chiare le regole del gioco: il compagno passa la serata o notte nella casa della donna o in un Hotel, niente doccia o bagno insieme, vietati gesti che possano eccitarlo sessualmente, proibiti gli incontri privati senza il permesso di Prime, niente foto di nascosto né intercettazioni. Non si accettano donne dedite ad alcol o droga, con abitazione sporca o inadeguata o in cerca di una nuova casa. A Lei si richiede la massima osservanza delle regole. L’ingresso a Prime costa €16 e la scelta dell’uomo o ragazzo con cui dormire vale €25. L’offerta standard parte da €250 per 7 ore, €300 per 8 ore e €400 per 12. Con l’offerta del futuro è previsto un viaggio a Tokyo Disney Resort per €600, inclusi due biglietti per la visita del Parco. C'è anche il pacchetto Premium che lascia alla donna la scelta di una voglia particolare, come andare in spiaggia o guardare il tramonto. Prime in questo caso organizza con la cliente una proposta a partire da €400 e il compagno verrà a prelevarla in auto a casa sua o in un luogo fissato.

 

Coccole a pagamento per maschi e femmine, dopo una giornata pesante. Voglia di strusciarti a qualcuno nel letto e addormentarti tra le sue braccia e riposare nel calore di un altro corpo. Nulla di più normale. Il fenomeno è complesso. Parliamo di quel qualcuno. Chi è? E’uno sconosciuto, non è il partner cui sei legato da amore e affetto. E’un essere totalmente estraneo che paghi per quel calore. I bar delle coccole stanno prendendo piede in Giappone, la nazione degli Altri, uno dei luoghi più all’avanguardia del pianeta. Hanno appena aperto bar a New York, Vancouver e Portland. Presto in Europa, sull’onda delle sex doll. Attualmente il Paese ha la più alta percentuale di persone di età superiore a 65 anni e la più bassa percentuale di quelli sotto i 15 anni, meno di qualsiasi nazione sul pianeta. E allora? Il Paese è sulla buona strada per perdere metà della sua popolazione entro il prossimo secolo, secondo le ultime statistiche. Incredibile. Un terzo delle donne reclama lo status di casalinga, ma molte sono ostacolate dall'impossibilità di trovare un uomo che possa gestire un'intera famiglia nella realtà odierna. Con il cambiamento dei ruoli di genere, uomini e donne stanno rimandando il matrimonio e molti scelgono di non sposarsi affatto. L’abbandono rurale intanto continua e molte città rischiano di vedere le loro giovani donne risucchiate dalle grandi città. Grazie alle rigide consuetudini tradizionali del Giappone, solo il 2% dei bambini nasce al di fuori dei matrimoni (circa il 5-10% negli altri paesi). Che sta accadendo? Emerge una cultura che consente ai singoli consumatori di ripartire in compartimenti e suddividere i bisogni, quelli che fino a ieri erano condivisi e raggiunti da entrambi i sessi nelle relazioni sociali e familiari: conoscenza dell’altro, lavoro, dialogo, intimità, sessualità… I bisogni di uomo e donna sono sempre più disgiunti e pur di soddisfarli il Paese si sfalda. Bisogni che comunque restano e devono essere appagati ma che non possono esserlo più così pienamente come prima. Ieri condivisi, oggi suddivisi. Ognuno per conto suo. Questo alimenta la necessità di una interazione umana graduale, per bisogni in mutazione, divenuti complessi. La coccola ad esempio, legata al sesso tradizionale, ora si trasforma, privata del minimo valore sessuale. Virtualmente è pratica erotica, ma viene castrata. Volutamente. La coccola nata per dare calore è ridotta a gelida merce di scambio. Un altro caso viene alla luce: i Club Incontri. Esclusivi per giapponesi, luoghi raffinati in cui uomini e donne pagano centinaia di euro l'ora per poter semplicemente, unicamente, solamente dialogare con persone dell’altro sesso, attraenti e di elevato profilo. Incontri uomo-donna per il solo dialogo,senza il “rischio” di una relazione. Le coppie si auto gratificano, si punta su uomini e donne ricchi e chi pare poco interessato a parlare è scartato. Qui le parole valgono più delle coccole. I luoghi delle coccole per uomini e donne e i Club Incontri fanno scuola. Magici luoghi per individui contrari o inadatti a relazioni semplici e spontanee, libere e naturali. Con il denaro, l’homo sapiens si rifugia nel prodotto confezionato. Scelta adatta per eunuchi, poveri di spirito e disadattati sociali. Gli Altri.

 

La camera del pianto


17 anni fa, alla processione funebre di Hideto Matsumoto, l'ex chitarrista superstar della band di metal X Japan, migliaia di uomini e donne girovagavano per le strade, piangendo fino a crollare a terra e venivano soccorsi e per continuare a piangere erano riforniti d’acqua dalle ambulanze. In un Paese di individui stereotipati senza visibili emozioni, se si tratta di mostrare come si sentono, i giapponesi tirano fuori dal profondo un’arte sconosciuta. Da quel triste giorno, il Mitsui Garden Yotsuya Hotel di Shinjuku, a Tokyo, ha avuto l’idea: la camera in cui le donne possono chiudersi e piangere fino all’esaurimento. 8 stanze sono dedicate a questo speciale servizio e altre saranno per i clienti uomini. Tessuti morbidi in cashmere, dodici film strappalacrime per toccare il cuore, libri toccanti, fumetti sentimentali scelti da un esperto, fazzoletti in stoffa per lenire gli occhi gonfi, maschere per il viso, latte detergente per il trucco: questo l’occorrente per passare una serata con se stesse e sfogare frustrazioni, dissidi interiori, amori contorti o naufragati, stress sul lavoro e tensioni familiari. Tutto studiato per consentire alle donne turbate di rilassarsi e lasciar fluire liberamente le emozioni nella notte. La mattina dopo i cattivi pensieri saranno solo un ricordo: con il kit per il viso Lei ritorna impeccabile per il nuovo giorno. La donna giapponese è abituata allo stress. A Tokyo ci sono carrozze riservate alle donne che viaggiano dalle 7.30 alle 9.30, per evitare le molestie sessuali sui treni pendolari (dalla pacca sul culo in su). Tokyo è una delle città più popolose al mondo (13 milioni di abitanti) e il Giappone è una nazione con città costruite su strette pianure tra vaste zone montuose, con milioni di persone stipate in piccoli spazi, dove cortesia e tranquillità sociale sono forse più un bisogno sociale che un gesto educato. Un luogo per sfogare il pianto indica qualcosa di profondo e l'idea di pagare €100 per piangere chiusa in una camera d’Hotel è forse grottesca, ma va calcolato il minimo spazio che le residenti in città hanno per se stesse, alloggi prigione fatti di minuscole celle, come dicono a Tokio grandi come il coperchio di un bidone e con pareti eteree, spazio sognato per la propria intimità, assenza di parchi e verde per sedersi tranquille e l’assillante minaccia della claustrofobia che le logora in casa, in strada, in treno e al lavoro.

 

Il bar delle vitamine (Bar IV)

L’ultima idea per la salute? Vitamine sparate per via endovenosa, flebo con soluzione salina, vitamine e minerali specifici per un problema di salute o di bellezza. Effetto rapido per ottenere una pelle migliore, bruciare i grassi e dare una botta d’energia. L’idea è ora moda e la scelta è tra la dose arancione,la carica di antiossidanti con virtù anti-invecchiamento, la placenta pack per ringiovanire e alleviare la rigidità muscolare e la dose blu, la più richiesta dai business men, miscela di vitamina B1 e vitamina E per alleviare l'esaurimento. I prezzi vanno da $ 20 a $ 30 per iniezione e in media si interviene su 30- 40 persone al giorno. Medici e infermiere iniettano le flebo al Bar IV, 4° piano della Torre Ebisu Garden Place, pratica non coperta dall'Assicurazione Sanitaria Nazionale. Si arriva senza prenotazione, si tende il braccio e si inietta subito l’ago: 10 minuti, €16, dose scelta tra una decina di miscele con effetti diversi e breve corso di formazione finale. E’ medicina preventiva, dice il medico, Ogni giorno chi viene soffre di stanchezza, insonnia, mal di schiena o esaurimento. Non si prendono cura di se e ora da soli hanno coscienza della gestione quotidiana della salute. Molti sono accompagnati da marito, moglie o famiglia. Buon segno, no? Ricorda le mogli che a Dortmund aspettano in auto il marito entrato nel bordello delle bambole in silicone. La musica non cambia: Torno subito amore, 10 minuti, mi faccio un pera alla vitamina B12.
 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:14/11/2018 17:01:25
Ultimo aggiornamento:15/12/2018 14:51:20
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology