In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 24/07/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Abed Alem (Nazareth, Palestina, 1968 - ) - Freedom

 

Una riflessione sulle libertà costituzionali

di Alessandra Tucci

 

1948. Diventa legge. Suprema.

Diventa legge l’inviolabilità dell’essere umano. Della sua libertà.

Diventa legge ed è improfanabile, non (più) restringibile, l’espressione del proprio sé, del rispettivo essere. Ed ogni sua manifestazione. Di ciascuno, di tutti noi.

Agognate, negate, invocate, bramate, inseguite, implorate. Al buio di ritrovi clandestini, al calare di mannaie giustizialiste, sui bracieri ardenti della storia inquisitoria, dentro camicie di forza annodate nel non (con)senso, nelle righe infilate in tasca ai panciotti e tra sottane. Tra le lacrime di chi le ha scritte al fronte e in prigione. All’ora esatta della fine.

Le nostre libertà.

Liberi di pensare, che sia a favore o che sia contro, liberi di esprimerci e di tacere, liberi di riunirci e dissociarci, liberi nell’ascesi e nel dinamismo, liberi di cambiare, osservare, (pre)giudicare, liberi di pregare Dio o mammona, liberi di criticare. Liberi di amare chi scegliamo, per il tempo che sentiamo, tutte le volte che vogliamo. Liberi di creare e di distruggere, liberi di evolvere e ricominciare. Liberi di essere.

Le nostre libertà.

Un terzo dei Padri Costituenti sono finiti in carcere. Le hanno offerte per garantirle a tutti.

Non hanno smesso di lottare, sono riusciti a liberarle.

Le hanno strappate a tutto ciò che è dispotico regime e le hanno erette ad emblema e strumento di un (con)vivere civile. Perché il nostro Belpaese tornasse a concentrarsi su ciò che da sempre gli riesce meglio, la creazione della sua esplosiva bellezza, intima ed esteriore. Individuale e collettiva.

Prendiamo la Costituzione, cerchiamo lì le nostre libertà, ci sono tutte. E proviamo ad immaginare sulla pelle, una per una, cosa sia non averle (più).

Forse, così, ci fermerem(m)o un attimo prima della prossima incosciente acclamazione di una qualche loro privazione.

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:15/06/2019 19:30:28
Ultimo aggiornamento:15/06/2019 19:39:25
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology