Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]
Aggiornato al 20/04/2021

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Michael Henderson (Born in USA - Procida and Venice) - Math III (2010)

 

Il razzismo in matematica   (1/2)

di Vincenzo Rampolla

 

Il 13 febbraio dell’anno 2021, Il Ministero dell'Istruzione dell'Oregon ha diffuso online un opuscolo di 82 pagine per un nuovo corso progettato per gli insegnanti dei livelli 6-8 (in Italia le scuole medie inferiori.) Titolo: Pathway to Equitable Math Instruction (Un percorso per un'istruzione matematica equa), con una sezione centrata sulla rimozione del razzismo dalla matematica. Questo strumento offre agli insegnanti l'opportunità di esaminare le proprie azioni, convinzioni e valori sull'insegnamento della matematica, si legge nella sezione Dismantling Racism in Mathematics Instruction. Il quadro per la decostruzione del razzismo in matematica offre caratteristiche essenziali degli educatori di matematica antirazzisti e approcci critici per smantellare la supremazia bianca nelle classi di matematica, rendendo visibili (sic) le caratteristiche tossiche della cultura della supremazia bianca rispetto alla matematica.

Il corso si autodefinisce: Un approccio integrato alla matematica e mirato per studenti neri, latini e multilingue nelle classi 6-8, che affrontano gli ostacoli all'equità in matematica e allinea l'insegnamento agli standard di misura del livello scolastico. Spesso l'accento è posto sull'apprendimento della matematica nel “mondo reale”, come se le nostre classi non fossero parte del mondo reale, è detto nell'opuscolo. Questo rafforza le nozioni di intelligenza, perché la matematica è vista strumento utile solo quando è in un contesto particolare. Tuttavia, questo può portare all'uso della matematica per condividere i modi di essere e la comprensione del mondo capitalista. Il corso richiede agli insegnanti di: Sfidare i modi in cui la matematica viene utilizzata per sostenere le visioni capitaliste, imperialiste e razziste. Il concetto che la matematica sia puramente oggettiva è inequivocabilmente falso, e insegnarlo è ancora peggio. Sostenere l'idea che ci siano sempre risposte giuste e sbagliate deprime l'obiettività, al pari del timore di un conflitto aperto (sic).

In sintesi: si presuppone in modo assiomatico che la matematica sia razzista e si richiede una  nuova classe di docenti in grado di trasmettere agli allievi un insegnamento che la purifichi da tale segno distintivo. Inizio del corso: 25 febbraio 2021, con mail inviata dal Ministero. Di questo corso alla data odierna, ancora non c’è traccia nei siti europei. Si vedrà. Aspettiamo.

La Fondazione Bill&Melinda Gates ha deciso di finanziare un gruppo di educatori paladini del razzismo in matematica. Hanno messo a punto un fascicolo (toolkit) diviso in 5 Fasi con un approccio integrato allo sviluppo di una matematica pratica antirazzista vista attraverso la lente della giustizia sociale. Il concetto di matematica del tutto oggettiva viene denunciato come assolutamente falso: concentrarsi sulla risposta giusta alle equazioni matematiche è un esempio di supremazia bianca (sic).

Allora? La matematica è razzista e le risposte dei problemi sono errate e instaurano la supremazia dei bianchi. Il toolkit si concentra sul termine equità, parola d'ordine, alfiere di progresso per l’intero 2021 e per il futuro che afferma che la supremazia dei bianchi e la matematica vanno di pari passo. La missione degli educatori è liberare le loro classi dal flagello della matematica razzista plasmando i loro studenti. In questo senso il nero è razzista. Pensa che il bianco usi la matematica per imporgli soluzioni proprie e preconfezionate.

Dice il bianco: Che valore daresti tu, nero, ad esempio, a 1+1 invece del valore 2 che do io?

Risponde il nero: Parliamone, può darsi che tu abbia ragione.

Continua il nero: Perché deve essere proprio 2? E incalza con una domanda semplice:

Com’è fatto l’atomo? Spiegami tu, dannato bianco, perché devo accettare a tutto i costi il modello del tuo scienziato Niels Bohr?

Reazione reciproca, rigetto biunivoco. E tu dannato nero? Dimmi tu quale modello alternativo dovrei proporre per l’atomo, visto che quello del mio scienziato non ti sta bene.

Insiste il nero: Come posso accettare le tue proposte, se addirittura ti rifiuti di imparare la mia lingua. Come comunichi con me? Solo con la tua lingua, non ti abbassi a imparare la mia. Chi sei tu che bussi alla mia porta, occupi le mie terre e rigetti la mia lingua per parlarmi?

Esaminiamo l’opuscolo. Le lezioni in Dismantling Racism in Mathematics Instruction avvertono gli educatori che la cultura della supremazia bianca si esprime in classe quando gli insegnanti trattano gli errori come problemi, equiparandoli a torto per rafforzare le idee di perfezionismo (gli studenti non dovrebbero commettere errori) e di indulgenza (gli insegnanti o altri esperti possono e devono correggere gli errori). Non spiega, né giustifica perché la cultura della supremazia bianca sia quella enunciata. Afferma solo che è quella e tale resta.

Un rapido modo per smantellare la cultura suprematista bianca, secondo il testo, è eliminare l'ordine in classe. Richiedere agli studenti di alzare la mano prima di parlare può rafforzare il paternalismo e il power hoarding (accumulo di potere) oltre a interrompere i processi del pensiero, dell’apprendimento e della comunicazione.

Proseguiamo. Raccomandazione: insegnare la matematica attraverso gruppi di studio, con danza, musica, canzoni, domande e risposte e altre modalità culturali di comunicazione.

Prerequisito. Per essere un “giusto” docente di matematica antirazzista, l’insegnante deve ammettere il ​​suo razzismo. Il toolkit spiega che chi vuole essere un “vero” insegnante di matematica antirazzista, deve abbracciare la propria identità, probabilmente di razzista duro e autoritario. Perfetto, andiamo avanti. Gli sforzi lo guideranno attraverso l’impegnativo lavoro di coaching, emotivamente gravoso per l'equità matematica. Prima di impegnarsi in qualsiasi sessione di istruzione agli studenti, viene detto: Dovete fare una ricerca dell'anima per affrontare le vostre convinzioni e pregiudizi intrinsecamente razzisti, ben inquadrati e forti dell’autorità personale in seno a una struttura. Al termine del cammino, siete sulla buona strada per sfidare i modi in cui la matematica viene utilizzata per sostenere le opinioni capitaliste, imperialiste e razziste.

Agli insegnanti viene anche chiesto di: Rivedere tutti i modi in cui i problemi di parole e il loro contesto si presentano nel programma, limitando o eliminando i riferimenti al denaro, e in particolare alle transazioni (sic). Nessun cenno alla redistribuzione della ricchezza di altri. Elemento di alta criticità: per gli studenti di colore la matematica è diversa. Asserto chiave del toolkit: gli studenti di colore interpretano e usano la matematica in modo diverso dagli studenti bianchi. Insegnare agli studenti di colore il modo giusto di fare matematica, porta a rafforzare la cultura della supremazia bianca. La forza della matematica occidentale risiede nell’imporsi, senza affrontare le cause alla base del motivo per cui alcuni gruppi di studenti hanno prestazioni inferiori, caratteristica che dovrebbe invece essere esaminata a fondo.

Si legge nel testo: Un insegnamento 'buono' della matematica riguarda un tipo eurocentrico di matematica, privo di modi culturali di essere e tutti gli studenti delle minoranze in un certo senso sono trattati come inferiori rispetto agli studenti bianchi, sostenendo che non sono in grado di capire il modo corretto di imparare la matematica.

L’opuscolo incita gli educatori a rafforzare l'obiettività e l'idea che esista un solo modo “giusto” per risolvere le equazioni perché respinge i metodi di elaborazione degli studenti e presuppone che solo gli studenti non bianchi avrebbero questo problema, quindi solo gli studenti di colore risultano incapaci.

Non è chiaro perché la Bill&Melinda Gates Foundation finanzi questo tipo di insegnamento radicale. Il sito web di Pathway ringrazia la Gates Foundation per il loro generoso sostegno finanziario a questo progetto. Nessun'altra organizzazione non profit è elencata per le donazioni e non viene detto l'importo donato. Secondo il Washington Free Beacon, la Foundation ha foraggiato $140 M ad alcuni dei gruppi sostenitori di Pathway e ha anche passato decine di milioni a The Education Trust, fautore del toolkit Pathways.

Il razzismo in matematica attecchisce.

Nelle scuole pubbliche di Seattle (Stato di Washington), questo concetto è stato lanciato un anno fa, dopo la pubblicazione di un primo lavoro sugli Studi Etnici ed è adottato nelle classi. Shraddha Shirude, insegnante di matematica del 2° anno alla Garfield High School, tiene un corso facoltativo di Ethnic Studies Mathematics per l'anno scolastico 2020-21.

Lei si definisce Racial Equity Coach (Allenatrice di equità razziale) e mette in dubbio l’identità  dell'equazione 2 + 2 = 4, frase di attacco (parole sue) dopo che la sua squadra (sempre termine suo) le ha posto la domanda: Chi può determinare che cosa sia giusto in una classe di matematica? E continua: Puoi vedere la matematica ovunque nel mondo e in ogni relazione, che sia umana, animale, vegetale, sull’universo. Come viene usata la matematica? Per opprimere le persone. Non è così che deve essere considerata e insegnata. Il modo più semplice per rendertene conto - che è un modo di vedere la matematica nel contesto della giustizia sociale - è quando non insegni come la matematica possa influenzare uno studente nel mondo reale. Nel suo documento Domande essenziali, e qui è il punto, dice testualmente:

  1. Chi può determinare che cosa sia giusto nella lezione di matematica?
  2. Dove si manifestano il potere e la prevaricazione nelle nostre esperienze di matematica?
  3. Chi detiene il potere in una classe di matematica?
  4. Chi può dire che una risposta sia giusta?
  5. Come viene manipolata la matematica per autorizzare il persistere della disuguaglianza e della sopraffazione?
  6. Dove esiste un'opportunità per esaminare il livello di schiavitù del sistema?
  7. Potete suggerire soluzioni a pratiche di matematiche tiranniche?
  8. Come possiamo cambiare la matematica dal pensiero individualistico a quello collettivista?

E il tribalismo è una forma di collettivismo, filosofia che nega il primato dell'individuo, subordinando la mente raziocinante al gruppo razziale o collettivo. Il tribalismo è il prodotto e l'elaborazione logica della filosofia irrazionale postmoderna.

Nathan Glazer collettivista tribale incapace, a suo dire, di risolvere l'insolubile (sic), ha detto:

La stragrande maggioranza delle persone nasce in una religione, piuttosto che adottarla, proprio come nasce in un gruppo etnico. Sotto questo aspetto entrambi sono simili. Sono entrambi gruppi di attribuzione piuttosto che di realizzazione. Sono gruppi in cui lo status di uno è immediatamente dato alla nascita, più che acquisito da alcune attività nella sua vita.

Qualcuno dubita che la teoria razziale e la filosofia irrazionalista su cui si fonda non cada a pennello con il progresso scientifico, per le società pacifiche e per la cooperazione umana?

(consultazione:   jason rantz, bill&melinda gates foundation bankrolls ‘math is racist’ lunacy; planetmoron - making math explicitly racist, one student at a time, aspen institute education & society program; jeffrey swindoll - oregon warns math is racist, promotes program for teachers to dismantle its white supremacy; jones e okun 2001 - smantellamento del razzismo 2016; shraddha shirude - dispense cap.12, tribalism, racial theory, the individual human being - journalpulp.com)

 

Inserito il:25/02/2021 12:19:41
Ultimo aggiornamento:25/02/2021 12:26:42
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.
Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology