In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 21/08/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Giandomenico Tiepolo (1727 -  1804) – L’altalena dei Pulcinella - 1783

 

Pulcinella a Panama.

 

La diffusione attraverso i media di tutti i continenti dell’archivio segreto dello studio legale Mossack e Fonseca di Panama ha fatto sapere al mondo che una grande quantità di vip politici, sportivi, artistici, imprenditori con i loro parenti e amici di merenda utilizzano i paradisi fiscali che ci sono in giro per occultare denaro più o meno lecitamente guadagnato e comunque per sottrarlo al fisco, ad occhi indiscreti, a rischi finanziari ed anche a movimenti rivoluzionari che da qualche parte del mondo sono molto attivi e non solo per motivi ideologici. Bisogna dire che spesso i motivi ideologici e il denaro si coprono a vicenda, ma in realtà ognuno dei due viaggia per proprio conto e non si impegna a coltivare con l’altro una grande amicizia.

Perché questo archivio è stato aperto a tutti, chi lo ha fatto e come? Questo non si sa e non ha alcuna importanza, perché l’evento rientra nel novero degli accadimenti che ogni tanto succedono da qualche parte per merito o per colpa di qualche visionario, di qualche fanatico, di qualcuno che lo fa per interesse o per passione o semplicemente per scrivere il proprio nome e quello della impresa per cui opera in qualche episodio di risonanza mondiale.

Dove sta la novità direbbe Pulcinella. Forse nella conferma che Panama è da tempo una porta comoda per entrare nel mondo di chi vuole proteggere il proprio danaro ed anche un porto finanziario sicuro dove le strutture ci sono, i servizi pure e guaglioni per le strade che disturbano non ce ne sono? La verità è che chi ha tanto danaro da sempre sa con chi parlare e cosa fare per salvaguardare il malloppo come direbbero gli svizzeri. Adesso comunque anche Pulcinella non è più tenuto a tenere il segreto.

Certo che leggere che tra gli utenti dei servizi dello studio Mossack e Fonseca ci sono il Presidente della Cina e alti funzionari del Partito Comunista, il Presidente della Russia con alcuni suoi amici, quello dell’Islanda, della Argentina, il Re dell’Arabia Saudita, la zia del re di Spagna, l’ex Presidente dell’Egitto e poi tanti grandi campioni dello sport, artisti di fama internazionale, criminali noti e ricercati o semplicemente possessori di danaro ottenuto attraverso l’esercizio di incarichi istituzionali o di incarichi pubblici ma in posizioni panoramiche, viene un po’ da pensare a come è fatto il mondo.

Viene da pensare che il mondo è fatto così da sempre e che lo sviluppo della tecnologia, la valorizzazione della comunicazione, l’accentuazione della spregiudicatezza conseguenza di modelli sociali sempre più competitivi favoriscono la divisone tra chi il denaro lo ha e lo incrementa di continuo e chi il denaro non lo ha e cerca solo il modo per vivere. Naturalmente da tanto tempo che si cerca di promuovere una classe intermedia che magari non possiede tanto denaro ma che non ha allo stesso tempo problemi per vivere. Questa classe intermedia servirebbe soprattutto a quelli che il denaro lo hanno per davvero, perché così possono mettere un bel cuscino tra loro e quelli che si possono definire miserabili, un cuscino di protezione e che possono coinvolgere in caso di attacco o di crisi e da questo cuscino ogni tanto consentono che una piuma entri a far parte del loro mondo. E’ evidente che la politica, questa disciplina che cura l’evoluzione della società, presenta lo sviluppo di una classe intermedia, della piccola borghesia, come spesso si dice come una conquista sociale, come la possibilità di togliere molte persone dalla condizione di miserabile e portarle alla dignità di benestante.

Ora Pulcinella tutto questo lo ha sempre saputo, ma il mondo ha bisogno di simboli, di segnali per ricordare certe cose come insegna la storia. E poi succede a tutti noi quando per ricordare una strada che percorriamo o per una vicenda di cui ci dobbiamo occupare per curiosità o per professione cerchiamo degli appigli, degli spunti, un nodo al fazzoletto che ci consenta di ritrovare la strada e di guidare la memoria verso quello che ci serve. Ed allora da questo momento Panama sarà il segnale che ci serve per ricordare come gira il denaro nel mondo e Pulcinella si preoccuperà di dirlo a tutti quelli che glielo chiederanno.

 

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:05/04/2016 12:19:22
Ultimo aggiornamento:05/04/2016 12:23:11
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology