In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 21/08/2019

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Liu Dan (1953, Nanjing, Jiangsu) - Preparatory drawing for “Dictionary” - 1991

 

Dizionario del diverso

di Davide Torrielli

 

Cari Ants,

da qualche anno siamo stati immersi in un linguaggio strano che propone un gap, a mio avviso, interpretativo tra la realtà vera delle cose e la semantica o etimologia vere e proprie del termine che viene usato.

In estrema sintesi riceviamo un suono che associamo a concetti per noi già noti ma in realtà il riferimento reale è differente, sia esso un concetto come un oggetto o simili.

Questo avviene perché è in atto un tentativo di sdoganamento di una operazione a mio avviso così bieca e strutturata da richiedere anche un intervento linguistico di assimilazione:  in chimica ad esempio per tamponare un acido si usa una base per ottenere un ph neutro ma rimane il fatto che l’acido era acido nonostante tutto.

Qui a seguire mi lancio in una sorta di dizionarietto da me interpretato per dare il giusto, a mio personalissimo parere, senso alle parole che sentiamo propinarci di continuo.

Flusso Migratorio: invasione.

Immigrati: clandestini da accertare.

Richiedenti Asilo: truffa ai danni dello Stato.

Canale di Sicilia: coste libiche.

ONG: Organizzazione Nautica Gruppi

CARA: Centri di accertamento risorse amministrative

Accoglienza: sfruttamento.

Equa ridistribuzione territoriale: spedizione risorse umane.

Cooperative assistenza: associazioni a delinquere.

Rifugiati: invasori.

Accertamento provenienza: smistamento alla buona.

Programmi di inserimento sociale: elemosina nel migliore dei casi, furti rapine e stupri nei peggiori.

Salvataggi naufraghi:  bla bla car o uber.

Tolleranza: soddisfazione di falsa coscienza.

Condivisione: a te lo scarto e me la prima scelta.

Reimpatri: proforma.

Miglia nautiche: unità di misura personale che si dilata e stringe secondo necessità.

Prefetture: receptions.

Contributo economico giornaliero: stipendio mafioso.

Frontiere: welcome points

Sono certo che tra le migliaia di  persone che andiamo a prelevare a 10 miglia e che  portiamo in Italia invece  di portarli, come prevedono le leggi internazionali, in Tunisia o a Malta, ci siano veramente esseri umani in difficoltà seria verso i quali occorre avere un atteggiamento di vera e propria accoglienza o cosa, ma è anche vero che le statistiche invece ci dicono che si tratta di un altro fenomeno che nulla ha a che fare con la fuga dalla guerra  ma che invece attiene in maggior parte ad una ricerca di miglioramento economico del proprio stile di vita.

Per fare questo, occorre però un sistema un po’ diverso da quello che stiamo invece adottando che alimenta ancora una volta un fiorente mercato e business di dimensioni inimmaginabili e chi ne fa e farà le spese sono e saranno i nostri figli che non potranno più essere padroni a casa loro.

Riflettiamo insieme.

Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:23/03/2017 17:48:59
Ultimo aggiornamento:23/03/2017 17:54:09
Condividi su
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology