Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]
Aggiornato al 01/03/2021

È molto più bello sapere qualcosa di tutto, che tutto di una cosa; questa universalità è la cosa più bella.

Blaise Pascal

Marlene Yoong (Bristol, Somerset, UK) – The Depth of Foolishness

 

Smarrito il buon senso        

di Davide Torrielli

 

Il covid19 tra i tanti sintomi ne ha anche qualcuno non ancora studiato a fondo, a tratti anche più preoccupante e pericoloso della perdita di olfatto, gusto, febbre e quant’altro.

Lo scopriranno presto, nel dna del virus, c’è una proteina che in qualcuno si evidenzia in modo consistente ed attiva la perdita completa del buon senso, quello che è facile da rilevare e che viene normalmente ed uniformemente identificato da tutti come la necessità, semplice ed inequivocabile, di non rompere i marroni con cose meno importanti quando si è di fronte ad evidenti problemi di natura ben più pesante.

Di qui, ad esempio, le minacce di caduta del governo da parte di qualcuno, di richiesta di dimissioni del Presidente del Consiglio da altri, di rimpasti e politica vetero passata: di fronte ad una immane pandemia, le cui reali conseguenze vedremo solo a consuntivo, c’è chi chiede quanto sopra, nella più totale incoscienza, incompetenza e  dissennatezza. Autentici scemi da palcoscenico a cui il covid si spera intervenga per tenerli a casa.

Altri invitano già ad una posizione critica verso i vaccini, denotando dimensioni encefaliche così ridotte da necessitare un ricovero per essere studiati.

C’è chi definisce, ed insiste, la mascherina, inutile, chi continua a urlare ai migranti, al decreto sicurezza ed ad altre baggianate, certamente da tenere in conto ma non in questo periodo.

E poi, il rispetto del Natale, del pranzo della cena e della messa!

Scandaloso, attaccarsi a queste cose in un momento in cui lasciamo sul campo mille persone al giorno, e ci preoccupiamo delle lenticchie, di cosa fare a Natale?

Ecco, qui, davvero non siamo in grado di tirare una bella riga spessa, su queste cose per un solo anno e metterci tranquilli, senza rompere i maroni e lasciare lavorare le persone in modo sereno, senza andare a causare ancora questioni inutili su stupidaggini?

Se per un anno, il Natale torna ad essere un momento un poco più povero, più tranquillo, meno concitato, che succede? Moriremo?

Vedrete che ne trarremo tutti un gran vantaggio.

Questioni e discussioni infinite, sul passaggio a zona gialla, sul fatto che non si potrà uscire dal comune in tre giorni, robe da fuori di testa: discutere su queste cazzate mentre tanta gente soffre e cerca di uscire dalla rianimazione aiutata da medici stanchi e stremati, ha solo una causa: la perdita totale di ogni forma di buon senso.

Un appello cari italioti, non rompete i maroni, state a casa e cancellate per una volta,  una sola volta, il 2020 dal calendario: aiuterete la gente che sta cercando di farcela e se per una volta la messa non sarà a mezzanotte, se non vi rimpinzerete con le lasagne dello zio, non capiterà nulla …. Per una volta sola.

Tanto, come molti assennati dissero già un anno fa, ne usciamo solo con il vaccino altro che.

Te vaccina

 

Inserito il:10/12/2020 17:26:03
Ultimo aggiornamento:10/12/2020 17:47:53
Condividi su
ARCHIVIO ARTICOLI
nel futuro, archivio
Torna alla home
nel futuro, web magazine di informazione e cultura
Ho letto e accetto le condizioni sulla privacy *
(*obbligatorio)
Questo sito utilizza cookies.
Cookie policy | Privacy policy

Associazione Culturale Nel Futuro – Corso Brianza 10/B – 22066 Mariano Comense CO – C.F. 90037120137

yost.technology